Weekly Review

ComplianceNet weekly review (September 12th, 2015)

italian-government-bond-etfs.jpg
Week: from September 7th to September 13th 2015

Index

  • DPA – Data privacy authority - Children's Privacy - serious violations by sites and apps (September 7th, 2015)
  • IVASS: new rules on handling complaints in consultation (September 7th, 2015)
  • OECD: open governance (September 8th, 2015)
  • DIA: 2041 2nd semester Report - criminal penetration in the north and in Lazio (September 9th, 2015)
  • FATCA: from 2016 comprehensive tax data exchange (September 9th, 2015)
  • Tax compliance too expensive for small and medium-sized enterprises (September 10th, 2015)
  • The “Vaduz list” can be used for tax purposes (September 10th, 2015)
  • The Italian government approves the 4th AML Directive (September 10th 2015)

DPA – Data privacy authority - Children's Privacy - serious violations by sites and apps (September 7th, 2015)

The results of the survey conducted by the Guarantor of the Italian privacy in collaboration with other international authorities have been published.
Apps and websites used by Italian children do not adequately protect the privacy of small users. Among the 35 cases investigated by the Privacy Guarantor as many as 21 have shown serious risk profiles and 8 of these will require special inspections.
These are the main findings of the survey conducted by the Italian Authority, in collaboration with other international authorities of the Global Privacy Enforcement Network (GPEN), on the occasion of "Privacy Sweep 2015" dedicated to the protection network of children between 8 and 13 years of ages.
"We need sites and apps suitable for children" - said the President Antonello Soro. - "The results of the survey conducted by the experts of the Italian Guarantor show that we are still far from a proper protection of children's data. And it is increasingly clear that almost all children between 8 and 13 years are using online technology tools but are not adequately protected. Many companies that manage sites and develop apps - continues Soro - demonstrate an irresponsible approach towards children.
Of course, parents should follow their children also their technological development.
The Guarantor of privacy will continue to monitor the situation and take action against all forms of abuse, both in Italy and abroad, along with colleagues from the GPEN ".

IVASS: new rules on handling complaints in consultation (September 7th, 2015)

IVASS, the Italian Insurance authority, has placed in public consultation the “scheme Ruling 25/2015 modification of ISVAP Regulation. 24 of 19 May 2008” on the management of complaints, aimed at aligning the Regulation with EIOPA guidelines regarding the management of complaints made to insurance agents .
Guidelines on the management of complaints from insurance intermediaries issued by EIOPA predict that national supervisors are required to ensure the compliance of insurance intermediaries with eight guidelines concerning:
1.    the management of the complaint by the competent person;
2.    the definition of a policy for the handling of complaints;
3.    the establishment of a corporate function for handling complaints;
4.    registration of the complaints received;
5.    Reporting to the Supervisory Authority;
6.    analysis of complaints data, aimed at the identification and resolution of recurring and structural problems;
7.    adequate information to be provided to consumers;
8.    the definition of an adequate procedure for handling complaints.

OECD: open governance (September 8th, 2015)

On 7 September 2015 the OECD, Organization for Cooperation and Development, published it “Principles of corporate governance”.
The guidelines are aimed at optimizing international business management of enterprise, acting on a discretionary and non-binding offer to the OECD countries (and not) a standard of proper governance to reduce economic, communication and interpersonal problems.
Some of the innovations contained in the text are:
•    companies’ voluntary opening to the market and to improved monitoring of exposure to corporate risks
•    explicit prohibition of insider trading for important share-holders (institutional investors) and external non-executive directors that obviate conflicts of interest.
•    news for shareholders that, in addition to the right to attend meetings, can participate in the judgment on executive remuneration.

DIA: 2041 2nd semester Report - criminal penetration in the north and in Lazio (September 9th, 2015)

The DIA - Anti-Mafia Investigation Directorate- published its “2041 2nd semester Report”. According to the DIA geographical areas most at risk to the criminal infiltration are Piedmont and Lazio.
DIA writes that there is a “spontaneous exodus of organized crime to the Capital, an ideal refuge for fugitives and money laundering of illicit proceeds, as shown by recent police operations”.

FATCA: from 2016 comprehensive tax data exchange (September 9th, 2015)

The ratification decree of the Italian Ministry of Economy and Finance (MEF) of the FACTA agreement between the Government of the Italian Republic and the Government of the United States of America, was published in the Official Gazette of 13 August 2015, n. 186.
The objective of the international agreement is to improve tax compliance and enforce FATCA legislation.
With reference to the exchange of information a gradual increase of the exchange of information , it is expected until a full exchange is reached in 2016.

Tax compliance too expensive for small and medium-sized enterprises (September 10th, 2015)

According to the OECD - Organisation for Economic Cooperation and Development http://www.oecd.org/ - tax compliance is too expensive for SMEs - Small and Medium Enterprises.
This was stated by “Taxation of Smes in OECD and G-20 countries http://www.oecd.org/ctp/taxation-of-smes-in-oecd-and-g20-countries-97892... ” report, which analyzes the tax systems applicable to smaller companies in the 39 most economically developed countries in the world.
The direct and indirect costs to be in compliance with taxes and contributions are often "out of proportion" to the structure and size of the companies, the OECD says.
For this reason, in Europe more than half of new businesses last no more than five years.

The “Vaduz list” can be used for tax purposes (September 10th, 2015)

The Italian Supreme Court (Cassazione) with ruling no. 16950/2015 supported the possibility of using the “Vaduz list” for tax purposes.
This list contains data on foreign clients and was stolen by an employee of the LGT Bank in Vaduz.
The list was then acquired by the German authorities and after was revealed to other EU countries.
Directive 2011/16 / EU, art. 18, states that the authorities of a Member State may not refuse to provide information solely because it is held by a bank or other financial institutions and banking secrecy does not constitute an overriding principle.

The Italian government approves the 4th AML Directive (September 10th 2015)

On 10 September 2015 the Italian government approved the draft order for the transposition of Directive 2015/849 on the "Prevention of the use of the financial system for the purpose of laundering the proceeds of criminal activity and terrorist financing" (and Regulation EU 2015/847) the so-called IV AML Directive.
The main new features:

  1. the express inclusion of tax offenses in the category of offenses of money laundering, as falling within the definition of "criminal activity";
  2. greater centrality ascribed into AML risk-based approach;
  3. the clarification and expansion of the powers and functions of the Financial Intelligence Unit (FIU) of the individual countries;
  4. the adoption of measures to strengthen international cooperation between authorities on money laundering;
  5. strengthening the standards of transparency of corporate structures, foundations and trusts.

Italian version

Indice

  • Garante: Privacy dei bambini, pesanti violazioni da siti e app (7 settembre 2015)
  • IVASS: nuove disposizioni su gestione reclami in consultazione (7 settembre 2015)
  • Ocse: una governance aperta (8 settembre 2015)
  • DIA: relazione 2° semestre 2014 - penetrazione criminale al nord e nel Lazio (9 settembre 2015)
  • Fatca: su informazioni fiscali dal 2016 scambio dati completo (9 settembre 2015)
  • Compliance fiscale troppo cara per le piccole e medie imprese (10 settembre 2015)
  • Anche la «lista Vaduz» è utilizzabile a fini fiscali – sintesi (10 settembre 2015)
  • Il governo italiano approva la IV Direttiva antiriciclaggio UE (10 settembre 2015)

Garante: Privacy dei bambini, pesanti violazioni da siti e app (7 settembre 2015)

Resi noti i risultati dell’indagine svolta dal Garante della privacy italiano  in collaborazione con le altre Autorità internazionali

Le app e i siti internet più utilizzati dai bambini italiani non tutelano adeguatamente la privacy dei piccoli utenti. Tra i 35 casi analizzati dal Garante della privacy ben 21 hanno evidenziato gravi profili di rischio e 8 di questi richiederanno specifiche attività ispettive.
Sono questi gli esiti principali dell’indagine svolta dall’Autorità italiana, in collaborazione con altre ventotto Autorità internazionali del Global Privacy Enforcement Network (GPEN), in occasione del "Privacy Sweep 2015" dedicato alla protezione in rete dei bambini tra gli 8 e i 13 anni.
"Occorrono siti e app a misura di bambino" – sottolinea il Presidente Antonello Soro. - "I risultati dell’indagine condotta dagli esperti del Garante italiano evidenziano che siamo ancora molto lontani da una corretta tutela dei dati dei minori. E’ sempre più evidente che quasi tutti i bambini tra gli 8 e i 13 anni usano strumenti tecnologici collegati in rete, ma non sono adeguatamente protetti. Molte società che gestiscono siti e sviluppano app – continua Soro – dimostrano un approccio irresponsabile nei confronti dei minori. Naturalmente, i genitori devono seguire i loro figli in questo percorso di crescita anche tecnologica. Il Garante della privacy continuerà a vigilare e a intervenire contro ogni forma di abuso, sia in Italia, sia all’estero assieme ai colleghi del GPEN".

IVASS: nuove disposizioni su gestione reclami in consultazione (7 settembre 2015)

L’IVASS ha posto in pubblica consultazione  lo schema di Provvedimento 25/2015 di modifica del Regolamento ISVAP n. 24 del 19 maggio 2008 in materia di gestione dei reclami, finalizzato ad allineare il Regolamento alle Linee Guida EIOPA in materia di gestione dei reclami degli intermediari di assicurazione..
Le Linee Guida sulla gestione dei reclami da parte degli intermediari assicurativi emanate dall’EIOPA prevedono che i supervisori nazionali sono tenuti a vigilare per assicurare la compliance degli intermediari di assicurazione a otto orientamenti riguardanti:

  1. la gestione del reclamo da parte del soggetto competente;
  2. la definizione di una policy per la gestione dei reclami;
  3. l’istituzione di una funzione aziendale per la gestione dei reclami;
  4. la registrazione dei reclami ricevuti;
  5. il reporting nei confronti dell’Autorità di vigilanza;
  6. l’analisi dei dati relativi ai reclami, finalizzata all’identificazione e risoluzione di problemi ricorrenti o sistemici;
  7. l’adeguata informativa da fornire ai consumatori;
  8. la definizione di un’adeguata procedura per la gestione dei reclami.

Ocse: una governance aperta (8 settembre 2015)

Apertura volontaria dell’azienda al mercato e controllo rafforzato dell’esposizione societaria ai rischi.
Divieto esplicito di insider trading per i soggetti forti (investitori istituzionali) e amministratori esterni non esecutivi che ovviano al conflitto di interessi.
Novità anche per gli azionisti che, oltre al diritto di intervento in assemblea, partecipano al giudizio sulla remunerazione dei dirigenti.
Sono queste alcune delle novità contenute nei principi di corporate governance, resi noti ieri dall’Ocse, l’Organizzazione per cooperazione e sviluppo.
Le linee guida di gestione aziendale internazionale mirano all’ottimizzazione dell’attività d’impresa, agendo in modo discrezionale e non vincolante e offrendo ai paesi Ocse (e non) uno standard corretto di governance volto a ridurre criticità economiche, comunicative e relazionali.

DIA: relazione 2° semestre 2014 - penetrazione criminale al nord e nel Lazio (9 settembre 2015)

La DIA – Direzione Investigativa Antimafia – ha pubblicato il Rapporto relativo al 2° semestre 2014.
Secondo la DIA le aree geografiche più a rischio infiltrazione criminale sono il Piemonte e il Lazio.
Scrive la DIA: si osserva un “esodo spontaneo della criminalità organizzata verso la Capitale, rifugio ideale per i latitanti e territorio di riciclo di proventi illeciti, così come emerso da recenti operazioni di polizia.

Fatca: su informazioni fiscali dal 2016 scambio dati completo (9 settembre 2015)

Il decreto del ministero dell’Economia e delle Finanze, di ratifica dell’accordo tra il governo della Repubblica italiana e il Governo degli Stati Uniti d’America, è stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 13 agosto 2015, n. 186.
L’obiettivo dell’accordo internazionale è migliorare la compliance fiscale e applicare la normativa Fatca.
Con riferimento allo scambio di informazioni, si prevede un incremento graduale dello scambio di dati fino ad arrivare a uno scambio completo con riferimento all’annualità 2016.

Compliance fiscale troppo cara per le piccole e medie imprese (10 settembre 2015)

Compliance fiscale troppo cara per le piccole e medie imprese.
I costi diretti e indiretti per essere in regola con tasse e contributi sono spesso «sproporzionati» ri-spetto alla struttura e alle dimensioni delle aziende.
Al punto che, anche per questo motivo, in Europa più della metà delle nuove iniziative imprenditoriali non supera i cinque anni di vita.
Ad affermarlo è l’Ocse nel volume «Taxation of Smes in Oecd and G-20 countries», che analizza i sistemi impositivi applicabili alle imprese di minori dimensioni nei 39 paesi economicamente più evoluti al mondo.

Anche la «lista Vaduz» è utilizzabile a fini fiscali (10 settembre 2015)

La Corte di Cassazione, con la sentenza n. 16950/2015, ha sostenuto la possibilità di utilizzo, ai fini fiscali, della Lista Vaduz,frutto del trafugamento da parte di un funzionario della LGT Bank di Vaduz dei dati sulla clientela straniera, poi acquisiti dalle autorità tedesche e da questa divulgati ad altri Paesi dell’Ue.
La direttiva 2011/16/UE, all’art. 18, stabilisce che l’autorità di uno Stato membro non può rifiutare di fornire informazioni solamente perché detenute da una banca o altro istituto finanziario, non costituendo il segreto bancario un principio inderogabile.

Il governo italiano approva la IV Direttiva antiriciclaggio UE (10 settembre 2015)

Il 10 settembre 2015 il governo italiano ha approvato schema di decreto per il recepimento della direttiva 2015/849, relativo alla «Prevenzione dell’uso del sistema finanziario a scopo di riciclaggio dei proventi di attività criminose e di finanziamento del terrorismo» (e del regolamento Ue 2015/847) la cosiddetta IV Direttiva antiriciclaggio.
Le principali novità:

  1. l’espressa inclusione dei reati fiscali nel novero dei reati presupposto di riciclaggio, in quanto rientranti nella definizione di «attività criminosa»;
  2. la maggiore centralità attribuita nell’ordinamento antiriciclaggio all’approccio basato sul rischio;
  3. la precisazione e l’ampliamento dei poteri e delle funzioni delle Unità di informazione finanziaria (Uif) dei singoli paesi;
  4. l’adozione di misure volte a rafforzare la collaborazione internazionale tra le autorità antiriciclaggio;
  5. il rafforzamento degli standard di trasparenza di strutture societarie, delle fondazioni e dei trust.

Weekly reviews

See also

ComplianceNet: 

ComplianceNet weekly review (May 25th, 2015)

150526-false-accounting2.jpg

(image from Il Sole 24 Oreclick to enlarge)
Week: from May 18th to May 24th 2015

Summary

  1. Economy and legality - alarming data on Italian companies (15th May 2015)
  2. FATCA in Italy: data to the USA tax authorities due to be sent by September 30th 2015 (May 19th, 2015)
  3. The European Parliament ready to vote the new 4th AML directive (May 20th, 2015)
  4. Compounding banned in Italy since 1 January 2014 (May 21st, 2015)
  5. The Italian Parliament approves anti-corruption law and new rules against false accounting (May 21st, 2015)
  6. Italian Data Protection Authority Newsletter n. 402 of May 22nd, 2015 - clarifications on annuities

Economy and legality - alarming data on Italian companies (15th May 2015)

On May 15th, 2015 the Institute Tagliacarne presented the results of a research entitled “The economic value of legality for the small and medium Italian companies” (here in pdf).
According to data presented, illegal economical phenomena, mainly counterfeiting and money laundering, are prevalent in the business system especially in Lazio (42%) and Lombardy (30%) with the highest concentration in the southern Italy, Umbria and Liguria.
The research points out that the illegal economy destroys the legal market, prevents investment and distorts the financial availability.

Link

FATCA in Italy: data to the USA tax authorities due to be sent by September 30th 2015 (May 19th, 2015)

On 19th May 2015, the Agenzia delle Entrate, the Italian tax authority, published the “Technical Rules” to allow the sending of data by Italian banks to the IRS, the US tax agency, as foreseen by the intergovernmental agreement (Iga) signed between Italy and the United States relating to FATCA.
“Technical Rules” are proposed for public consultation until May 26th 2015.
Italian banks and financial operators which are obliged to comply with FATCA must submit data concerning those of their customers subject to US taxation  to the Agenzia delle Entrate within  30 days after the final promulgation of the “Technical Rules”.
Agenzia delle Entrate  will send the data received from banks to the IRS by September 30th 2015.
The original deadline for sending data to the US from Italy was originally fixed for April 30th, 2015 but the deadline that was not respected  by Italy due to delays in the Senate regarding bill n. 1719,  ratifying FATCA, which has not yet been approved.

Link

The European Parliament ready to vote the new 4th AML directive (May 20th, 2015)

On the 21st May 2015, after two years of intense discussions and continuous amendments, the European Parliament will on vote the 4th AML directive which will be compliant with AML international standards developed by the FATF - Financial Action Task Force.
The most significant Fourth Directive news concerns:

  1. the establishment of central registers in every European country containing accurate and current information on beneficial ownership of companies, legal entities or trusts; these records will be of public domain and can be consulted freely and without any restrictions by the competent authorities, as well as by journalists and by any person and organization that can demonstrate a legitimate interest;
  2. customer due diligence by banks, accountants, lawyers, notaries, real estate agents and casinos with the exception of the professional relationship when representing a client in legal proceedings;
  3. new rules to make it easier to trace the transfer of funds.

Link

Compounding banned in Italy since 1 January 2014 (May 21st, 2015)

The court in Milan with two orders, on 25th March 2015 and on 3rd April 2015 - Case RG 3562/2015 -  reaffirmed that the compound interest (“anatocismo” in Italian) in Italy is prohibited as stated in the law 147/2013, in force since 1st January 2014.
Compounding or “compound interest” is interest added to the principal interest of a deposit or loan so that the added interest also earns interest from then on.
The judgment is particularly important because some Italian banks claimed that the prohibition of compound interest was not in force until the Interministerial Committee credit and savings (ICRC) had not clarified how to correctly calculate the interest.

The Italian Parliament approves anti-corruption law and new rules against false accounting (May 21st, 2015)

On May 21st 2015 the Italian Parliament approved a new anti-corruption bill by a wide majority.
The bill contains also a reform of false accounting rules that takes Italy closer to those of advanced capitalistic countries.
Jail sentences for up to eight years for crimes committed by market-listed companies make Italy stand out as one of the countries with the toughest response against this type of corporate crime.
In line with other European regulations, the crime is seen as dangerous that is it’s not necessary to prove the damage, as instead currently expected in some cases, especially of non-listed companies. France, Germany, Britain, Spain and the United States are on the same page.
Un important aspect of the Italian reform is the distinction between listed and unlisted companies. This difference cannot be found abroad, where instead the same sanction applies independently from whether the company is listed on the stock market and from the types of company.

Link

Italian Data Protection Authority Newsletter n. 402 of May 22nd, 2015 - clarifications on annuities

On May 22nd  2015, Italian Data Protection Authority (DPA) published its Newsletter n. 402 which covered three topics:

  1. privacy matters on publishing politician information and revenues
  2. data protection of “expanded newborn screening”
  3. risks about sensitive health information in emails

Regarding the first point Data Protection Guarantor writes that the Public Administration cannot invoke privacy law to reject access request to documents by the journalists.
The Privacy Code - emphasizes the Authority - has not repealed citizen access right to administrative documents.
Everyone who has a direct real and current interest has the right to inspect and take copies of administrative documents but public administration has to verify, every time, the real right to access while it remains the responsibility of the journalist the use and dissemination to the public of the information collected in the case of acceptance of his application.
Answering to a question about the online publication of politicians revenues and annuities, the Guarantor underlined the “PA transparency guidelines” state that web dissemination of personal information by public bodies it is allowed only if provided for by a provision of law or regulations. The public administration, therefore, has to publish on line, or on its corporate website, information, records and administrative documents that are contained personal information about politicians just if it is required by a law.
Otherwise the publication of information and documents will only happen with anonymized personal data.

Link

Italian translation

Indice

  1. Economia e legalità - dati allarmanti sulle imprese italiane (15 maggio 2015)
  2. Anatocismo vietato in Italia dal 1° gennaio 2014 (21 maggio 2015)
  3. Il Parlamento europeo pronto a votare la nuova IV Direttiva antiriciclaggio (20 maggio 2015)
  4. FATCA in Italy: dati al fisco Usa il 30 settembre 2015 (19 maggio 2015)
  5. Il Parlamento italiano approva la legge anti-corruzione e le nuove norme contro il falso in bilancio (21 maggio 2015)
  6. Newsletter del Garante Privacy n. 402 del 22 maggio 2015 – chiarimenti sui vitalizi

Economia e legalità - dati allarmanti sulle imprese italiane (15 maggio 2015)

Il 15 maggio 2015 l’Istituto di Ricerca Tagliacarne ha presentato i risultati della ricerca intitolata “Il valore economico della legalità per la piccola e media imprenditoria italiana” (qui in pdf).
Secondo i dati presentati i fenomeni di illegalità, in particolare contraffazione e riciclaggio, sono molto diffusi nel sistema imprenditoriale specie nel Lazio (42%) e in Lombardia (30%) con ampia diffusione anche nel Mezzogiorno, Umbria e Liguria permane la massima concentrazione.
La ricerca sottolinea come l’illegalità economica distrugge il mercato legale, impedisce gli investimenti e distorce la disponibilità finanziaria.

Link

Anatocismo vietato in Italia dal 1° gennaio 2014 (21 maggio 2015)

Il tribunale di Milano con 2 ordinanze, la prima del 25 marzo 2015 e la seconda del 3 aprile 2015 (procedimento RG 3562/2015) ha riaffermato che l’anatocismo in Italia è vietato come recita la legge 147/2013, in vigore dal 1° gennaio 2014.
L’anatocismo nel linguaggio bancario è la produzione di interessi (capitalizzazione) da altri interessi resi produttivi sebbene scaduti o non pagati, su un determinato capitale.
Nella prassi bancaria tali interessi vengono definiti composti.
Esempi di anatocismo sono il calcolo dell'interesse attivo su un conto di deposito, o il calcolo dell'interesse passivo di un mutuo.
La sentenza assume particolare rilevanza perché alcune banche italiane affermavano che il divieto di anatocismo non fosse in vigore fino a quando il Comitato interministeriale credito e risparmio (Cicr) non avesse chiarito come calcolare correttamente gli interessi.

Il Parlamento europeo pronto a votare la nuova IV Direttiva antiriciclaggio (20 maggio 2015)

Il 21 maggio 2015, dopo due anni di serrate discussioni e continui emendamenti, il Parlamento europeo sarà chiamato a votare la IV Direttiva antiriciclaggio che adegua la legislazione comunitaria agli standard internazionali elaborati da FATF - Financial Action Task Force.
Le novità più significative della IV Direttiva sono:

  1. costituzione di registri centrali in ciascun Paese europeo contenenti informazioni accurate e aggiornate sulla titolarità effettiva di società, entità legali o trust; tali registri, di dominio pubblico, potranno essere consultati liberamente e senza alcuna restrizione da parte delle autorità competenti, oltre che dai giornalisti e da qualunque persona e organizzazione in grado di dimostrare un legittimo interesse;
  2. adeguata verifica della clientela da parte di banche, revisori dei conti, avvocati, notai, agenti immobiliari e casinò con l’eccezione dei rapporti professionali quando si rappresenta un cliente in un procedimento giudiziario;
  3. nuove regole per rendere più facile rintracciare i trasferimenti di fondi.

Link

FATCA in Italy: dati al fisco Usa il 30 settembre 2015 (19 maggio 2015)

Il 19 maggio 2015 l’Agenzia delle Entrate, l’autorità fiscale italiana, ha pubblicato le “regole tecniche” per permettere l’invio dei dati da parte delle banche italiane all’IRS USA, l’agenzia fiscale statunitense come previsto dall’accordo intergovernativo (Iga) tra Italia e Stati Uniti  relativo a FATCA.
Le regole tecniche sono in consultazione fino al 26 maggio 2015.
Le banche e gli operatori finanziari interessati dovranno inviare i dati sui loro clienti soggetti alla fiscalità USA all’Agenzia delle Entrate entro 30 giorni dall’emanazione del provvedimento definitivo sulle regole tecniche.
L’Agenzia delle Entrate invierà i dati ricevuti dalle banche all’Irs entro il 30 settembre 2015.
Il termine originario di invio dei dati italiani agli USA era in origine il 30 aprile 2015 termine che non e stato rispettato dall’Italia a causa dei ritardi accumulati in Senato sul disegno di legge n. 1719 non ancora approvato che ratifica FATCA.

Link

Il Parlamento italiano approva la legge anti-corruzione e le nuove norme contro il falso in bilancio (21 maggio 2015)

Il 21 maggio 2015 il Parlamento italiano ha approvato una nuova legge anti-corruzione con un'ampia maggioranza.
Il disegno di legge contiene anche una riforma delle regole contabili falsi che prende l'Italia più vicini a quelli dei paesi capitalistici avanzati.
Pene detentive per un massimo di otto anni per i reati commessi da parte delle imprese di mercato quotate rendono l'Italia spiccano come uno dei paesi con la risposta più dura contro questo tipo di reati societari.
In linea con le altre normative europee, il reato è visto come pericoloso che non è necessario provare il danno, come attualmente previsto invece in alcuni casi, soprattutto di società non quotate. Francia, Germania, Gran Bretagna, Spagna e Stati Uniti sono sulla stessa pagina.
Un aspetto importante della riforma italiana è la distinzione tra società quotate e non quotate. Questa differenza non può essere trovato all'estero, dove invece la stessa sanzione si applica indipendentemente dal fatto che la società è quotata in Borsa e dai tipi di società.

Link

Newsletter del Garante Privacy n. 402 del 22 maggio 2015 – chiarimenti sui vitalizi

Il 22 maggio 2015 il Garante per la protezione dei dati personali ha pubblicato la Newsletter n. 402. Tre gli argomenti trattati:

  1. Informazione, dati sui vitalizi: la privacy non è un ostacolo
  2. Sanità, screening neonatale esteso: il Garante chiede maggiori tutele
  3. Dati sulla salute, attenzione a quelli contenuti nelle mail

Per quanto riguarda i vitalizi il Garante scrive che la Pubblica Amministrazione a non può invocare la disciplina sulla privacy per respingere, a priori, le richieste di accesso ai documenti formulate dai giornalisti.
Il Codice privacy - sottolinea l’Autorità - non ha abrogato le norme sull’accesso ai documenti  amministrativi.
Il diritto di prendere visione e di estrarre copia  di documenti rimane dunque attribuito alle persone che abbiano un interesse diretto, concreto e attuale, corrispondente ad una situazione tutelata e collegata al documento al quale è chiesto l’accesso.
Spetta dunque all’amministrazione, verificare, caso per caso, i presupposti per l’accesso, mentre rimane affidata alla responsabilità del giornalista l’utilizzazione e la diffusione al pubblico delle informazioni raccolte in caso di accoglimento della sua istanza.
Per quanto riguarda poi la diffusione on line delle informazioni personali di consiglieri ed ex consiglieri che percepiscono vitalizi, il Garante, richiamando quanto già affermato nelle Linee guida sulla trasparenza on line della Pa, ha ribadito che la diffusione di dati personali da parte di soggetti pubblici è ammessa unicamente se prevista da una norma di legge o di regolamento. L’amministrazione, pertanto, prima di mettere on line sul proprio sito istituzionale informazioni, atti e documenti amministrativi in cui siano contenuti dati personali, dovrà verificare che la normativa preveda tale obbligo.
Altrimenti la pubblicazione di informazioni e documenti potrà avvenire solo dopo aver anonimizzato i dati personali eventualmente presenti.

Link

Weekly reviews

Other posts in English

ComplianceNet – detailed news for the week from May 18th to May 24th 2015 (in Italian)

ComplianceNet: 

ComplianceNet weekly review (May 16th, 2015)

150515-dpa2.jpg

Week: from May 11th to May 16th 2015

MEF: money laundering white-list updated

On May 13th 2015 the decree of the Ministry of Economy and Finance (MEF) of 10th April 2015 entered in force after its publication in the Italian Official Gazette; it expands the list of non-EU countries which are deemed compliant with anti-money laundering obligations imposed by the EU Directive 2005/60/ce.
The new money laundering white-list now also includes the following countries:

  • Australia;
  • Brazil;
  • Canada;
  • Hong Kong;
  • India;
  • Japan;
  • Republic of Korea,
  • Mexico;
  • Singapore;
  • United States of America;
  • Republic of South Africa;
  • Switzerland;
  • Republic of San Marino.

As a result of the decree, with these states it is now possible to use a simplified customer due diligence (CDD) approach.
The list is subject to a periodical review.

Link

New Bank of Italy regulations for financial intermediaries

On May 13th, 2015 the Bank of Italy issued Circular no. 288 of April 3rd 2015 containing the  supervisory regulations for financial entities (financial intermediaries, trust larger, lending agencies pledge and trust companies regulated by art. 199, paragraph 2, of the Consolidated Law on Finance - TUF ) supervised by the Bank of Italy following the reform of Title V TUB, made by Legislative Decree 13th August 2010, n. 141, as subsequently amended and supplemented.
The content of the activity of granting loans in any form and of offering financial services is defined by the decree adopted by the Minister of Economy and Finance in accordance with art. 106, paragraph 3 of the Banking Act.
These provisions shall enter into force on the 60th day following its publication on the website of the Bank of Italy (12 May 2015).
In the attached Supervision Bulletin the following are described: the setting and the guidelines of the new rules; the most important aspects of the same; the transitional provisions and repeals.

Attachments

  • Circolare Banca d’Italia 3 aprile 2015 n. 288 (pdf, 2 M, 403 pp.)
  • Banca d’Italia, “Bollettino di Vigilanza Banca d’Italia n. 5”, maggio 2015 (pdf,129 K, 10 pp.)

Link

“Cooperative compliance” and liability of legal persons

The term “Cooperative compliance” means a new approach to taxation relationship between tax authorities and tax payer based on principles of transparency and mutual cooperation.
In Italy the matter has been introduced by the legislative decree on law abuse (articles 3 to 7); it transposes into the Italian legislative system the so-called fiscal “enhanced relationship” between tax authorities and taxpayers as advocated by the OECD.
The new regime supposes a preliminary review of tax “grey areas” so reducing the legal conflict afeter “ex-post” controls (and related claims).
In the future taxpayers will analyze with the “Agenzie delle Entrate”, the Italian tax authority, all situations likely to generate fiscal risks before making certain transactions or events before submitting tax returns.
According to the Italian Parliament the “enhanced relationship” will also strengthen Italian legislation on the liability of legal persons (Legislative Decree no. 231/2001).
In fact, until now, “the obligation to create organizational models required by d.lgs. 231/2001 to avoid the application of sanctions in relation to illicit behavior has been interpreted by companies mainly in a negative way, as an unnecessary expense and responsibility” says the Parliament dossier “with the consequence of producing organizational model which are never put on practice”.
Fictitious models which, when they come to the attention of the criminal court, were promptly disowned by the law, “because they were not created according to the company real needs but copied from a prototype”
In future with the cooperative compliance, however, the organizational models will tend towards “an integrated system of controls that allow companies to manage efficiently and punctualy any form of risk (including tax), giving the entrepreneur, the shareholders and the company a real managerial system capable of monitoring the company's activities.”

Link

Vademecum of the Italian Data Protection Authority on “privacy and jobs”

On May 15th, 2015, the Italian Data Protection Authority (DPA) published a rapid guide (Vademecum) on “privacy and jobs”
The guide aims to explain in a simple and direct language the complex issue of privacy in the workplace both in a public and private context, a matter that often generates disputes between employees and employers.
The handbook also contains references to the guidelines and the main measures of the Authority relating to the processing of data of workers
The text is divided into ten sections

  1. general principles,
  2. identification tags;
  3. communications;
  4. company notice boards,
  5. worker data releases on websites and on internal networks;
  6. health data;
  7. biometric data;
  8. use of internet / intranet and corporate email (controls, Internet / internal network, corporate email);
  9. remote monitoring of workers (video surveillance and geolocation);
  10. reference documents.

The handbook can be downloaded in a digital format from the website of the Authority.

Annex

  • Garante per la protezione dei dai personali, “Privacy e lavoro - vademecum 2015” (pdf , 1.7 M, 13 pp.)

(Italian translation)

MEF: aggiornata la white-list antiriciclaggio

Il 13 maggio 2015 con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale entra in vigore il decreto del Ministero dell’Economia e Finanze (MEF) del 10 aprile 2015 che amplia la lista dei Paesi extracomunitari che sono considerati conformi agli obblighi antiriciclaggio imposti dalla direttiva 2005/60/Ce.
La nuova white-list antiriciclaggio comprende anche i seguenti Paesi:

  • Australia;
  • Brasile;
  • Canada;
  • Hong Kong;
  • India;
  • Giappone;
  • Repubblica di Corea,
  • Messico;
  • Singapore;
  • Stati Uniti d’America;
  • Repubblica del Sudafrica;
  • Svizzera;
  • Repubblica di San Marino.

Per effetto del decreto gli Stati elencati possono adesso usufruire, tra l’altro, delle semplificazioni internazionali sulla adeguata verifica dei clienti.
L’elenco è soggetto a revisione periodica.

Link

Nuove disposizioni di vigilanza Banca d’Italia per intermediari finanziari

Il 13 maggio 2015 Banca d’Italia ha pubblicato la Circolare n. 288 del 3 aprile 2015 recante la disciplina di vigilanza dei soggetti operanti nel settore finanziario (intermediari finanziari, confidi di maggiori dimensioni, agenzie di prestito su pegno e società fiduciarie disciplinate dall’art. 199, comma 2, del Testo unico della finanza - TUF) sottoposti alla vigilanza della Banca d’Italia a seguito della riforma del Titolo V TUB, operata con il decreto legislativo 13 agosto 2010, n. 141, come successivamente modificato e integrato.
Il contenuto dell’attività di concessione di finanziamenti sotto qualsiasi forma e l’esercizio nei confronti del pubblico è definito dal Decreto adottato dal Ministro dell’Economia e delle finanze ai sensi dell’art. 106, comma 3, TUB.
Le presenti disposizioni entrano in vigore il 60° giorno successivo alla pubblicazione sul sito della Banca d’Italia (12 maggio 2015).
Nel bollettino di vigilanza in allegato vengono descritte: l’impostazione e le linee di indirizzo della nuova disciplina; gli aspetti di maggiore rilievo della stessa; le disposizioni transitorie e le abrogazioni.

Allegati

  • Circolare Banca d’Italia 3 aprile 2015 n. 288 (pdf, 2 M, 403 pp.)
  • Banca d’Italia, “Bollettino di Vigilanza Banca d’Italia n. 5”, maggio 2015 (pdf,129 K, 10 pp.)

Link

Cooperative compliance e responsabilità amministrative delle imprese

Con “cooperative compliance” si intende un nuovo approccio nella relazione fisco - contribuente, basato su principi di trasparenza e di reciproca cooperazione.
Il tema è presente nel decreto sull’abuso del diritto (articoli da 3 a 7) e recepisce nell’ordinamento italiano la cooperazione rafforzata tra fisco e contribuente (enhanced relationship) auspicata dall’Ocse.
Il nuovo regime si traduce nel preventivo esame dei casi dubbi e nella riduzione dei controlli ex post (e quindi dell’eventuale contenzioso).
I contribuenti potranno pervenire con l’Agenzia delle entrate a una comune valutazione delle situazioni suscettibili di generare rischi fiscali prima di effettuare determinate operazioni o comunque prima di presentare le dichiarazioni fiscali.
Secondo i tecnici del Parlamento italiano la cooperazione fiscale rafforzata restituirà importanza anche alla normativa italiana in materia di responsabilità delle persone giuridiche (dlgs n. 231/2001).
Fino a oggi, infatti, «la necessità di creare modelli organizzativi per evitare l’applicazione di sanzioni in relazione a comportamenti illeciti sempre più comuni è stata interpretata dalle imprese e dagli enti interessati prevalentemente in modo negativo, quale ulteriore adempimento generatore di costi e responsabilità di cui se ne poteva fare certamente a meno», si legge nel dossier del Parlamento, «questo modo di interpretare la normativa ha portato le stesse a creare modelli organizzativi «di facciata» senza vedere in questi alcuna utilità diretta sul piano gestionale e strategico».  
Modelli fittizi che, quando sono finiti all’attenzione del giudice penale, sono stati puntualmente disconosciuti dalla giurisprudenza, «in quanto non creati a misura sull’impresa, ma copiato da un prototipo soggettivamente inefficace».
In futuro, invece, i modelli organizzativi dovranno tendere verso «un sistema integrato di controlli che consentano di gestire in modo efficiente e puntuale qualsiasi forma di rischio (compreso quello fiscale), offrendo all’imprenditore, ai soci e alla governante aziendale un vero e proprio sistema capace di monitorare l’attività dell’impresa».

Link

Vademecum del Garante per la protezione dei dati personali su “Privacy e lavoro” (15 maggio 2015)

Il 15 maggio 2015 il Garante per la protezione dei dati personali ha pubblicato una guida rapida (Vademecum) su “Privacy e lavoro”.
La guida sintetica si propone di illustrare con un linguaggio semplice e immediato il complesso tema della privacy sul posto di lavoro sia in ambiente pubblico che privato, materia che spesso genera contenziosi tra dipendenti e datori di lavoro.
Il vademecum riporta anche i riferimenti alle linee guida e ai principali provvedimenti dell'Autorità in tema di trattamento dei dati dei lavoratori.
Il testo  è suddiviso in dieci sezioni:

  1. principi generali,
  2. cartellini identificativi;
  3. comunicazioni;
  4. bacheche aziendali,
  5. pubblicazioni di dati del lavoratore sui siti web e sulle reti interne;
  6. dati sanitari;
  7. dati biometrici;
  8. uso di internet/intranet e della posta elettronica aziendale (i controlli, Internet/rete interna, posta elettronica aziendale);
  9. controllo a distanza dei lavoratori (videosorveglianza e geolocalizzazione);
  10. documenti di riferimento.

Il vademecum può essere scaricato in formato digitale dal sito dell'Autorità www.garanteprivacy.it [doc. web n. 3890025]

Link

  • Garante per la protezione dei dai personali, “Privacy e lavoro - vademecum 2015” (pdf , 1.7 M, 13 pp.)

Weekly reviews

Other posts in English

ComplianceNet – detailed news for the week from May 11th to May 16th 2015 (in Italian)

 

ComplianceNet: 

ComplianceNet weekly review (May 11th, 2015)

150501-uif-quaderno2.jpg

Week: from April 27th to May 10th 2015

A concise summary of major news and updates in the Italian regulatory compliance landscape.

Summary

  • Italian Supreme Court: Falciani’s list can be used by tax authorities (April 28th, 2015)
  • Vatican Pontifical University students at school of intelligence (April 29th, 2015)
  • UIF: 2nd “AML notebook” on Suspicious Transactions Reporting (April 30th, 2015)
  • The Italian Government strengthens the powers of the Bank of Italy on financial intermediaries (May 8th, 2015)

Italian Supreme Court: Falciani’s list can be used by tax authorities

On 28 April 2015, the Italian Supreme Court (“Cassazione”) ruled in favor of the use by the tax authorities of the so-called “Falciani’s list” containing the names of possible tax evaders and that had been stolen from the HSBC bank.
According to the Supreme Court the right to privacy and banking secrecy are definitely a recession facing the duty to pay taxes.
The Italian tax authorities have not directly received the list from Falciani but instead from the French authorities as required by the old directive on the exchange of information (Directive 77/799 / EEC).
According to the supreme court is not the task of the Italian courts to assess the origin of the information.

Link

Vatican Pontifical University students at school of intelligence

On April 29th, 2015 a public meeting was held at the Pontifical Lateran University in Rome dedicated to the theme of international security with the participation of members of the Italian secret services (DIS - Department of Safety Information)
During the meeting a broader collaboration between the pontifical universities and DIS was announced: a joint for the realization of postgraduate courses and the establishment of training projects, made by the Italian Intelligence, for young students from areas Middle East crisis.
Following the recent agreement with the Iranian universities of Qom, the Lateran University continues in its efforts to transform the crisis scenarios in concrete issues of education.

Link

•    Vaticano a lezione dagli 007 (Italia Oggi, 29 aprile 2015)

UIF: 2nd “AML notebook” on Suspicious Transactions Reporting (STRs)

On 30 April 2015, the UIF, the Italian the Financial Intelligence Unit (FIU) published the 2nd “AML notebook” focused on STRs.
The text contains a selection of particularly interesting cases identified by UIF since 2008, year of its establishment.
The notebook is an additional instrument, alongside the “anomaly indicators” and the “patterns of abnormal behavior” useful for detecting financial transaction potentially related to money laundering and terrorist financing.
The book is divided into two sections: " recurring cases " and " emerging cases".
The first one concerns  abnormal financial behavior types which are more frequently detected.
The second section includes less frequent cases  which present, however, criminal innovative elements.
In particular, innovations refer to the use of complex financial instruments or the exploitation of illegal elements of vulnerability or of regulatory gaps in certain production or financial sectors.
The basic techniques adopted are often related to the handling of cash, used as screen for shell companies or other legal entities, distortion or simulation of financial transactions or transactions.

Link

The Italian Government strengthens the powers of the Bank of Italy on financial intermediaries

On 8 May 2015 the Italian government approved a decree law transposing the European Directive 2013/36 / EU (so called “CRD4”).
The main change is that from now on the Bank of Italy will have the power to remove the heads of small-medium banks of sized - about 500 institutions, especially cooperative banks - that do not fall under the supervision of Frankfurt.
The power of removal also covers Sim, Sgr, Sicav, Sicaf intermediaries.
The decree also reform the discipline of the requirements of managers and of the shareholders and integrates “the objective requirements of integrity and professionalism” with criteria are fit and proper." In application of the principle according to which the leaders must devote adequate time to the performance of his duties, is also provided "a rules governing the maximum number of offices."
The measure introduces finally the mechanisms for reporting any breaches of regulations, both within the organization and towards the supervisory authority, by the staff of the banks, the so-called "whistleblowing".
This is to reform the discipline of administrative sanctions: it is enshrined in the transition to a system that will sanction firstly body and "only on the basis of assumptions identified in the legislative decree 'also member of the Company or the natural person responsible for the violation

Link

 (Italian translation)

Sommario

  • Corte di Cassazione: la lista Falciani può esser utilizzata dal fisco (28 aprile 2015)
  • Studenti dell’Università pontificia vaticana a scuola di intelligence (29 aprile 2015)
  • UIF: 2° quaderno antiriciclaggio sulla segnalazione di operazioni sospette (30 aprile 2015)
  • Il governo italiano rafforza i poteri di Banca d’Italia sugli intermediari finanziari (8 Maggio 2015)

Corte di Cassazione: la lista Falciani può esser utilizzata dal fisco

Il 28 aprile 2015 la corte di Cassazione italiana si è pronunciata a favore dell’utilizzo da parte del fisco della cosiddetta “lista Falciani” contenente i nominativi di possibili evasori fiscali e che era stata rubata alla banca Hsbc.
Secondo la cassazione il diritto alla riservatezza e al segreto bancario sono sicuramente recessivi di fronte al dovere di pagare le tasse.
Il fisco italiano non ha ricevuto la lista direttamente da Falciani ma dalle autorità francesi come previsto dalla vecchia direttiva sullo scambio di informazioni (direttiva 77/799/Cee) e secondo la suprema corte non è compito dei giudici italiani valutare l’origine delle informazioni.
tasse sul diritto alla riservatezza.

Link

Studenti dell’Università pontificia vaticana a scuola di intelligence

Il 29 aprile 2015 ha avuto luogo un incontro pubblico presso la Pontificia Università Lateranense di Roma dedicato al tema della sicurezza internazionale con la partecipazione di esponenti dei servizi segreti italiani (DIS - Dipartimento delle informazioni per la sicurezza)
Nel corso dell’incontro è stato annunciata una più ampia collaborazione tra università pontificia e DIS quali la realizzazione di corsi di studio comuni post lauream e l'istituzione di progetti di formazione, messi a disposizione dal Comparto Intelligence, per giovani studenti provenienti da aree di crisi del Medio Oriente.
Dopo la recente intesa con l’università iraniana di Qom, l’Università Lateranense continua nel suo impegno di trasformare gli scenari di crisi in temi concreti di formazione.  

Link

UIF: 2° quaderno antiriciclaggio sulla segnalazione di operazioni sospette

Il 30 aprile 2015 l’UIF, l’Unità di Informazione Finanziaria, ha pubblicato il 2° “Quaderno antiriciclaggio” dedicato alle segnalazioni di operazioni sospette.
Il testo contiene una selezione di casi di particolare interesse, riscontrati nel corso dell’attività di analisi finanziaria condotta dal 2008, anno di istituzione dell’Unità, a oggi.
Si tratta di un ulteriore strumento, che si affianca agli indicatori di anomalia e schemi di comportamento anomalo, per aiutare i segnalanti a rilevare casi riconducibili a riciclaggio e finanziamento del terrorismo.
Il quaderno si articola in due sezioni: «Casi ricorrenti» e «Casi emergenti».
La prima attiene quelle tipologie di comportamento finanziario anomalo rilevate frequentemente nel corso delle attività istituzionali dell’Unità.
La seconda, comprende, invece, casi numericamente meno consistenti ma che presentano elementi innovativi.
In particolare, ci si riferisce all’utilizzo di strumenti finanziari complessi o allo sfruttamento a fini illeciti di elementi di vulnerabilità o di vuoti normativi in alcuni settori produttivi o finanziari.
Le tecniche di base adottate risultano spesso riconducibili alla movimentazione di contante, all’utilizzo come schermo di società di comodo o di altre entità giuridiche, alla distorsione o simulazione di operazioni finanziarie o di transazioni commerciali.

Link

Il governo italiano rafforza i poteri di Banca d’Italia sugli intermediari finanziari

L’8 Maggio 2015 il governo italiano ha approvato un decreto legge che recepisce la direttiva europea 2013/36/UE (c.d. “CRD4”).
La principale novità è che d’ora in poi Bankitalia avrà il potere di rimuovere i vertici delle banche di dimensioni medio-piccole, circa 500 istituti (soprattutto Bcc) che non rientrano sotto la vigilanza di Francoforte.
Il potere di rimozione riguarda peraltro anche gli organi di Sim, Sgr, Sicav, Sicaf.
Il decreto riforma anche la disciplina dei requisiti dei manager e dei partecipanti al capitale e integra «i requisiti oggettivi di onorabilità e di professionalità» con «criteri di competenza e correttezza». In applicazione del principio in base al quale gli esponenti debbono dedicare un tempo adeguato all’espletamento del proprio incarico, é prevista anche «una disciplina dei limiti al cumulo degli incarichi».
Nel provvedimento vengono introdotti infine anche i meccanismi per la segnalazione di eventuali violazioni normative, sia all’interno dell’ente sia verso l’autorità di vigilanza, da parte del personale delle banche, il cosiddetto “whistleblowing”.
E così pure viene riformata la disciplina delle sanzioni amministrative: viene sancito il passaggio a un sistema che sanzionerà in primo luogo l’ente e «solo sulla base di presupposti individuati nel decreto legislativo» anche l’esponente aziendale o la persona fisica responsabile della violazione

Link

Weekly reviews

Other posts in English

ComplianceNet – detailed news for the week from April 27th to May 10th 2015 (in Italian)

 

ComplianceNet weekly review (April 28th, 2015)

beps75.jpg
Week: from April 20 to April 26th 2015

A concise summary of major news and updates in the Italian regulatory compliance landscape.

Summary

  1. Vademecum of the Italian Data Protection Authority on “marketing and privacy” (April 20th, 2015).
  2. CNDCEC: new rules for the statutory auditors of listed companies (April 21st, 2015).
  3. The OECD against the digital fiscal evasion (April 26th, 2015). An interview with Raffaele Russo, head of BEPS project at OECD.

Vademecum of the Italian Data Protection Authority on “marketing and privacy” (April 20th, 2015)

On April 20th, 2015, the Italian Data Protection Authority (DPA) has published a rapid guide (Vademecum) on "marketing and privacy" to explain to consumers their rights and encourage enterprises to avoid that their commercial promotions degenerate into spam.
The text is divided into eight chapters structured in a FAQ - Frequent Asked Questions - so to facilitate the resolution of more common questions asked to the DPA:

  1. enterprise privacy and marketing,
  2. freedom of choose for consumers: information and consent,
  3. purpose and availability: the joker card,
  4. differences between personal shoppers and jammers,
  5. consumer research and data exchange,
  6. special offers on the phone,
  7. web and social networks spam free,
  8. Help! Who can I contact?

The handbook concludes with an appendix full of useful references for those who want to know the main measures taken by the DPA in this area.

Annex

  • Garante per la protezione dei dati personali, “Viva i consigli, abbasso lo spam. Dal telefono al supermercato: il marketing a prova di privacy” (pdf, 1.1 M, 40 pp.) Italian

Link

Other “Vademecums” by Italian DPA in English

  • Privacy: working with business (pdf, 1.2 M) 
  • Cloud computing - Protect your Data without Falling from a Cloud (pdf)
  • Social Network: Watch Out for Side Effects (pdf)

CNDCEC: new rules for the statutory auditors of listed companies (April 21st, 2015)

The National Council of Chartered Accountants and Auditors (Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili - CNDCEC) has published the final release of the the new conduct rules for “statutory auditors” (“collegio sindacale” in Italian) of listed companies.
The rules will be in force from next September 30th, 2015.
In case of irregularities, as provided by art. 149, paragraph 3 of the TUF (Testo Unico della Finanza - Consolidated Finance Act), the statutory auditors has to give notice to CONSOB, the controlling body of the Italian Stock Exchange.
The irregularities that constitute violations of criminal laws are always subject to disclosure to CONSOB but the new rules also provide for the irregularities communication object "can also refer to events or situations symptomatic of the fulfillment of irregularities and must be properly documented and proven."
Moreover, "the relevance of the deficiencies must be assessed in relation to:
the structure or other characteristics of the company
the impact on the adequate functioning of the company
the origins of deficiencies,
the extent of the risks to business continuity,
losses that may arise."

Annex

  • Cndcec, “Norme di comportamento del collegio sindacale di società quotate”, 15 aprile 2015 (pdf, 1.4 M, 149 pp.)

Links

The OECD against the digital fiscal evasion (April 26th, 2015)

On April 26th 2015, the Italian business newspaper “Il Sole 24 Ore” interviewed Raffaele Russo, head of BEPS - Base Erosion and Profit Shifting - project at OECD, the Organisation for Economic Cooperation and Development.
In 2013 OECD promoted the BEPS initiative as part of efforts to limit corporate aggressive tax planning policies for preventing multinational groups from “moving” their tax base from countries with a heavy tax regime to others with lower or insignificant tax burden by establishing unique and transparent rules internationally shared.
"Every company," said Russo, "will provide the tax authorities a “geographical” diagram of each group, indicating the activities carried out, the number of employees and assets of each branch business. This will help to identify areas of risk such as corporate empty boxes and ensure that the taxable income is declared in places where economic activity is conducted."
However these new rules have being transposed into Spanish and United Kingdom law.
According to Raffaele Russo when we discuss about digital economy we should avoid the dangerous conceptual shortcuts  that  could penalize the traditional economy too
"Where taxing an online betting site? The idea of taxing betting in the country where people play will be  a radical change which has to be carefully evaluated as would be like to tax in Germany a wine imported from Italy. The right process to follow should be: "the country where the produced value was conceived, planned, made has the right to levy taxes. "
By adopting these principles, the idea of a flat digital tax computed on rate turnover achieved in each country appears misleading.

Links

 (Italian translation)

Sintesi

  1. Vademecum del Garante Privacysu “marketing e privacy” (20 aprile 2015)
  2. CNDCEC: nuove norme per il Collegio sindacale delle società quotate (21 Aprile 2015).
  3. L’Ocse contro l’evasione digitale (26 aprile 2015)

Vademecum del Garante Privacy su “marketing e privacy” (20 aprile 2015)

Il 20 aprile 2015 il Garante per la protezione dei dati personali italiano ha pubblicato una guida rapida (Vademecum) su “marketing e privacy” per spiegare ai consumatori quali sono i loro diritti e come esercitarli e per stimolare le imprese a migliorare le proprie azioni ed evitare che le promozioni commerciali degenerino in spam.
Il testo è suddiviso in otto capitoli strutturati in forma di domanda/risposta, così da rendere più agevole l'approfondimento dei quesiti che vengono posti al Garante con maggiore frequenza:

  1. Privacy e marketing nell'impresa,
  2. Libertà al consumatore: informativa e consenso,
  3. Finalità e disponibilità: asso pigliatutto,
  4. Le differenze tra i personal shopper e i disturbatori,
  5. La ricerca del cliente e lo scambio dei dati,
  6. Le promozioni al telefono",
  7. Web e social network, liberi dallo spam,
  8. Aiuto! a chi mi rivolgo?

Il vademecum si chiude con un'appendice ricca di riferimenti utili per chi vuole approfondire i principali provvedimenti adottati da Garante in questo settore.

Annex

  • Garante per la protezione dei dati personali, “Viva i consigli, abbasso lo spam. Dal telefono al supermercato: il marketing a prova di privacy” (pdf, 1.1 M, 40 pp.) Italian

Link

Other “Vademecums” by Italian DPA in English

  • Privacy: working with business (pdf, 1.2 M) 
  • Cloud computing - Protect your Data without Falling from a Cloud (pdf)
  • Social Network: Watch Out for Side Effects (pdf)

CNDCEC: nuove norme per il Collegio sindacale delle società quotate (21 Aprile 2015)

Il Consiglio nazionale dei dottori commercialisti ed esperti contabili (CNDCEC) ha definitivamente approvato le nuove norme di comportamento del Collegio sindacale delle società quotate che saranno in vigore dal prossimo 30 settembre 2015.
In caso di irregolarità, come previsto dall’ art. 149, comma 3 del Tuf (Testo Unico della Finanza) il Collegio Sindacale ne deve dare comunicazione alla CONSOB, l’organo di controllo della Borsa italiana.
Le irregolarità che costituiscono violazioni di norme penali sono sempre oggetto di comunicazione ma le nuove norme prevedono anche che le irregolarità oggetto di comunicazione «possano riferirsi anche a fatti o situazioni sintomatiche del compimento di irregolarità e devono essere adeguatamente documentate o provate».
Inoltre «la rilevanza delle irregolarità riscontrate dovrà essere valutata in relazione alla struttura o alle altre caratteristiche della società nonché tenendo conto della loro incidenza sul corretto funzionamento degli organi della società, delle cause che le hanno determinate, dell’entità dei rischi per la continuità aziendale e delle perdite che ne possono conseguire».

Allegato

  • Cndcec, “Norme di comportamento del collegio sindacale di società quotate”, 15 aprile 2015 (pdf, 1.4 M, 149 pp.)

Link

L’Ocse contro l’evasione digitale (26 aprile 2015)

Il 26 aprile 2015, il Sole 24 Ore ha intervistato Raffaele Russo, l’italiano a capo del progetto Beps (Base erosion and profit shifting) dell’Ocse.
Il progetto Beps si inserisce nell’ambito dell’azione  di contrasto alle politiche di pianificazione fiscale aggressiva e mira a contrastare lo "spostamento" di base imponibile dai Paesi ad alta fiscalità verso giurisdizioni con pressione fiscale bassa o nulla da parte delle imprese multinazionali, puntando a stabilire regole uniche e trasparenti condivise a livello internazionale.
«Ogni azienda» ha detto Russo «dovrà fornire alle autorità fiscali un foglio "geografico" del gruppo, indicando le attività svolte, il numero di dipendenti e gli assets di ogni ramo imprenditoriale. Questo permetterà di individuare aree di rischio quali scatole societarie vuote e far sì che il reddito imponibile sia dichiarato nei luoghi nei quali viene svolta l’attività economica».
Nuove regole, queste, che peraltro, sono in corso di recepimento nella legislazione spagnola e in quella britannica.
Ma proprio in tema di valore "digitale" o dematerializzato, secondo Raffaele Russo, bisognerebbe evitare pericolose scorciatoie concettuali che rischiano di penalizzare la stessa economia tradizionale.
«Dove tassare un sito di scommesse online? Pensare di tassarlo nel paese in cui l’utente effettua la giocata è un cambiamento radicale da valutare a 360 gradi (sarebbe come tassare in Germania il vino importato dall’Italia) mentre il processo mentale da seguire è: "dove è stato ideato, pianificato, realizzato quel sito che produce valore?" Quello è il Paese a cui riconoscere il diritto all’imposizione fiscale».
Adottando questo sistema di principi, l’idea di una tassa digitale calcolata a forfait sul fatturato raggiunto in ogni Paese appare fuorviante.

Link

Weekly reviews

Other posts in English

ComplianceNet – detailed news for the week from April 20th to April 27th 2015 (in Italian)

•    Osservatorio sul Riciclaggio e sul Finanziamento del Terrorismo: Weekly Report 20/26 aprile 2015 (27 aprile 2015) http://www.compliancenet.it/osservatorio-riciclaggio-finanziamento-terro...
•    Voluntary, non c’è raddoppio (Italia Oggi, 27 aprile 2015) http://www.compliancenet.it/voluntary-non-c-e-raddoppio-italia-oggi-27-a...
•    L’Ocse contro l’evasione digitale (Il Sole 24 Ore, 26 aprile 2015) http://www.compliancenet.it/l-ocse-contro-l-evasione-digitale-il-sole-24...
•    Anatocismo: questa volta il «no» lo dice il Tribunale (Il Sole 24 Ore Plus, 25 aprile 2015) http://www.compliancenet.it/anatocismo-questa-volta-il-no-lo-dice-il-tri...
•    La Bce entra nei board delle banche italiane (Il Sole 24 Ore, 25 aprile 2015) http://www.compliancenet.it/la-bce-entra-nei-board-delle-banche-italiane...
•    AIRA: convegno “Il ruolo della funzione antiriciclaggio nella tax compliance” - Milano, 28 Aprile 2015 http://www.compliancenet.it/aira-convegno--ruolo-funzione-antiriciclaggi...
•    Antiriciclaggio, stand by su sanzioni pecuniarie (Italia Oggi, 23 aprile 2015) http://www.compliancenet.it/antiriciclaggio-stand-by-su-sanzioni-pecunia...
•    La società di riscossione multata per antiriciclaggio (Italia Oggi, 23 aprile 2015) http://www.compliancenet.it/societa-di-riscossione-multata-per-antiricic...
•    Fisco: vantaggio illegittimo che non è evasione (Il Sole 24 Ore, 22 aprile 2015) http://www.compliancenet.it/fisco-vantaggio-illegittimo-non-e-evasione-i...
•    La voluntary messa in sicurezza (Italia Oggi, 22 aprile 2015) http://www.compliancenet.it/la-voluntary-messa-in-sicurezza-italia-oggi-...
•    Italy, money laundering as threat to legal economy (April 22th, 2015) http://www.compliancenet.it/italy-money-laundering-as-threat-to-legal-ec...
•    Fisco: ruling internazionale ampio (Italia Oggi, 22 aprile 2015) http://www.compliancenet.it/fisco-ruling-internazionale-ampio-italia-ogg...
•    Voluntary, raddoppio termini sterilizzato (Italia Oggi, 22 aprile 2015) http://www.compliancenet.it/voluntary-raddoppio-termini-sterilizzato-ita...
•    Elusione fiscale: codificato l’abuso di diritto (Italia Oggi, 22 aprile 2015) http://www.compliancenet.it/elusione-fiscale-codificato-l-abuso-di-dirit...
•    Partecipate: cautela sull’anticorruzione (Il Sole 24 Ore, 21 aprile 2015) http://www.compliancenet.it/partecipate-cautela-sull%E2%80%99anticorruzi...
•    Le mani lunghe del Belpaese (Italia Oggi, 21 aprile 2015) http://www.compliancenet.it/le-mani-lunghe-del-belpaese-italia-oggi-21-a...
•    Vademecum del Garante su “marketing e privacy” (20 aprile 2015) http://www.compliancenet.it/vademecum-garante-marketing-privacy-20-april...
•    Voluntary disclosure - Rientro capitali con residenza in Italia (Il Sole 24 Ore, 21 aprile 2015) http://www.compliancenet.it/voluntary-disclosure-rientro-capitali-con-re...
•    Voluntary: una scelta che restituisce slancio alla disclosure (Il Sole 24 Ore, 21 aprile 2015) http://www.compliancenet.it/voluntary-una-scelta-che-restituisce-slancio...
•    Job opportunities: Auditor at European Union - deadline for application: 28 April 2015 http://www.compliancenet.it/job-opportunities-auditor-at-european-union-...
•    La riforma fiscale riparte dal ruling (Italia Oggi, 21 Aprile 2015) http://www.compliancenet.it/la-riforma-fiscale-riparte-dal-ruling-italia...
•    Voluntary, sanzioni valutarie (Italia Oggi, 21 Aprile 2015) http://www.compliancenet.it/voluntary-sanzioni-valutarie-italia-oggi-21-...
•    Sindaci, gli occhi sulla Consob (Italia Oggi, 21 Aprile 2015) http://www.compliancenet.it/sindaci-gli-occhi-sulla-consob-italia-oggi-2...
•    National money laundering and terrorist financing risk assessment (April 20th, 2015) http://www.compliancenet.it/national-money-laundering-and-terrorist-fina...
•    Il doppio binario della voluntary (Il Sole 24 Ore, 20 aprile 2015) http://www.compliancenet.it/il-doppio-binario-della-voluntary-il-sole-24...
•    Rientro dei capitali in stallo (Italia Oggi, 20 aprile 2015) http://www.compliancenet.it/rientro-capitali-in-stallo-italia-oggi-20-ap...
•    Il disegno di legge sugli ecoreati ad impatto 231/01 - sintesi (Eutekne.info, 18 aprile 2015) http://www.compliancenet.it/il-disegno-di-legge-sugli-ecoreati-ad-impatt...

 

ComplianceNet: 

ComplianceNet weekly review (April 19th, 2015)

1024px-Palazzo_Montecitorio_Rom_2009-2.jpg

("Palazzo Montecitorio Rom 2009" di Manfred Heyde - Opera propria. Con licenza CC BY-SA 3.0 tramite Wikimedia Commons - http://commons.wikimedia.org/wiki/File:Palazzo_Montecitorio_Rom_2009.jpg...)

Week: from April 12 to April 19th 2015

A concise summary of major news and updates in the Italian regulatory compliance landscape

Executive Summary

  1. The Italian Parliament has not ratified the FATCA agreement yet. It’s causing problems for financial intermediaries (April 15th, 2015)
  2. The action of the “Guardia di Finanza” related to law 231/01 on administrative liability (April 15th, 2015)
  3. Self laundering, first reflections on Italian jurisdiction (April 15th, 2015)
  4. Italy at the mercy of lobby and conflicts of interest (April 17th, 2015)
  5. Privacy: new requirements about use of cookies in Web sites from June 3rd, 2015
  6. The Italian AML Supevisory authorities opinions on virtual currencies (April 18th, 2015)

The Italian Parliament has not ratified the FATCA agreement yet. It’s causing problems for financial intermediaries (April 15th, 2015)

In Italy the legislative process to definitely approve the Bill for the ratification of FATCA  (Foreign Account Tax Compliance Act) continues slowly and after nine months of delay it will have retroactive effect from July 1st, 2014; it is causing operational and legal difficulties for Italian financial intermediaries.
Despite last April 8th the examination at the united Commissions of the Senate has been completed, the final discussion in Parliament is not scheduled yet and there are still many unclear implementation issues.
Due to the high impact on the internal procedures that intermediaries must put in place and the timing imposed by increasingly stringent international regulations, the nervousness of the operators is justified: they have to implement the recommended adjustments even before the ratification of national laws and at the same time face the difficulties created by the same authorities, not sufficiently responsive to guarantee the conditions to manage costs and appropriate compliance risk.

Link

The action of the “Guardia di Finanza” related to law 231/01 on administrative liability (April 15th, 2015)

On April 8th 2015, the “Guardia di Finanza” (Gdf) released its “2014 Report” which also includes a section dedicated to the procedures required by Legislative Decree 231/01.
This legislation provides for the punishment of the companies for several kinds of crimes committed by directors, officers or employees.
The law gives companies the opportunity to escape these charges, providing proper organizational models of control and risk management.
But the 231 models, as is clear from the checks, are in many cases fictitious, or prepared “on paper” but lacking a real capacity for monitoring and prevention.
In this context, in the course of the 219 procedures performed in 2014, the GdF reported 555 subjects to the prosecuting authorities and made seizures for 62 million euros.

Annexes

  • Rapporto Annuale (pdf, 28 M 66 pp.)
  • Comunicato stampa (pdf, 316 K, 1 pag.)
  • Video (link is external)

Link

Self laundering, first reflections on Italian jurisdiction (April 15th, 2015)

On April 13th, 2015 was held the conference "Anti-money laundering in the public administration. The case of Milan’s city".
In his intervention Nicola Mainieri, Bank of Italy’s manager, underlined that the new “self-laundering” offense probably will be much more widespread than money laundering.
In Italy the crime of self laundering was introduced in the criminal justice with the law 186/2014 (law on voluntary disclosure) and is effective from January 1st 2015.
The self laundering is connected to money laundering but it also applies when the offender or laundering is not due or is not punishable, or miss a condition of admissibility.
Then here, the self laundering remains alive even when its “connected” money laundering offense has lapsed.
Moreover, the article 170 of the Italian Penal Code states that "when a crime is a prerequisite for another offense, the cause that extinguishes does not extend to the other crime."
Finally a 2014 verdict expressed by the Italian Supreme Court confirmed that the extinction (for example, by prescription) of unintentional offense for money laundering hass no effect on the configurability of recycling.
Even more so the principle could be extended to self-laundering with disruptive consequences.

Link

Italy at the mercy of lobby and conflicts of interest (April 17th, 2015)

According to the report "Lobbying in Europe" published by Transparency International, Italy is one of the most underdeveloped countries dealing with conflicts of interest and the power of the lobbies.
The report draws up a countries’ rank based on three macro-indicators:

  • transparency relations between politicians and lobbyists;
  • regulation on the ethical conduct of lobbyists (integrity);
  • opening of the public power to the pluralism of voices and interests (equal access).

Europe is back respect US and Canada: only seven countries have a norm on lobby: Austria, France, Ireland, Lithuania, Poland, Slovenia (only one which has a "score" greater than 50 percent) and Britain, systems in which there is a form of registration of lobbyists and, in most cases, even an obligation to periodically communicate their activities.
In Italy in 2014 the government established the National Anti-Corruption Authority led by Raffaele Cantone and now the Senate is discussing a law on the lobby composed by fifteen articles.
The first article provides that the lobbying must "comply with the principles of advertising’s ethical code, democratic participation, transparency and disclose of political decisions in order to ensure more information related to politicians and their choices."
Then there is the obligation for lobbyists to "prepare a periodic activity report", while Article 10 provides for the obligation for public decision-makers "to disclose the activities of interest representation, and specify it in an explanatory memorandum or in the preamble of legislation and administrative measures."
Finally article 11 makes lobbying activities incompatible with journalism.

Annexes

Link

Privacy: new requirements about use of cookies in Web sites from June 3rd, 2015

A year ago, on June 3rd 2014, the Italian Data Privacy Authority (DPA) published a “regulation” that requires new obligations related to the use of cookies on websites.

What are cookies?

Cookies are small text files that are sent to the user’s terminal equipment (usually to the user’s browser) by visited websites; they are stored in the user’s terminal equipment to be then re-transmitted to the websites on the user’s subsequent visits to those websites. When navigating a website, a user may happen to receive cookies from other websites or web servers, which are the so-called "third party" cookies. This happens because visited website may contain items such as images, maps, sound files, links to individual web pages on different domains that are located on servers other than the one where the page being visited is stored.
Cookies are present as a rule in substantial numbers in each user’s browser and at times they remain stored for long. They are used for several purposes ranging from IT authentication to the monitoring of  browsing sessions up to the storage of specific information on user configurations in accessing a given server, and so on.

DPA: “Simplified arrangements to provide information and obtain consent regarding cookies” of May 8th 2014

The DPA’s regulation, published in the Official Gazette of June 3rd  2014, strengthened the rules on online privacy and especially about the use of cookies and similar systems: Internet users should be better informed about the existence of such systems and about what happens to their data.
It will be illegal to use cookies in the absence of consent, especially if used to collect important and sensitive information without the knowledge of the users on their tastes, their habits and their choices.
DPA has identified two main categories of cookies:

  • technical cookies
  • profiling cookies

Profiling cookies are aimed at creating user profiles.
They are used to send ads messages in line with the preferences shown by the user during navigation.
In the light of the highly invasive nature of these cookies vis-à-vis users’ private sphere, Italian and European legislation requires users to be informed appropriately on their use so as to give their valid consent.

Annex

Simplified Arrangements to Provide Information and Obtain Consent Regarding Cookies - 8 may 2014 

Link

The Italian AML Supevisory authorities opinions on virtual currencies (April 18th, 2015)

A summary of Italian AML Supevisory authorities opinions about Bitcoin and other virtual currencies with the statements of Bank of Italy and UIF, the Italian Financial Intelligence Unit,  on this matter.

  • Bank of Italy, Supervisory Bullettin n.1 2015, “Virtual currencies – Communication”, Italian, 30 January 2015 (pdf, 69 K, 2 pp.)
  • Bank of Italy, "Avvertenza sull’utilizzo delle cosiddette valute virtuali", Italian, 30 January 2015 (pdf, 180 K, 3 pp.)
  • UIF, Unità di Informazioni Finanziaria, “Anomalous use of virtual currencies”, Italian, On 2 February 2015 (pdf , 26 K, 2 pp.)

Link

 (Italian translation)

Sintesi

  1. Il Parlamento italiano non ha ancora ratificato l’accordo FATCA. Problemi per gli intermediari finanziari (15 aprile 2015)
  2. L’azione della Guardia di finanza in relazione agli adempimenti 231/01 (15 aprile 2015)
  3. Autoriciclaggio, prime riflessioni sul sistema giudiziario (15 aprile 2015)
  4. L’Italia in mano a lobby e conflitti di interesse (L’Espresso, 17 aprile 2015)
  5. Privacy: per i cookie adeguamento dei siti web entro il prossimo 3 giugno 2015
  6. Le considerazioni delle autorità di vigilanza italiane sulle valute virtuali (18 Aprile 2015)

Il Parlamento italiano non ha ancora ratificato l’accordo FATCA. Problemi per gli intermediari finanziari (15 aprile 2015)

L’iter legislativo per l’approvazione del disegno di legge di ratifica del Fatca (Foreign Account Tax Compliance Act) prosegue con lentezza e gli oltre nove mesi di ritardo dalla data del 1° luglio 2014 dalla quale avrà effetto retroattivo sono, sempre più, causa di difficoltà operative e legali per gli intermediari finanziari.
Nonostante lo scorso 8 aprile si sia concluso l’esame presso le Commissioni riunite del Senato, la discussione finale in Parlamento non risulta ancora calendarizzata e sono ancora molti gli aspetti implementativi poco chiari.
Dato l’elevato impatto sulle procedure che gli intermediari devono mettere in atto e le tempistiche sempre più stringenti imposte dalle normative internazionali, è giustificato il nervosismo degli operatori che si ritrovano ad attivare gli interventi di adeguamento ancora prima della ratifica delle leggi nazionali e nel contempo fronteggiare le difficoltà create dalle stesse autorità, non sufficientemente reattive nel mettere gli intermediari nelle condizioni di gestire in modo e a costi appropriati il rischio di compliance.

Link

L’azione della Guardia di finanza in relazione agli adempimenti 231/01 (15 aprile 2015)

L’8 Aprile 2015 la Guardia di Finanza (Gdf) ha reso pubblico il suo “Rapporto 20142 che presenta anche i risultati dei controlli in materia di responsabilità amministrativa degli enti, ai sensi di quanto previsto dal dlgs n. 231/2001.
Tale normativa prevede la punibilità delle aziende per alcune tipologie di reati commessi da amministratori, dirigenti o dipendenti.
La legge fornisce agli enti la possibilità di sfuggire a tali addebiti, predisponendo appositi modelli organizzativi di controllo e gestione dei rischi.
Ma i modelli 231, secondo quanto emerge dalle verifiche, sono in molti casi fittizi, ossia predisposti “sulla carta” ma privi di una reale capacità di monitoraggio e prevenzione.
In tale contesto, nel corso dei 219 interventi eseguiti nel 2014 gli uomini della Gdf hanno segnalato alle Procure 555 soggetti ed effettuato sequestri per 62 milioni di euro.

Allegati

Link

Autoriciclaggio, prime riflessioni sul sistema giudiziario (15 aprile 2015)

Il 13 aprile 2015 si è tenuto il convegno «Antiriciclaggio nella pubblica amministrazione. Il caso del comune di Milano».
Nel suo intervento Nicola Mainieri, dirigente della Banca di Italia ha sottolineato che il nuovo reato di autoriciclaggio sarà applicato in modo molto più diffuso rispetto al semplice reato di riciclaggio.
In Italia il reato di autoriciclaggio è stato introdotto nell’ordinamento penale con la legge 186/2014 (legge sulla voluntary disclosure) ed è in vigore dal 1° gennaio 2015.
Infatti l’autoriciclaggio è collegato al reato di riciclaggio ma si applica anche quando l’autore del reato di riciclaggio o non è imputabile o non è punibile ovvero manchi una condizione di procedibilità.
Ecco dunque che il reato di autoriciclaggio resta in vita anche quando il relativo reato di riciclaggio si è estinto.
Inoltre l’articolo 170 del codice penale recita che “quando un reato è il presupposto di un altro reato, la causa che lo estingue non si estende all’altro reato”.
E la Corte di cassazione con una sentenza del 2014 ha confermato che l’estinzione (per esempio, per prescrizione) del delitto non colposo presupposto del riciclaggio è priva di effetti sulla configurabilità del riciclaggio.
E quindi a maggior ragione il principio potrebbe essere esteso all’autoriciclaggio con delle conseguenze dirompenti.

Link

L’Italia in mano a lobby e conflitti di interesse (L’Espresso, 17 aprile 2015)

Secondo il rapporto “Lobbying in Europa” pubblicato da Transparency International l’Italia è un o dei paesi più arretrati nel combattere i conflitti di interesse e il potere delle lobby.
Il rapporto stila una classifica sulla base di tre macroindicatori:

  • la trasparenza al pubblico delle relazioni tra politici e lobbisti;
  • la regolamentazione sulla condotta etica degli stessi (integrità);
  • l’apertura del potere pubblico al pluralismo di voci e interessi (pari opportunità di accesso).

L’Europa è arretrata in questo campo rispetto a Stati Uniti e Canada e solo sette paesi tra quelli esaminati hanno una qualche norma sulle lobby: Austria, Francia, Irlanda, Lituania, Polonia, Slovenia (unico paese, come abbiamo visto, che ha uno “score” superiore al 50 per cento) e Gran Bretagna, sistemi nei quali è presente una forma di registrazione delle lobby e, nella maggioranza dei casi, anche un obbligo di comunicare periodicamente le proprie attività.
In Italia il governo ha istituito nel 2014  l’Autorità nazionale anticorruzione guidata da Raffaele Cantone e al Senato è in discussione un disegno di legge sulle lobby formato da quindici articoli.
Il primo articolo prevede che l’attività di lobbying deve «conformarsi ai principi di pubblicità, partecipazione democratica, trasparenza e conoscibilità dei processi decisionali, anche al fine di garantire una più ampia base informativa su cui i decisori pubblici possono fondare le proprie scelte».
C’è poi l’obbligo per i lobbisti di «predisporre una periodica relazione sull’attività svolta», mentre l’articolo 10 prevede l’obbligo per i decisori pubblici «di rendere nota l’attività di rappresentanza degli interessi, facendone menzione nella relazione illustrativa ovvero nel preambolo degli atti normativi e degli atti amministrativi».
L’articolo 11 rende infine incompatibile l’attività di lobbying con quella di giornalista,

Link

Privacy: per i cookie adeguamento dei siti web entro il prossimo 3 giugno 2015

L’anno scorso, il 3 giugno 2014, il Garante per la Privacy italiano ha pubblicato un provvedimento che richiede nuovi adempimenti in relazione all’uso dei cookie nei siti web.

Che cosa sono i cookie?

I cookie sono stringhe di testo di piccole dimensioni che i siti visitati dall’utente inviano al suo terminale (solitamente al browser), dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente. Nel corso della navigazione su un sito, l’utente può ricevere sul suo terminale anche cookie che vengono inviati da siti o da web server diversi (c.d. "terze parti"), sui quali possono risiedere alcuni elementi (quali, ad esempio, immagini, mappe, suoni, specifici link a pagine di altri domini) presenti sul sito che lo stesso sta visitando.
I cookie, solitamente presenti nei browser degli utenti in numero molto elevato e a volte anche con caratteristiche di ampia persistenza temporale, sono usati per differenti finalità: esecuzione di autenticazioni informatiche, monitoraggio di sessioni, memorizzazione di informazioni su specifiche configurazioni riguardanti gli utenti che accedono al server, ecc.

Il  provvedimento del Garante dell’8 maggio 2014 n. 229

Il provvedimento, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 3 giugno 2014, ha rafforzato le norme in materia di privacy online in particolar e in merito all’uso dei cookie e sistemi simili: gli utenti di internet devono essere maggiormente informati sull’esistenza di tali sistemi e su ciò che accade ai loro dati.
Sarà illecito utilizzare i cookie in mancanza di apposito consenso, soprattutto se utilizzati per raccogliere importanti e delicate informazioni all’insaputa degli utenti sui loro gusti, sulle loro abitudini e sulle loro scelte.
In considerazione delle caratteristiche tecniche che differenziano i cookie, il Garante ha individuato due macro-categorie sulla base delle finalità perseguite da chi li utilizza:

  • cookie “tecnici”
  • cookie “di profilazione”.

I cookie di profilazione “sono volti a creare profili relativi all’utente e vengono utilizzati al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dallo stesso nell’ambito della navigazione in rete. In ragione della particolare invasività che tali dispositivi possono avere nell’ambito della sfera privata degli utenti, la normativa europea e italiana prevede che l’utente debba essere adeguatamente informato sull’uso degli stessi ed esprimere così il proprio valido consenso”.

Link

Le considerazioni delle autorità di vigilanza italiane sulle valute virtuali (18 Aprile 2015)

Una sintesi delle opinioni delle autorità di vigilanza italiane su Bitcoin e sulle altre valute virtuali con le indicazioni, in particolare, di Banca d'Italia e UIF, l'Unità di informazione finanziaria.

  • Bank of Italy, Supervisory Bullettin n.1 2015, “Virtual currencies – Communication”, Italian, 30 January 2015 (pdf, 69 K, 2 pp.)
  • Bank of Italy, "Avvertenza sull’utilizzo delle cosiddette valute virtuali", Italian, 30 January 2015 (pdf, 180 K, 3 pp.)
  • UIF, Unità di Informazioni Finanziaria, “Anomalous use of virtual currencies”, Italian, On 2 February 2015 (pdf , 26 K, 2 pp.)

Weekly reviews

Other posts in English

ComplianceNet – detailed news for the week from April 12th to April 19th 2015 (in Italian)

ComplianceNet: 

ComplianceNet weekly review (April 11th, 2015)

150408-rapporto-2014-gdf.png

 

  • Week: from March 30th to April 11th 2015

A concise summary of major news and updates in the Italian regulatory compliance landscape.

Executive summary

  • The Ministry of Economy and Finance (MEF) updates the "black list" of tax havens: out of it 21 countries, including Singapore and the Cayman Islands (April 1st, 2015)
  • Tax agreement between the Holy See and the Italian Republic (April 1st, 2015)
  • Privacy in Italy: clarifications on Google and the “right to be forgotten” (April 2nd, 2015)
  • Guardia di Finanza: “2014 Annual Report” (April 8th, 2015)

The Ministry of Economy and Finance (MEF) updates the "black list" of tax havens: out of 21 countries, including Singapore and the Cayman Islands (April 1st, 2015)

On April 1st 2015, the Minister of Economy and Finance, Pier Carlo Padoan, signed two ministerial decrees that modify the blacklist on the non-deductibility of costs and on the “Controlled Foreign Companies”(CFC), decrees  already adopted pursuant to Articles 110 and respectively 167 of the Consolidated Income Tax.
The Minister underlined that under this new policy the signed decree rewrites the black list on the non-deductibility of costs while keeping the list of 46 countries and jurisdictions.
21 countries and jurisdictions were deleted from the black list thanks to bilateral (Convention against double taxation or TIEA - Tax Information Exchange Agreement) or multilateral (Multilateral Convention on Mutual Administrative Assistance in Tax Matters OECD / Council ' Europe) agreements that allow the exchange of information on tax matters.

Link

Tax agreement between the Holy See and the Italian Republic (April 1st, 2015)

On April 1st 2015 an agreement on fiscal matters was signed by the Holy See and the Italian Republic

Italy is the first country with which the Holy See has signed an agreement governing the exchange of tax information.
In accordance with the current process of establishing transparency in the field of financial relations at a global level, the Convention transposes the most up-to-date international standards in terms of e exchange of information (article 26 of the OECD Model) to regulate cooperation between the competent authorities of the two contracting Parties.
The exchange of information relates to the fiscal year starting from January 1st, 2009.
From the date on which it enters into force the Convention will enable full compliance with the tax obligations relating to financial assets held by institutions engaging in financial activities in the Holy See by various physical and legal persons resident in Italy with simplified procedures.
Physical and legal persons will be able to regularize their activities, with the same effects as established by Law 186/2014.

Link

Privacy in Italy: clarifications on Google and the “right to be forgotten” (April 2nd, 2015)

On March 31st 2015, the Italian DPA - Data Protection Authority (Garante per la protezione dei dati personali) published its Newsletter n. 400 that contains an interesting analysis on Google and the so-called “right to be forgotten”.
According to the DPA users cannot demand  that Google cancels stories relating to them if it is a recent story and or of the public interest: in fact the “right to be forgotten” must be balanced with freedom of press.
The Data Protection Authority dismissed the appeal of a person who didn’t want Google to retrieve a press article referring to a judicial inquiry in which the person was involved.
The suspect asked Google to delete the reference to the article because, according to him, the text reproduced was "extremely misleading and highly prejudicial."
During an investigation emerged that the news was very recent and above all of public interest, covering a major judicial investigation which involved many people, albeit locally.
In the same proceeding the problem of consistency of “snippets” with the original texts was addressed for the first time; snippets are the automatic summary generated by Google and available along with the search results.
The applicant had in fact asked Mountain View that, as an alternative to de-indexation, they wipe out or alter the snippet that appeared under the link to the article, since according to him the snippet mentioned crime that were more serious that those for which he was being investigated.
The DPA admitted that, indeed, the snippet proposed could be misleading as it was not in line with the facts reported in the article.

Links

Guardia di Finanza: “2014 Annual Report” (April 8th, 2015)

On April 8th, 2015 the Guardia di Finanza published its “2014 Annual Report” which gives an overview of the activities carried out as economic and financial police.
The Corp’s main goal is to attack organized crime at the heart of its economic and financial interests through the identification and subsequent seizure of any assets and property attributable to individuals under investigation or charged with mafia crimes, or guilty of repeated economic and financial offences, as well as their figureheads.
The goal is to deprive criminal organizations of their financial sources and restore to the community the assets misappropriated with serious crimes, thus strengthening the educational value of lawfulness.
A complementary activity is carried out to protect the capital market.
Activities in this respect include the search and repression of all unlawful phenomena (laundering, usury, illegal value transfers, etc.) that may harm the legal economy and fair competition, thus jeopardizing appropriate resource allocation and distribution.
Interventions include the conduction of judiciary police investigations, analysis of suspicious transaction reports, and monitoring of cross-border currency movements.

Annexes

  • Rapporto Annuale (pdf, 28 M 66 pp.)
  • Comunicato stampa (pdf, 316 K, 1 pag.)
  • Video

(Italian translation)

Sintesi

  • Il MEF aggiorna le «black list» dei paradisi fiscali: escono 21 Paesi, tra cui Singapore e Isole Cayman
  • Accordo tra la Santa Sede e il Governo della Repubblica Italiana in materia fiscale (1° aprile 2015)
  • Privacy: chiarimenti su Google e sul “diritto all’oblio” (2 aprile 2015)
  • Guardia di Finanza: “Rapporto annuale 2014” (8 aprile 2015)

Il MEF aggiorna le «black list» dei paradisi fiscali: escono 21 Paesi, tra cui Singapore e Isole Cayman

Il 1° aprile 2015 il Ministro dell’economia e delle finanze, Pier Carlo Padoan, ha firmato due decreti ministeriali che modificano le black list sulla indeducibilità dei costi e sulle Controlled Foreign Companies (CFC), già emanate in attuazione rispettivamente degli articoli 110 e 167 del testo unico delle imposte sui redditi.
In base a questo nuovo criterio, informa una nota, il decreto firmato oggi riscrive la black list sulla indeducibilità dei costi mantenendo nell’elenco 46 Paesi e giurisdizioni.
Sono stati cancellati dalla black list 21 Paesi e giurisdizioni con i quali è in vigore un accordo bilaterale (Convenzione contro le doppie imposizioni oppure TIEA - Tax Information Exchange Agreement) o multilaterale (Convenzione multilaterale sulla mutua assistenza amministrativa in materia fiscale OCSE/Consiglio d’Europa) che consente lo scambio di informazioni in materia fiscale.

Link

Accordo tra la Santa Sede e il Governo della Repubblica Italiana in materia fiscale (1° aprile 2015)

Il 1° aprile 2015 è stata sottoscritta la Convenzione tra la Santa Sede e il Governo della Repubblica Italiana in materia fiscale.
L’Italia è il primo Paese con cui la Santa Sede sottoscrive un accordo che disciplina lo scambio di informazioni.
In linea con il processo in atto verso l’affermazione a livello globale della trasparenza nel campo delle relazioni finanziarie, la Convenzione recepisce il più aggiornato standard internazionale in materia di scambio di informazioni (articolo 26 del Modello OCSE) per disciplinare la cooperazione tra le autorità competenti delle due Parti contraenti. Lo scambio di informazioni riguarderà i periodi d’imposta a partire dal 1° gennaio 2009.
La Convenzione, a partire dalla data di entrata in vigore, consentirà il pieno adempimento, con modalità semplificate, degli obblighi fiscali relativi alle attività finanziarie detenute presso enti che svolgono attività finanziaria nella Santa Sede da alcune persone fisiche e giuridiche fiscalmente residenti in Italia. Gli stessi soggetti potranno accedere ad una procedura di regolarizzazione delle stesse attività, con i medesimi effetti stabiliti dalla legge n. 186/2014.

Link

Privacy: chiarimenti su Google e sul “diritto all’oblio” (2 aprile 2015)

Il 31 marzo 2015 l’Autorità Garante per la protezione dei dati personali italiana ha pubblicato la sua Newsletter n. 400 del 31 marzo 2015
Tre gli argomenti trattati una importante decisione relativa a Google e diritto all’oblio.
Gli utenti non possono ottenere da Google la cancellazione dai risultati di ricerca di una notizia che li riguarda se si tratta di un fatto recente e di rilevante interesse pubblico: il diritto all’oblio, infatti, deve essere bilanciato con il diritto di cronaca.
Il Garante della Privacy ha respinto il ricorso di una persona che contestava la decisione del motore di ricerca di non deindicizzare un articolo che riferiva di un’inchiesta giudiziaria in cui risultava implicata.
La persona indagata chiedeva di cancellare il riferimento all’articolo perché, a suo avviso, il testo riprodotto era "estremamente fuorviante ed altamente pregiudizievole".
Nel corso dell’istruttoria avviata dall’Autorità, è però emerso che la notizia contestata risultava essere molto recente e soprattutto di sicuro interesse pubblico, riguardando un’importante indagine giudiziaria che ha visto coinvolte numerose  persone, seppure in ambito locale.
Nell’ambito dello stesso procedimento si è posto, per la prima volta, anche il problema della coerenza con i testi originali scansionati dal motore stesso dei cosiddetti "snippet", ovvero le sintesi automatiche generate da Google e poste a corredo dei risultati di ricerca.
Il ricorrente aveva infatti chiesto a Mountain View che, in alternativa alla deindicizzazione, cancellasse o modificasse lo snippet che compariva sotto il link all’articolo, dato che secondo lui associava il proprio nominativo a reati più gravi rispetto a quelli per i quali era indagato.
Dai riscontri del Garante è emerso che, in effetti, l’abstract proposto poteva risultare fuorviante in quanto non in linea con la narrazione dei fatti riportati nell’articolo.

Link

Guardia di Finanza: “Rapporto annuale 2014” (8 aprile 2015)

L’8 aprile 2015 la Guardia di Finanza ha pubblicato il “Rapporto Annuale 2014” che fornisce un quadro delle attività svolte in qualità di polizia economico-finanziaria.
L’obiettivo di fondo è colpire la delinquenza organizzata nel cuore dei propri interessi economici e patrimoniali, attraverso l’individuazione ed il conseguente sequestro di beni e ricchezze riconducibili a soggetti indagati o indiziati di reati di mafia ovvero responsabili di reiterati delitti di natura economica e finanziaria, nonché ai loro prestanome.
Questo non solo per togliere alle organizzazioni criminali le proprie fonti finanziarie, ma anche per recuperare alla collettività la ricchezza ottenuta con gravi delitti, rafforzando il valore educativo della legalità.
Complementare a tale ambito operativo, è l’attività svolta a tutela del mercato dei capitali.
Su questo fronte, l’azione di sevizio persegue lo scopo di ricercare e reprimere tutti i fenomeni illeciti (riciclaggio, usura, trasferimento fraudolento dei valori, ecc.) in grado di inquinare i circuiti legali dell’economia e di alterare le condizioni di concorrenza, compromettendo la corretta allocazione e distribuzione delle risorse.
Gli interventi si sviluppano attraverso l’esecuzione di indagini di polizia giudiziaria, l’approfondimento di segnalazioni di operazioni sospette e i controlli sulle movimentazioni transfrontaliere di valuta.

Allegati

  • Rapporto Annuale (pdf, 28 M 66 pp.)
  • Comunicato stampa (pdf, 316 K, 1 pag.)
  • Video

Weekly reviews

Other posts in English

ComplianceNet – detailed news for the week from from March 30th to April 11th 2015 (in Italian)

ComplianceNet: 

ComplianceNet weekly review (March 30th, 2015)

150330-loco-anac-2.png

Week: from March 23rd to March 29th 2015

A concise summary of major news and updates in the Italian regulatory compliance landscape.

Executive summary

  • On March 24th,  2015 the Italian Ministry of Economy and Finance (MEF) and the Italian National Anti-Corruption Authority (ANAC) presented respectively the anti-corruption directive for the State  companies and the anticorruption guidelines for the central and local public administration.
  • On March 24th, 2015, the Italian Data Protection Authority President, Antonello Soro during his addresses to Italian Parliament reminded the need to adopt strict security measures for fiscal databases , such as the “Anagrafe Tributaria” (Italian Tax Register) to protect them from cyber attacks.
  • On March 25th, 2015 the Decree Law 7/2015 on counter-terrorism was presented to Italian Parliament. The Decree provides that the retention period for traffic data that is now a year will rise in two years.

MEF and ANAC: draft for public consultation of "Anti-Corruption Directive" (March 24th, 2015)

On March 24th 2015, the Italian Ministry of Economy and Finance (MEF) and the Italian National Anti-Corruption Authority (ANAC) presented respectively the anti-corruption directive for the State  companies and the anticorruption guidelines both for central and local public administration.
The two documents will be submitted to a public consultation until the middle of April 2015, before being enacted and becoming in force.
Presenting the Directive the Finance Minister Padoan underlined that corruption prevention is "an absolutely outstanding think in this historical and economical moment."
That directive - added Padoan - "is part of a broader framework of instruments, introduced in recent years by the MEF for State companies, aimed at strengthening control tools and contrast phenomena against the public interest".
The audio of the interventions during the presentation of the directive and guidelines are available on Radio Radicale and ComplianceNet websites.

Annexes

Link

The Italian Data Protection Authority on security measures for the “Anagrafe tributaria” (March, 24th 2015)

On March 24th, 2015 the Italian Data Protection Authority President, Antonello Soro, during his addresses to Italian Parliament reminded the need to adopt strict security measures for fiscal databases, such as the “Anagrafe Tributaria” (Italian Tax Register) to protect them from cyber attacks.
Soro said that the “Agenzia delle Entrate” – the Italian Tax Agency - is required to encrypt data, to track access to fiscal information by each authorized party and to provide tools for its periodic monitoring, activating specific alert to detect behaviors or abnormal risk also.
Financial operators and banks must:

  • adopt mechanisms for data encryption in order to avoid alteration and secure protocols for transmitting data,
  • restrict access to the tax information files to a few people entitled to access to the data because of the job;
  • constantly upgrade their operating systems, and antivirus and intrusion detection software;
  • register any data only in encrypted form.

Link

Decree Law 7/2015 on counter-terrorism (March 25th 2015)

On March 25th, 2015 the Decree Law 7/2015 on counter-terrorism was presented to Italian Parliament. The Decree provides that the retention period for traffic data that is now a year will rise in two years.
The Decree also provides preventive interceptions ordered by the public security against mere suspects for crimes committed online or with computer tools.
On the latter point, the Prime Minister Matteo Renzi requested the dismissal to reconcile the demands of security in the fight against terrorism with the protection of privacy.
Antonello Soro, the Italian Data Protection Authority President, positively commented the Renzi government's decision to drop new rules on remote wiretapping.
“It's good,” said Soro “to have connected the data retention duration to the crime nature and we appreciate that Renzi has accepted our suggestion to limit the possibility of preventive interceptions only to terrorism crim”.

Link

(Italian translation)

Sintesi

  • Il 24 marzo 2015 il Ministero dell’Economia e delle Finanze (MEF) e l’Autorità Nazionale Anticorruzione (ANAC) hanno presentato la direttiva anticorruzione per le società controllate dal MEF e le linee guida dell’ANAC per l’intero comparto delle società pubbliche, anche locali.
  • Il 24 marzo 2015 il Garante per la protezione dei Dati Personali, Antonello Soro è intervenuto in audizione in Parlamento ed ha sottolineato la necessità di adottare rigorose misure di sicurezza per le banche dati strategiche, come quelle dell’Anagrafe tributaria e della Sogei, tra le più delicate e maggiormente soggette ai cyberattacchi.
  • Il 25 marzo 2015 è stato presentato in Parlamento il Decreto legge 7/2015 in materia di antiterrorismo prevede che il termine di conservazione dei dati di traffico telematico che è ora di un anno salga a due anni.

MEF e ANAC: testo della “Direttiva Anticorruzione” in consultazione (24 marzo 2015)

Il 24 marzo 2015 il Ministero dell’Economia e delle Finanze (MEF) e l’Autorità Nazionale Anticorruzione (ANAC) hanno presentato la direttiva anticorruzione per le società controllate dal MEF e le linee guida dell’ANAC per l’intero comparto delle società pubbliche, anche locali.
I due documenti saranno sottoposti a consultazione pubblica fino alla metà di aprile, prima di essere emanate e diventare operative.
Il ministro delle Finanze Padoan presentendo la direttiva ha sottolineato come la lotta alla corruzione attraverso adeguate forme di prevenzione rivesta “un rilievo assoluto in questa fase storica ed economica”.
Tale direttiva – ha aggiunto Padoan – “si inserisce in un quadro più ampio di strumenti, introdotti negli ultimi anni dal Ministero nelle società controllate, finalizzate a rafforzare i presidi di controllo e contrasto a fenomeni lesivi dell’interesse pubblico e della corretta gestione delle risorse”.
L’audio degli interventi durante la presentazione della direttiva e delle linee guida sono disponibili sul sito di Radio Radicale e di ComplianceNet.

Allegati

Link

Garante Privacy: misure di sicurezza per l’Anagrafe Tributaria (24 marzo 2015)

Il 24 marzo 2015 il Garante per la protezione dei Dati Personali, Antonello Soro è intervenuto in audizione in Parlamento ed ha sottolineato la necessità di adottare rigorose misure di sicurezza per le banche dati strategiche, come quelle dell’Anagrafe tributaria e della Sogei, tra le più delicate e maggiormente soggette ai cyberattacchi.
Soro ha ricordato che l’Agenzia delle Entrate è tenuta a cifrare i dati, a tracciare gli accessi ai sistemi telematici dell’Anagrafe tributaria da parte di ciascun soggetto autorizzato e a predisporre strumenti di monitoraggio e analisi periodica degli stessi, attivando specifici alert per individuare comportamenti anomali o a rischio.
Gli operatori finanziari e le banche devono

  • adottare meccanismi di cifratura dei dati al fine di scongiurarne il rischio di alterazione e protocolli sicuri  per eventuali trasmissioni interne all’operatore finanziario,
  • limitare l’accesso ai file ad un numero ristretto di incaricati legittimati ad accedere ai dati stessi in ragione delle mansioni svolte;
  • aggiornare costantemente i sistemi operativi e i software antivirus e antintrusione;
  • prevedere solo in forma cifrata l’eventuale conservazione dei dati.

Link

Decreto legge 7/2015 in materia di antiterrorismo

Il 25 marzo 2015 è stato presentato in Parlamento il Decreto legge 7/2015 in materia di antiterrorismo prevede che il termine di conservazione dei dati di traffico telematico che è ora di un anno salga a due anni.
Sono inoltre previste intercettazioni preventive disposte dall’autorità di pubblica sicurezza nei confronti di meri sospettati, per i reati genericamente commessi online o comunque con strumenti informatici.
Su quest’ultimo punto il primo ministro Matteo Renzi ha chiesto lo stralcio conciliare le esigenze di sicurezza nella lotta al terrorismo con quelle di tutela della privacy.
Antonello Soro, Garante della Privacy italiano ha commentato con favore la decisione del governo Renzi di stralciare le norme sulle intercettazioni da remoto.
“È un bene” ha detto Soro “aver collegato l’allungamento dei tempi di data retention al tipo di reato e aver accettato il nostro suggerimento per limitare la possibilità delle intercettazioni preventive solo ai reati di terrorismo”.

Link

Weekly reviews

Other posts in English

ComplianceNet – detailed news for the week from March 23rd to March 29th 2015 (in Italian)

ComplianceNet: 

ComplianceNet weekly review (March 23rd, 2015)

150325-tax-fraud-stop-2.jpg

(Image from http://ec.europa.eu/taxation_customs/taxation/tax_fraud_evasion/index_en.htm)

Week: from March 16th to March 22nd 2015

A concise summary of major news and updates in the Italian regulatory compliance landscape.

Executive summary

  • The European Commission presented a package of tax transparency measures to tackle corporate tax avoidance and harmful tax competition in the EU. A key element of this Tax Transparency Package is a proposal to introduce the automatic exchange of information between Member States on their tax rulings.
  • Switzerland and the European Union initialized an agreement regarding the introduction of the global standard for the automatic exchange of information in tax matters. Switzerland and the 28 EU member states intend to collect account data from 2017 and exchange it from 2018 once the necessary legal basis has been created.
  • ISIL counter terrorism financing group. On March 19th and 20th 2015 the representatives of 26 countries and international organizations met in Italy to analyse the funds flowing toward ISIL’s terrorists, share intelligence sources and coordinate efforts to counter the terrorist organisation’s financial and economic activities.
  • The newspaper "La Repubblica" has anticipated that the Ministry of Economy (MEF) and the Anti-Corruption Authority are going to issue a "Decalogue against corruption" to ensure maximum publicity to the operational decisions of State companies with the aim of preventing corruption.

Combatting corporate tax avoidance: Commission presents Tax Transparency Package

On March 18th 2015 the European Commission presented a package of tax transparency measures to tackle corporate tax avoidance and harmful tax competition in the EU.
A key element of this Tax Transparency Package is a proposal to introduce the automatic exchange of information between Member States on their tax rulings.
The Commission's proposal must be approved by the member states by the end of 2015.
This would allow the new rules to be in force since 1 January 2016.
The Commission proposes that every three months, national tax authorities will have to send a short report to all other Member States on all cross-border tax rulings that they have issued. Member States will then be able to ask for more detailed information on a particular ruling.
"Everyone has to pay their fair share of tax. This applies to multinationals as to everyone else. With today’s proposal on the automatic exchange of information, tax authorities would be able to better identify loopholes or duplication of tax between Member States. In the coming months, we will put forward concrete actions to tackle such loopholes or overlaps. We are committed to following up on our promises with real, credible and fair action," said Vice-President Valdis Dombrovskis, responsible for the Euro and Social Dialogue.
Pierre Moscovici, Commissioner for Economic and Financial Affairs, Taxation and Customs, said: "Tolerance has reached rock-bottom for companies that avoid paying their fair share of taxes, and for the regimes that enable them to do this. We have to rebuild the link between where companies really make their profits and where they are taxed."

Links

Switzerland and EU initial agreement on automatic exchange of information in tax matters

On March 19th 2015 Switzerland and the European Union initialed an agreement regarding the introduction of the global standard for the automatic exchange of information in tax matters. Switzerland and the 28 EU member states intend to collect account data from 2017 and exchange it from 2018 once the necessary legal basis has been created.
The agreement on the automatic exchange of information (AEOI) in tax matters will replace the taxation of savings agreement with the EU that has been in force since 2005 and will apply for all 28 EU member states.
The agreement is supplemented by a joint statement from the contracting parties indicating that it will be sought to have the agreement enter into force on 1 January 2017. This is in line with the statement made by the Federal Council in the autumn of 2014 to the Chair of the Global Forum, whereby the Swiss government intends to introduce the automatic exchange of information in 2017 and exchange data for the first time in 2018. To date, approximately 100 countries, including all major financial centres, have committed themselves to introducing this global standard.
The agreement's entry into force in 2017 is conditional on completion of the approval processes in Switzerland and the EU by then.
Aside from the EU, Switzerland is seeking to achieve the automatic exchange of information with the United States and other countries in accordance with the Federal Council negotiation mandate. Corresponding negotiations are under way. The first agreement was signed with Australia on 3 March 2015.

Links

Establishment of ISIL Counter-Financing Work Group (GCFI)

On 19 and 20 March 2015, Italy, The United States and Saudi Arabia co-chaired the first meeting of the ISIL Counter-Financing Work Group (ICFG) at the Ministry of Foreign Affairs and International Cooperation. The representatives of 26 countries and international organizations met to analyse the funds flowing toward ISIL, share intelligence sources and coordinate efforts to counter the terrorist organisation’s financial and economic activities.
A Plan of Action was adopted at the end of the meeting.
The Work Group’s goals are:

  • Prevent ISIL’s use of the international financial system, including the unregulated transfer of remittances;
  • Counter ISIL’s extortion and exploitation of economic assets and resources — oil, agricultural products, archaeological and cultural treasures, bank deposits — found in or that pass through Daesh territory or come from the surrounding area;
  • Interrupt the flow of funds coming from abroad, including those traceable to external donations, foreign fighters or kidnappings;
  • Impede Daesh’s ability to lend financial assistance or material support to terrorist groups located in other parts of the world and affiliated with them.

The Work Group acts in complete compliance with the United Nations Security Council Resolutions concerning ISIL and other terrorist groups such as al-Qaeda and al-Nusra, active in Iraq and Syria.
The Work Group members, in addition to the Italian, U.S. and Saudi Arabian co-chairs, include the following countries and international organisations:
Australia, Bahrain, Bulgaria, Canada, Denmark, France, Georgia, Germany, Iraq, Japan, Jordan, Kuwait, Latvia, Lebanon, The Netherlands, New Zealand, Panama, Poland, Qatar, Spain, Turkey, United Arab Emirates, The United Kingdom, The European Union (through the EEAS) and the Financial Action Task Force (FATF).
The Italian delegation is co-chaired by the Ministry of Foreign Affairs and International Cooperation and the Ministry of Economy and Finance.

Anti-corruption plan for the State companies

On 23 March 2015, the newspaper "La Repubblica" has anticipated that the Ministry of Economy (MEF) and the Anti-Corruption Authority are going to issue a "Decalogue against corruption" to ensure maximum publicity to the operational decisions of public companies with the aim of preventing corruption.
The “Ten Commandments” will apply immediately to unlisted companies under the direct control of the MEF and, a few weeks after a confrontation with Consob, the Italian authorities to control the stock market, also to listed companies.
Among the companies controlled by the MEF are: Rai, Anas, Italian investment fund, Expo, Sogei, and still Eni, Enel, Finmeccanica, Post and Railways.

Italian translation

Sintesi

  • La Commissione europea ha presentato un pacchetto di misure per la trasparenza fiscale per combattere l’evasione fiscale e la concorrenza sleale nell’area Ue. Un elemento chiave di questo pacchetto sulla trasparenza fiscale è la proposta di introdurre lo scambio automatico di informazioni tra gli Stati membri sulle loro decisioni fiscali.
  • La Svizzera e l’Unione Europea hanno sottoscritto un accordo preliminare sull’adesione allo standard globale per lo scambio automatico di informazioni in materia fiscale. Dal 2017 la Svizzera e i 28 Stati membri dell’UE raccoglieranno i dati fiscali e dal 2018 li scambieranno.
  • Contrasto al finanziamento dei terroristi dell’ISIL. Il 19 e 20 marzo 2015 i rappresentati di 26 Paesi e organizzazioni internazionali si sono riuniti in Italia per analizzare i flussi di finanziamento dell’ISIL, condividere le fonti di intelligence e coordinare i loro sforzi per contrastare le attività finanziarie ed economiche dell’organizzazione terroristica.
  • Il quotidiano “la Repubblica” ha anticipato la notizia che il Ministero dell’Economia (MEF) e l’Authority Anti-corruzione stanno per rendere pubblico un “decalogo anticorruzione” per garantire massima pubblicità alle scelte operative delle società pubbliche con l’obiettivo di prevenire la corruzione

Lotta contro l’evasione fiscale delle imprese: la Commissione UE presenta il pacchetto fiscale per la trasparenza

Il 18 marzo 2015 la Commissione europea ha presentato un pacchetto di misure per la trasparenza fiscale per combattere l’evasione fiscale e la concorrenza sleale nell’area Ue.
Un elemento chiave di questo pacchetto sulla trasparenza fiscale è la proposta di introdurre lo scambio automatico di informazioni tra gli Stati membri sulle loro decisioni fiscali.
La proposta della Commissione deve essere approvata dagli stati membri entro la fine del 2015.
Questo consentirebbe alle nuove norme di essere in vigore già dal 1° gennaio 2016.
La Commissione propone che ogni tre mesi le autorità fiscali nazionali dovranno inviare un rapporto breve a tutti gli stati membri sui tax ruling transfrontalieri che hanno sottoscritto. Gli stati potranno quindi richiedere informazioni più dettagliate su specifici tax ruling.
«Ognuno deve pagare la propria quota di imposte. Questo vale per le multinazionali e per chiunque altro. Con l’odierna proposta sullo scambio delle informazioni, le autorità fiscali saranno in grado di individuare meglio le lacune o la duplicazione delle tasse tra gli stati membri. Nei prossimi mesi porteremo avanti azioni concrete per affrontare tali lacune e sovrapposizioni. Siamo impegnati a rispettare la nostra promessa di un’azione reale, credibile e giusta», ha affermato il vice presidente della Commissione Valdis Dombrovskis.
Per il commissario Ue per gli affari economici e monetari, Pierre Moscovici «regimi fiscali troppo complessi incitano a delocalizzare i proventi delle imprese, il principio guida è invece che le tasse si paghino dove si produce il reddito».

Link

Svizzera e UE siglano un accordo iniziale sullo scambio automatico di informazioni in materia fiscale

Il 19 marzo 2015 la Svizzera e l’Unione Europea hanno sottoscritto un accordo preliminare sull’adesione allo standard globale per lo scambio automatico di informazioni in materia fiscale.
Dal 2017 la Svizzera e i 28 Stati membri dell’UE raccoglieranno i dati fiscali e dal 2018 li scambieranno.
L’accordo per lo scambio automatico di informazioni in materia fiscale (AEOI)  sostituisce l’accordo sulla fiscalità del risparmio con l’UE in vigore dal 2005 e si applica a tutti i 28 Stati membri dell’UE.
L’accordo è completato da una dichiarazione congiunta in cui le parti contraenti perseguono un’entrata in vigore dell’accordo per il 1° gennaio 2017.
Ciò corrisponde a quanto dichiarato dal Consiglio federale nell’autunno del 2014 ai presidenti del Forum Globale, vale a dire che il Governo svizzero intende raccogliere i dati nel 2017 e scambiarli per la prima volta nel 2018. Sinora circa 100 Paesi, tra cui tutte le importanti piazze finanziarie, si sono pronunciati a favore dell’adozione dello standard globale.
L’accordo entrerà  in vigore nel 2017, a patto che fino ad allora i processi di approvazione in Svizzera e nell’UE si saranno conclusi.
Secondo il mandato di negoziazione del Consiglio federale, la Svizzera persegue uno scambio automatico di informazioni, oltre che con l’UE, anche con gli Stati Uniti e altri Paesi.
Le corrispondenti trattative sono in corso.
Il 3 marzo 2015 è stato firmato un primo accordo con l’Australia.

Link

Costituzione del Gruppo di Lavoro sul contrasto al finanziamento dell’ISIL (GCFI)

Il 19 e 20 marzo, Italia, Stati Uniti e Arabia Saudita hanno co-presieduto presso il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale la prima riunione del Gruppo di Lavoro sul Contrasto al Finanziamento dell’ISIL (GCFI).
I rappresentati di 26 Paesi e organizzazioni internazionali si sono riuniti alla Farnesina per analizzare i flussi di finanziamento dell’ISIL, condividere le fonti di intelligence e coordinare i loro sforzi per contrastare le attività finanziarie ed economiche dell’organizzazione terroristica.
Al termine dei lavori, è stato adottato un Piano d’Azione.
Il Gruppo di Lavoro ha come obiettivo di:

  1. prevenire l’utilizzo da parte dell’ISIL del sistema finanziario internazionale, inclusi i trasferimenti non regolamentati di rimesse;
  2. contrastare l’attività estorsiva dell’ISIL e lo sfruttamento di assets economici e risorse – petrolio, prodotti agricoli, beni archeologici e del patrimonio culturale, depositi bancari – che si trovano o transitano nel territorio del Daesh, o provengono dalla regione circostante;
  3. interrompere il flusso di fondi provenienti dall’estero, inclusi quelli riconducibili a donazioni esterne, combattenti stranieri (foreign fighters) o derivanti da rapimenti a scopo estorsivo;
  4. impedire che il Daesh possa prestare assistenza finanziaria o supporto materiale a gruppi terroristici in altre parti del mondo e ad esso affiliate.

Il Gruppo di Lavoro agisce in piena coerenza con le Risoluzioni del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite che riguardano il contrasto all’ISIL e ad altri gruppi terroristici quali Al-Qaeda e al-Nusra, attivi in Iraq e Siria.
Fanno parte del Gruppo di Lavoro, oltre alle co-presidenze italiana, statunitense e saudita, i seguenti Paesi ed organizzazioni internazionali: Australia, Bahrain, Bulgaria, Canada, Danimarca, Francia, Georgia, Germania, Iraq, Giappone, Giordania, Kuwait, Lettonia, Libano, Paesi Bassi, Nuova Zelanda, Panama, Polonia, Qatar, Spagna, Turchia, Emirati Arabi Uniti, Regno Unito, Unione Europea (attraverso il SEAE), Financial Action Task Force (FATF). La delegazione Italiana era co-presieduta dal MAECI e dal MEF.

Piano anticorruzione per le società di Stato

Il 23 marzo 2015 il quotidiano “la Repubblica” ha anticipato la notizia che il Ministero dell’Economia (MEF) e l’Authority Anti-corruzione stanno per rendere pubblico un “decalogo anticorruzione” per garantire massima pubblicità alle scelte operative delle società pubbliche con l’obiettivo di prevenire la corruzione.
Il “decalogo” si applicherà subito alle aziende non quotate sotto il diretto controllo del MEF e, tra qualche settimana dopo un confronto con la CONSOB, l’autorità italiana per il controllo della Borsa, anche alle società quotate.
Tra le società controllate dal MEF ci sono: Rai, Anas, Fondo italiano di investimento, Expo, Sogei, e ancora Eni, Enel, Finmeccanica, Poste e Ferrovie.

Weekly reviews

Other posts in English

ComplianceNet – detailed news for the week from March 16th to March 22nd 2015 (in Italian)

ComplianceNet: 

ComplianceNet weekly review (March 16th, 2015)

140310-fatca

Week: from March 9th to March 15th 2015

A concise summary of major news and updates in the Italian regulatory compliance landscape.

Executive summary

  • On March 11th 2015, the Italian Data Protection Authority (Garante per la protezione dei dati personali) announced a public consultation for the new “Ethic code for business information” published in draft version.
  • On March 12th 2015 during his addresses to Italian Senate Luigi Casero, deputy minister of the Economy, said that it is “urgent” to confirm FATCA - Foreign Account Tax Compliance Act.
  • On March 13th, 2015 “Agenzia delle Entrate” the Italian tax agency issued its “Circolare” no. 10/E that contains the operating instructions to join  the voluntary disclosure process - act n. 186, December 15th 2014 about returning capital held abroad.
  • On March 14th, 2015 “Anti money laundering in Italy - 2014 Report”  was published in draft form on the site www.compliancenet.it.

Privacy: draft for public consultation of new “Ethic code for business information”

On March 11th 2015, the Italian Data Protection Authority (Garante per la protezione dei dati personali) announced a public consultation for the new “Ethic code for business information” published in draft version.
The Code has to regulate information services on the solvency and reliability of people and contains also some simplifications of Privacy Law obligations for business activities: is not necessary the “consent” for data processing of data and simplified information can be published on the website.
The public consultation will end after 40 days.

More details in:

The Italian Parliament must approve urgently FATCA agreement, said Economy vice minister

On March 12th 2015 during his addresses to Italian Senate Luigi Casero, deputy minister of the Economy, said that it is “urgent” to confirm FATCA - Foreign Account Tax Compliance Act.
On January 10th, 2014, an intergovernmental agreement on this subject has been already signed  between the United States and Italy.
No more wasting time” remarked Casero “we have only ten months to adopt the act and the correlated regulations and instructions to enable the implementation required”.
From 2017 data will be exchanged between Italy and the USA and “the date is not far away”.
The collection of information from Italian financial intermediaries will start in 2016 for new accounts  and also for old accounts since December 31, 2015.

More details in:

Voluntary Disclosure: the instructions by “Agenzia delle Entrate”, the Italian tax agency

On March 13th, 2015Agenzia delle Entrate” the Italian tax agency issued its “Circolare” no. 10/E that contains the operating instructions to join  the voluntary disclosure process - act n. 186, December 15th 2014 about returning capital held abroad.
The “Circolare” clarifies several points including:

  • subjective and objective scope of the voluntary partnership both national and  international;
  • causes of ineligibility;
  • obligations due by taxpayer;
  • the temporal horizon of the procedure for voluntary cooperation;
  • sanction aspects;
  • the consequences for criminal;
  •  completion of the procedure;
  • pathology of the procedure.

More details in:

Annex

  • Agenzia delle Entrate, “Emersione e rientro di capitali detenuti all’estero. Prime indicazioni sulla procedura di collaborazione volontaria”, circolare N. 10/E del 13 marzo 2015 (pdf, 1.4 M, 65 pp.)

“Anti money laundering in Italy - 2014 Report”  first draft available

On March 14th, 2015 “Anti money laundering in Italy - 2014 Report”  was published in draft form on the site www.compliancenet.it.
The final version will be published in April 2015.
The text is published under an open Creative Commons license http://creativecommons.org/licenses/by/4.0/deed.it

More details in:

(Italian translation)

Sintesi

  • L’11 marzo 2015 il Garante per la Protezione dei dati personali italiano ha posto in consultazione lo schema di codice deontologico sulle informazioni commerciali, che disciplina il settore dei servizi informativi sulla solvibilità e affidabilità delle persone, con alcune semplificazioni per gli operatori del settore: niente consenso per il trattamento dei dati , informativa semplificata sul sito internet.
  • Il 12 marzo 2015 il viceministro dell’economia Luigi Casero, durante un’audizione al Senato ha detto che è “urgente” l’approvazione da parte del Parlamento italiano del Fatca (Foreign account tax compliance act), la normativa americana già oggetto di un accordo intergovernativo sottoscritto il 10 gennaio 2014 tra Stati Uniti e Italia.
  • Il 13 marzo 2015 l’Agenzia delle Entrate ha pubblicato la Circolare n. 10/E che contiene le istruzioni operative per la procedura di collaborazione volontaria (voluntary disclosure) - legge 15 dicembre 2014, n. 186, disposizioni in materia di emersione e rientro di capitali detenuti all’estero.
  • Il 14 marzo 2015 sul sito www.compliancenet.it è stato pubblicato il primo draft del testo “Anti money laundering in Italy - 2014 Report”. La versione definitiva sarà pubblicata nel mese di aprile 2015.

Privacy: codice deontologico per le informazioni commerciali in consultazione

L’11 marzo 2015 il Garante per la Protezione dei dati personali italiano ha posto in consultazione lo schema di codice deontologico sulle informazioni commerciali, che disciplina il settore dei servizi informativi sulla solvibilità e affidabilità delle persone, con alcune semplificazioni per gli operatori del settore: niente consenso per il trattamento dei dati , informativa semplificata sul sito internet.
Il provvedimento è in consultazione pubblica per 40 giorni .

Maggior dettagli in:

Urgente l’approvazione di FATCA da parte del Parlamento italiano

Il 12 marzo 2015 il viceministro dell’economia Luigi Casero, durante un’audizione al Senato ha detto che è “urgente” l’approvazione da parte del Parlamento italiano del Fatca (Foreign account tax compliance act), la normativa americana già oggetto di un accordo intergovernativo sottoscritto il 10 gennaio 2014 tra Stati Uniti e Italia.
“Non c’è tempo da perdere” ha rimarcato Casero “ci sono solo dieci mesi di tempo per adottare la normativa fiscale, anche quella secondaria e le circolari e attivare l’implementazione necessaria”.
Il 2017, data dalla quale cominceranno gli scambi di dati tra Italia e USA “non è lontano”. La raccolta dei dati presso gli intermediari finanziari italiani comincerà dal 2016 anche sui conti nuovi e vecchi, in essere al 31 dicembre 2015.

Maggior dettagli in:

Voluntary Disclosure: la circolare dell’Agenzia delle Entrate

Il 13 marzo 2015 l’Agenzia delle Entrate ha pubblicato la Circolare n. 10/E che contiene le istruzioni operative per la procedura di collaborazione volontaria (voluntary disclosure) - legge 15 dicembre 2014, n. 186, disposizioni in materia di emersione e rientro di capitali detenuti all’estero.
La Circolare chiarisce diversi punti tra cui:

  • l’ambito soggettivo ed oggettivo della collaborazione volontaria internazionale e di quella nazionale;
  • le cause di inammissibilità;
  • gli adempimenti a carico del contribuente;
  • l’ambito temporale della procedura di collaborazione volontaria;
  • gli aspetti sanzionatori;
  • gli effetti ai fini penali;
  • il perfezionamento della procedura;
  • la patologia della procedura

Maggior dettagli in:

Allegato

  • Agenzia delle Entrate, “Emersione e rientro di capitali detenuti all’estero. Prime indicazioni sulla procedura di collaborazione volontaria”, circolare N. 10/E del 13 marzo 2015 (pdf, 1.4 M, 65 pp.)

“Anti money laundering in Italy - 2014 Report” disponibile il primo draft

Il 14 marzo 2015 sul sito www.compliancenet.it è stato pubblicato il primo draft del testo “Anti money laundering in Italy - 2014 Report”.
La versione definitiva sarà pubblicata nel mese di aprile 2015.
Il testo è pubblicato con licenza aperta Creative Commons

Maggior dettagli in:

Weekly reviews

Other posts in English

ComplianceNet – detailed news for the week from March 9th to March 15th 2015 (in Italian)

ComplianceNet: 

Pagine