Servizi segreti: riciclaggio, evasione ed elusione fiscale (27 febbraio 2017)

170227-servizi-relazione-2016.jpg

Il 27 febbraio 2017 i Servizi segreti italiani hanno presentato “Relazione al Parlamento 2016” (qui in pdf e epub, 188 pp.)
Di seguito le pagine 61 e 62 della Relazione.

Le economie illegali: riciclaggio, evasione ed elusione fiscale

L’intelligence ha continuato a fornire supporto informativo nel quadro del più ampio sforzo per individuare capitali irregolarmente detenuti all’estero o sul territorio nazionale, nonché a colpire le organizzazioni e i canali che alimentano tale pratica illecita approfittando delle asimmetrie legislative che persistono in diversi Stati esteri.
Il contrasto all’occultamento dei capitali ha assunto valenza prioritaria, non solo in chiave anti evasione, ma anche per colpire fenomeni di maggiore e più diretta pericolosità sociale, rappresentando lo stadio finale di attività quali il riciclaggio e la corruzione.
In tale ambito non vengono trascurati i nuovi strumenti che si stanno affermando con la fintech, che, sebbene perfettamente legali, in alcuni casi potrebbero prestarsi ad essere utilizzati per finalità illecite.
L’onda lunga della crisi economica che condiziona la crescita e le dinamiche di sviluppo del Paese ha continuato a produrre effetti in termini di penetrazione criminale nell’economia e di occultamento di fondi illecitamente accumulati.
Tra le pratiche illecite rilevate, quelle più insidiose si sono confermate:

  • l’uso di carte di credito/pagamento anonime, alimentabili senza limiti di spesa;
  • la strutturazione di architetture finanziarie realizzate attraverso Società di Investimento a Capitale Variabile (SICAV) e trust;
  • le possibilità di sub-commissionare, solo cartolarmente, lavori appaltati in Italia al fine di drenare la maggior parte dei guadagni verso il territorio estero, scontando imposte di molto inferiori rispetto alla tassazione in Italia.

Sono emerse, inoltre, patologie in grado di incidere direttamente sull’efficienza e stabilità del sistema.
In partico lare, si è registrata l’operatività di taluni circuiti professionali in grado di offrire ai cittadini italiani titolari di posizioni “in nero” soluzioni alternative alla regolarizzazione dei capitali posseduti all’estero.
Tra le iniziative illecite adottate, le principali sono risultate il trasferimento delle “provviste” disponibili su piazze finanziarie non cooperative e lo spostamento della residenza fiscale (in alcuni casi fittiziamente) così da eludere la normativa sullo scambio di informazioni.
Parallelamente si è rilevata una significativa diffusione sul territorio nazionale di carte di credito “anonime”, legate a conti offshore, in grado di garantire cospicui volumi di spesa non tracciabili e rimpatri “non contabilizzati” di capitali.
Il permanere di una dinamica ancora debole dei prestiti alle imprese, ha generato come ulteriori conseguenze l’abusiva mediazione creditizia nei confronti di imprenditori in difficoltà economica e l’acquisizione di società che versano in grave crisi finanziaria da parte di circuiti criminali.
Gli effetti sulla media e piccola imprenditoria sono stati rilevanti, accrescendo le attività usuraie, da un lato, e le sofferenze bancarie, dall’altro.
Sul fronte del riciclaggio internazionale, crescente rilievo hanno assunto due pratiche utilizzate sia dalla criminalità organizzata, sia dall’imprenditoria illegale: l’una che fa leva sul ricorso ad operazioni prive di sostanza economica, pur legali, con lo scopo di realizzare vantaggi fiscali  illeciti (cd. abuso di diritto), e l’altra consistente nell’utilizzo sostanzialmente irregolare del trust per dissimulare, attraverso i meccanismi legittimi di tale istituto giuridico, origine ed effettiva titolarità dei capitali.

Le infiltrazioni della criminalità organizzata nel tessuto economico e produttivo nazionale

La criminalità organizzata ha continuato a occupare spazi imprenditoriali e a inquinare il libero mercato grazie all’ingente liquidità di denaro, provento dei traffici illeciti.
L’edilizia, i giochi on-line, lo smaltimento di rifiuti, la green economy e, soprattutto, gli appalti pubblici si sono confermati i settori dell’economia legale di principale interesse per gli investimenti da parte delle mafie nazionali.
In relazione a tanto, sono state oggetto di attenzione le reti relazionali che la criminalità organizzata ha intessuto con gli altri attori delle lobby crimino-affaristiche: imprenditori, professionisti, faccendieri, dipendenti e amministratori pubblici.
Gli strumenti principe che la criminalità organizzata utilizza per penetrare i circuiti affaristici e ingerirsi nei processi decisionali pubblici e nel libero mercato sono, da una parte, lo scambio di reciproche utilità e il raggiungimento di un comune interesse economico, dall’altra, la corruzione, soprattutto nei confronti di pubblici amministratori e burocrati.
In tal senso, la riforma del codice degli appalti, varata nell’aprile 2016, potrà contribuire a contenere i fenomeni di ingerenza criminale nello specifico settore.
La criminalità organizzata di matrice nazionale, a fattor comune seppur con diverse gradazioni, ha continuato ad affinare le proprie capacità di infiltrare i processi decisionali pubblici e di alterazione del libero mercato, pur non rinunciando a mantenere, attraverso la pressione estorsiva e intimidatoria effettivamente esercitata, o semplicemente percepita, una pervasiva proiezione sul territorio di riferimento (vds. box n. 15).
Unitamente al traffico di sostanze stupefacenti, che si conferma la principale fonte di finanziamento delle attività illecite e di riciclaggio dei sodalizi criminali, si è registrato il crescente interesse degli stessi su taluni aspetti della gestione del fenomeno migratorio.

Allegato

Sicurezza nazionale, “Relazione al Parlamento 2016” (pdf e epub, 188 pp.)

Ultimi articoli su "Antiriciclaggio"

443px-Money-laundering.svg.png

(image from http://commons.wikimedia.org/wiki/File:Money-laundering.svg)

Segui ComplianceNet sui social networks

140709-linkedin2.jpg  facebook facebook

*