A Milano un convegno sulla compliance fiscale (FiscoOggi.it, 29 luglio 2016)

160619-compliance.jpg

Agenzia, professionisti e intermediari allo stesso tavolo per discutere dell’assistenza ai contribuenti

  • di Sonia Ogliari

Collaborare per un fisco più semplice, equo e trasparente e soprattutto per rendere un servizio di assistenza efficiente ai cittadini.
Questo il tema degli incontri organizzati dalla Direzione regionale della Lombardia nell’ultima settimana.
Lo scorso 26 luglio (2016 ndr) , l’Agenzia ha infatti incontrato gli intermediari e, il 28 luglio, ha approfondito il tema con un convegno ad hoc “L’Agenzia delle Entrate cambia verso”, (comunicato in pdf) organizzato dalla Direzione regionale della Lombardia in collaborazione con gli Ordini dei commercialisti e degli esperti contabili appartenenti al Codis (Coordinamento degli Ordini dei dottori commercialisti e degli esperti contabili dell’Italia settentrionale).
Al convegno presenti il Direttore regionale delle Entrate, Giovanna Alessio, e il presidente del Codis, Mario Tagliaferri, che insieme a rappresentanti di entrambe le organizzazioni si sono confrontati sulle iniziative già avviate dall’Agenzia per garantire un dialogo preventivo con i contribuenti e con i professionisti che li rappresentano.
I momenti di dialogo e confronto - ha sottolineato il Direttore regionale - sono importanti per individuare congiuntamente strategie e soluzioni utili a garantire una sempre maggiore efficienza del sistema tributario e per trovare soluzioni condivise per la gestione di casi complessi, col fine ultimo di collaborare per offrire un’assistenza qualificata ai contribuenti.
L’Agenzia è infatti sempre più impegnata nella semplificazione degli adempimenti e delle procedure che agevolino il corretto comportamento tributario.
Anche in questa occasione Agenzia e professionisti hanno rinsaldato la loro collaborazione nel processo di realizzazione di un sistema fiscale più trasparente ed equo, basato sulla semplificazione e sulla conseguente riduzione dei costi connessi agli adempimenti fiscali.
In questa direzione vanno, ad esempio, le dichiarazioni precompilate e i corner di assistenza per la trasmissione, attivati recentemente presso la maggior parte degli uffici territoriali.
Ma in questa direzione va soprattutto una delle ultime iniziative più rilevanti nell’ottica del dialogo preventivo, ovvero le lettere per l’adempimento spontaneo inviate per informare i cittadini su possibili errori o dimenticanze nei redditi dichiarati nel 2013; o ancora le più recenti lettere inviate a contribuenti  nei confronti dei quali sono stati effettuati controlli fiscali conclusi con la consegna di uno o più processi verbali di constatazione (PVC) in cui sono riportate violazioni per l’anno d’imposta 2012.
Tutte iniziative che sono finalizzate ad instaurare un dialogo preventivo con il contribuente che ha così la possibilità di sanare la propria posizione evitando un accertamento.
C’è tempo fino a tutto settembre per rispondere alle richieste di documentazione inviate dalla metà di giugno dalle Entrate.
Lo slittamento riguarda le richieste di documentazione inviate per il modello Unico 2014 ed è concesso per evitare che i contribuenti debbano adempiere ad obblighi nel mese di agosto.
Gli incontri si sono conclusi con un focus sui servizi telematici, con un approfondimento su come gestire l’attività di assistenza attraverso questi canali, tra cui Civis, messi a disposizione dall’Agenzia.

Allegato – il testo del Decreto Legislativo 5 agosto 2015, n. 128

Leggi anche sulla "Cooperative Compliance"

Per saperne di più

Ultimi articoli su "Cooperative Compliance"

Ultimi articoli su Fisco Oggi

140715-logo-fisco-oggi.jpg

Rimani in contatto

140709-linkedin2.jpg  facebook facebook

*