L’evoluzione del sistema dei controlli interni delle imprese di assicurazione nel recepimento di Solvency II (DirittoBancario.it, 5 giugno 2016)

160605-controlli-assicurazioni.jpg

Nel complesso schema organizzativo dell’impresa assicurativa, il sistema dei controlli interni può essere definito come l’insieme delle strutture organizzative, delle procedure e delle regole che complessivamente presiedono al corretto funzionamento e al buon andamento dell’impresa nel contesto economico e normativo di riferimento.

Controlli interni

Nel complesso schema organizzativo dell’impresa assicurativa, il sistema dei controlli interni può essere definito come l’insieme delle strutture organizzative, delle procedure e delle regole che complessivamente presiedono al corretto funzionamento e al buon andamento dell’impresa nel contesto economico e normativo di riferimento.
Il sistema dei controlli interni è finalizzato primariamente ad assicurare che gli obiettivi dell’impresa siano perseguiti in un contesto di un adeguato monitoraggio e un’efficace gestione dei rischi insiti nella strategia di business, mediante lo svolgimento di attività di controllo e la predisposizione di idonee policy e procedure organizzative.
Ulteriore finalità del sistema dei controlli è costituita dal monitoraggio dell’economicità operativa della struttura aziendale, attraverso la costante verifica che le operazioni gestionali siano eseguite secondo principi di:

  • efficacia, ossia capacità di raggiungere gli obiettivi prestabiliti;
  • efficienza, cioè l’idoneità a raggiungere gli obiettivi con un utilizzo razionale e appropriato di risorse umane e materiali;
  • economicità, ossia la capacità di operare attraverso l’utilizzo di risorse al minor costo possibile.

Il sistema dei controlli interni, infine, supporta il management nella definizione delle possibili trasformazioni dell’attività dell’impresa, sia quando queste abbiano luogo in conseguenza di eventi esterni (es. mutamenti del contesto normativo e regolamentare di riferimento, evoluzioni del mercato), sia quando questi abbiano luogo in conseguenza di eventi interni (es. operazioni straordinarie).
Partecipano al sistema dei controlli interni, complessivamente inteso, tanto gli organi sociali (organo amministrativo e organo di controllo) quanto le funzioni c.d. di controllo interno quali, in particolare, la funzione di internal audit, la funzione di risk management e la funzione di compliance e, infine, le medesime funzioni operative e di business.
Si suole ripartire il sistema dei controlli interni su tre livelli:

  1. controlli “di primo livello” o “controlli di linea”, volti ad assicurare il corretto svolgimento delle operazioni ed effettuati dalle stesse funzioni operative e di business;
  2. controlli “di secondo livello”, che comprendono la funzione di risk management, cui è demandata l’attività di misurazione, monitoraggio e gestione dei rischi aziendali, e la funzione di compliance, che svolge attività di verifica della conformità dell’operatività aziendale ai limiti ed alle disposizioni normative e regolamentari;
  3. controlli “di terzo livello”, demandati alla funzione di internal audit, chiamata a verificare la completezza, l’adeguatezza, l’efficacia e l’efficienza di tutto il sistema dei controlli interni, nonché dell’organizzazione aziendale.

I controlli “di primo livello” sono normalmente qualificati come “controlli diretti”, in quanto svolti contestualmente all’esercizio delle attività aziendali e dai medesimi soggetti che vi sono preposti; i livelli di controllo successivi, invece, sono solitamente definiti controlli “indiretti” in quanto basati sui flussi informativi generati all’esito degli accertamenti diretti.
La collocazione delle funzioni di controllo nella struttura aziendale è funzionale a garantirne l’immunità da influenze che potrebbero compromettere la relativa capacità di svolgere i compiti assegnati in modo obiettivo, corretto e indipendente.
Per questa ragione, ogni funzione esercita le proprie funzioni sotto la responsabilità dell’organo amministrativo, al quale riferisce in via diretta, e coopera con le altre funzioni nello svolgimento dei rispettivi ruoli.

  • Continua a leggere su o in pdf

Allegato

  • Febbi S. e Bobbo D., L’evoluzione del sistema dei controlli interni delle imprese di assicurazione recepimento Solvency II, 2016 (pdf)

Altri articoli su Audit

Rimani in contatto

140709-linkedin2.jpg  facebook facebook

Articoli collegati su Fisco

ComplianceNet: