Controlli interni: “Un modello di difesa a quattro livelli per le istituzioni finanziarie” (BIS, 4 gennaio 2016)

160104-bis.jpg

Nel mese di dicembre 2015 la Bank for International Settlements (www.bis.org) ha pubblicato il Paper N. 11, «The “four lines of defence model” for financial institutions - Taking the three-lines-of-defence model further to reflect specific governance features of regulated financial institutions» (pdf, 487 K, 29 pp.). Nel seguito la traduzione (unofficial) dell’Executive Summary e l’indice del documento.

Sommario

Dopo la crisi finanziaria globale del 2007-2009 l’attenzione accademica e professionale sulla progettazione e realizzazione di sistemi di controllo interno è molto aumentata.
Molte ricerche sull'efficacia e le caratteristiche della funzione di Internal Audit sono state condotte con il patrocinio dell’Institute of Internal Auditors Research Foundation (IIARF) e pubblicati su riviste accademiche e professionali.
Nonostante questi sforzi, gli impatti del sistema di controllo interno sull’efficienza ed efficacia dei processi di governo societario, soprattutto in istituzioni finanziarie come le banche e le compagnie di assicurazione sono stati poco analizzati.
Tradizionalmente viene utilizzato il “modello a tre linee di difesa” per modellare l'interazione tra corporate governance e di controllo interno.
Noi riteniamo che l’attuale “modello a tre linee di difesa” potrebbe essere sostanzialmente migliorato dandogli un focus specifico sulla regolamentazione delle banche e delle compagnie di assicurazione.
Nel paper affrontiamo questo punto cercando di stabilire fino a che punto le istituzioni finanziarie - a causa delle loro caratteristiche peculiari e degli specifici requisiti normativi - hanno bisogno di un modello di controllo interno più efficace.
Anche se il nostro studio si riferisce alle istituzioni finanziarie in generale, la nostra analisi dettagliata si concentra sugli istituti bancari.
Al fine di tener conto delle caratteristiche di governance specifiche delle banche e assicurazioni, abbiamo pertanto delineato un “modello a quattro linee di difesa” che assegna alle autorità di vigilanza e ai revisori esterni, cioè alle entità di controllo fuori dall'organizzazione, un ruolo specifico nella struttura organizzativa del sistema di controllo interno della banca.
Sulla base del concetto di un rapporto "triangolare" tra i auditor interni, supervisori e auditor esterni, lo studio esamina in dettaglio le loro interazioni.
Attraverso la creazione di un “modello a quattro linee di difesa” crediamo che i sistemi di controllo interno miglioreranno grazie alle nuove responsabilità e relazioni tra internal auditor, autorità di vigilanza e revisori esterni.
Tuttavia va anche detto che c’è il rischio che possano nascere problemi se non fossero garantiti flussi di informazioni adeguati tra tutti gli attori.

Note al testo

1) Gli autori desiderano ringraziare i revisori del testo per i preziosi commenti e suggerimenti che hanno contribuito a migliorare la precisione e la validità delle indagini: Prof. Robert Melville della Cass Business School, il prof Wilco Oostwounder dell’Università di Utrecht e Juan Carlos Crisanto, Stefan Hohl e Raihan Zamil del Financial Stability Institute della Bank for International Settlements

Contents

Executive summary
1. Introduction: the Global Financial Crisis, corporate governance and the three-lines-ofdefence model
2. Outline of the three-lines-of-defence model
3. Weaknesses and past failures of three-lines-of-defence model
4. The concept of the “four lines of defence” model in financial institutions
5. Relationship between functions of the third and fourth line of defence
5.1 Relationship between external auditors and supervisors
5.2 Relationship between internal auditors and supervisors
5.3 Relationship between internal auditors and external auditors
5.4 Transition from the three lines to the four lines of defence: the quest to design an effective model for financial institutions
6. Conclusion

Allegato

  • Isabella Arndorfer, Bank for International Settlements, Andrea Minto, Utrecht University, Occasional Paper No 11, «The “four lines of defence model” for financial institutions - Taking the three-lines-of-defence model further to reflect specific governance features of regulated financial institutions», December 2015 (pdf, 487 K, 29 pp.)

Ultimi articoli su Basilea

140203-logo-bis.jpg

ComplianceNet: