Ranieri Razzante: "La stretta sul contante non è per tutti" (Il Sole 24 Ore del 28 agosto 2011)

Testo completo dell'articolo
Money transfer esclusi dalla nuova soglia antiriciclaggio. Le norme sull'uso del contante previste dalla manovra di Ferragosto (articolo 2, comma 4, del Dl 138/2011) non si applicano a coloro che esercitano questa attività. Il decreto legge ha ridotto la soglia per i trasferimenti di contante fra privati da 5mila a 2.500 euro, soglia valida anche per gli assegni e per i libretti di risparmio (si veda «Il Sole 24 Ore» del 19 agosto).
È stato infatti modificato l'articolo 49 della legge antiriciclaggio (Dlgs 231/2007), nella parte in cui prevede il limite oltre il quale gli strumenti di pagamento devono essere tracciati. Il contante deve passare quindi attraverso banche o poste (gli unici intermediari abilitati) se supera i 2.499 euro, e gli assegni non possono superare questa soglia se sono liberi.
Ma il legislatore sembra aver dimenticato i trasferimenti di moneta che avvengono quotidianamente attraverso le numerose agenzie di money transfer sparse sul territorio nazionale. La norma di modifica parla infatti dei limiti contenuti nei commi 1, 5, 8, 12 e 13 dell'articolo 49, mentre le regole per questi intermediari finanziari sono enumerate nei commi 18 e 19.
Continua

Chi è Ranieri Razzante?

Ranieri Razzante

Ranieri Razzante, laureato in Economia e Commercio (1991) e in Giurisprudenza (2001), è presidente e fondatore di AIRA, l'Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio.
Presidente della società IUS Consulting,
consulente antiriciclaggio e legale di numerose compagnie di assicurazione, banche e intermediari finanziari italiani ed esteri.
Consulente della Commissione Parlamentare Antimafia dal 23 marzo 2010, membro de:

  • Osservatorio sulla Criminalità Economica del CNEL,
  • Gipaf, "Gruppo Interdisciplinare per la Prevenzione Amministrativa
    delle frodi sulle Carte di Pagamento", istituito presso il Ministero
    Economia, Dipartimento Tesoro, Divisione "Prevenzione reati finanziari",
  • membro dello Steering Committee del Ministero dell'Economia (Direzione
    III) per l'attuazione del programma "Security and Safeguarding Liberties
    – Prevention of and Fight against Crime" della Dg Freedom, Security and
    Iustice della UE.

Già membro della Commissione del Ministero dell'Economia per la redazione del Testo Unico in materia di Antiriciclaggio.
Docente di:

  • "Legislazione antiriciclaggio" presso l'Università Mediterranea di Reggio Calabria;
  • "Economia degli Intermediari Finanziari" presso l'Università di Firenze;
  • Legislazione antiriciclaggio presso la "Scuola di Perfezionamento per le Forze di Polizia" in Roma.

Collaboratore de " Il Sole 24Ore".
Autore de:

  • "La regolamentazione antiriciclaggio in Italia", seconda edizione, Giappichelli, Torino, 2011
  • "Il contenzioso finanziario nell'era Mifid" (a cura di), Giappichelli, Torino, 2010
  • "Il nuovo sistema dei controlli interni della banca", Franco Angeli editore, 2010
  • "La nuova disciplina dei reati informatici", con L. Cuomo, Giappichelli, Torino, 2009.
  • "Normativa antiriciclaggio e Responsabilità da Reato delle Società", (con M.Arena), Esselibri, Napoli, 2009.
  • "Commentario alle nuove norme contro il riciclaggio", prefazione di G. Maresca, Cedam, Padova, 2008.
  • "La regolamentazione antiriciclaggio in Italia", prefazione di P.L.Vigna, Giappichelli, Torino, 2006.
  • "La disciplina dei reati informatici" (con L. Cuomo, magistrato Procura di Isernia), Giappichelli, Torino, 2006.

Contatti

Ranieri Razzante online

Altri articoli su antiriciclaggio (su www.compliancenet.it)