Ranieri Razzante: "Assegni bancari nel mirino dell'Uif per l'elusione delle norme antiusura" (Il Sole24Ore dell'11 agosto 2011)

Testo completo dell'articolo in formato pdf  (fonte: Rassegna stampa Mef)
L'Autorità antiriciclaggio italiana ha emanato ieri nuovi schemi di comportamento, per uso del sistema bancario e finanziario, che isolano molte delle situazioni di rischio per il settore. L'Unità della Banca d'Italia aggiorna cosi la precedente comunicazione del 24 settembre 2009, ormai superata dalle recenti rilevazioni sul campo. Colpisce il richiamo all'operatività dei collaboratori esterni delle banche e degli intermediari finanziari (promotori, mediatori creditizi, agenti in attività finanziaria), che riprende con puntualità e tempestività le vicende di questi ultimi mesi, riguardanti il coinvolgimento di molti di questi intermediari in truffe e riciclaggio di denaro sporco.
Inoltre, l'usura si cela dietro comportamenti inusuali rispetto ai settori economici in cui i clienti sono inseriti, specialmente quando si tratta di piccoli imprenditori attivi nell'edilizia, nel commercio al dettaglio ed in quello di autoveicoli. Lo spostamento di contanti, poi, è l'anomalia più evidente, ma ancora trascurata. Dovrebbe essere ormai chiaro che certi acquisti di beni (come le case o le auto) non possono avvenire in contanti e che, di conseguenza, gli imprenditori del settore non potranno avere una frequente movimentazione in entrate e in uscite dai loro conti.
Un altro strumento di pagamento, tra i più diffusi tra gli usurai, è l'assegno, utilizzato con svariate modalità elusive della non trasferibilità e della soglia di legge (5.000 euro).
Continua

Chi è Ranieri Razzante?

Ranieri Razzante

Ranieri Razzante, laureato in Economia e Commercio (1991) e in Giurisprudenza (2001), è presidente e fondatore di AIRA, l'Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio.
Presidente della società IUS Consulting,
consulente antiriciclaggio e legale di numerose compagnie di assicurazione, banche e intermediari finanziari italiani ed esteri.
Consulente della Commissione Parlamentare Antimafia dal 23 marzo 2010, membro de:

  • Osservatorio sulla Criminalità Economica del CNEL,
  • Gipaf, "Gruppo Interdisciplinare per la Prevenzione Amministrativa
    delle frodi sulle Carte di Pagamento", istituito presso il Ministero
    Economia, Dipartimento Tesoro, Divisione "Prevenzione reati finanziari",
  • membro dello Steering Committee del Ministero dell'Economia (Direzione
    III) per l'attuazione del programma "Security and Safeguarding Liberties
    – Prevention of and Fight against Crime" della Dg Freedom, Security and
    Iustice della UE.

Già membro della Commissione del Ministero dell'Economia per la redazione del Testo Unico in materia di Antiriciclaggio.
Docente di:

  • "Legislazione antiriciclaggio" presso l'Università Mediterranea di Reggio Calabria;
  • "Economia degli Intermediari Finanziari" presso l'Università di Firenze;
  • Legislazione antiriciclaggio presso la "Scuola di Perfezionamento per le Forze di Polizia" in Roma.

Collaboratore de " Il Sole 24Ore".
Autore de:

  • "La regolamentazione antiriciclaggio in Italia", seconda edizione, Giappichelli, Torino, 2011
  • "Il contenzioso finanziario nell'era Mifid" (a cura di), Giappichelli, Torino, 2010
  • "Il nuovo sistema dei controlli interni della banca", Franco Angeli editore, 2010
  • "La nuova disciplina dei reati informatici", con L. Cuomo, Giappichelli, Torino, 2009.
  • "Normativa antiriciclaggio e Responsabilità da Reato delle Società", (con M.Arena), Esselibri, Napoli, 2009.
  • "Commentario alle nuove norme contro il riciclaggio", prefazione di G. Maresca, Cedam, Padova, 2008.
  • "La regolamentazione antiriciclaggio in Italia", prefazione di P.L.Vigna, Giappichelli, Torino, 2006.
  • "La disciplina dei reati informatici" (con L. Cuomo, magistrato Procura di Isernia), Giappichelli, Torino, 2006.

Contatti

Ranieri Razzante online

Altri articoli su antiriciclaggio (su www.compliancenet.it)

 

 

ComplianceNet: