MiFID, consultazione pubblica sulla nuova normativa secondaria in materia di post-trading

La Banca d’Italia ha avviato una consultazione pubblica sulla nuova normativa secondaria in materia di post-trading (servizi di gestione accentrata, liquidazione e garanzia), compendiata in un Provvedimento unico. Le osservazioni al documento di consultazione (pdf, 1.4 M, 77 pp) dovranno pervenire entro il 16 novembre 2007 a Banca d’Italia o CONSOB agli indirizzi indicati nel documento stesso. Di seguito riportiamo premessa, quadro normativo di riferimento e struttura del Provvedimento.

Premessa e quadro normativo di riferimento

Il Consiglio dei Ministri del 30 agosto 2007 ha approvato - su proposta del Ministro per le politiche europee e del Ministro dell’economia e delle finanze – il Decreto Legislativo che recepisce in Italia la Direttiva 2004/39/CE (MiFID) in materia di mercati degli strumenti finanziari, apportando le dovute modifiche al testo del Decreto Legislativo 24 febbraio 1998, n. 58 (TUF). In occasione del recepimento della MiFID, il TUF è stato emendato anche nella parte relativa alla disciplina della gestione accentrata, della compensazione, liquidazione e garanzia (post-trading), al fine di:

  • uniformare per quanto possibile le disposizioni ivi contenute, anche rispetto alla disciplina dei mercati;
    chiarire le finalità di vigilanza rispettivamente attribuite alla Banca d'Italia e alla Consob.

Il nuovo testo del TUF prevede la modifica degli articoli 69, 70, 77, 80, 81 e 82. Le integrazioni riguardano:

  • l’applicazione anche ai gestori dei sistemi di garanzia e liquidazione (art. 69 e 70 TUF) delle norme previste per la gestione accentrata in tema di requisiti di onorabilità, professionalità e indipendenza dei soggetti che svolgono funzioni di amministrazione, direzione e controllo, onorabilità dei partecipanti al capitale, revisione contabile (art. 80 commi 4, 5, 6, 7, 8 e 10 TUF); il requisito dell’indipendenza è stato introdotto in questa occasione anche per gli esponenti delle società di gestione accentrata, coerentemente con quanto previsto per gli intermediari;
  • la definizione, per le società di gestione dei servizi di liquidazione e dei sistemi di garanzia (art. 69 e 70 TUF), di una disciplina emanata dalla Banca d'Italia, d’intesa con la Consob, sui requisiti organizzativi, le risorse finanziarie, i criteri generali per l’ammissione, sospensione ed esclusione dei partecipanti e i criteri generali in base ai quali il gestore dei sistemi può partecipare direttamente ai sistemi di garanzia e liquidazione esteri; per la società di gestione dei servizi di liquidazione, anche l’individuazione delle attività connesse e strumentali;
  • la definizione, per le società di gestione accentrata (art. 80 TUF), di una disciplina emanata dalla Consob, d’intesa con la Banca d'Italia, sui requisiti organizzativi e le risorse finanziarie;
  • l’adozione da parte delle società di gestione accentrata, garanzia e liquidazione (art. 69, 70 e 81 TUF) di criteri di accesso ai sistemi basati su “principi non discriminatori, trasparenti e obiettivi”, in linea con quanto stabilito dall’articolo 34 della direttiva MiFID (accesso ai sistemi di controparte centrale, compensazione e regolamento);
  • l’estensione ai gestori dei sistemi di garanzia e liquidazione della disciplina delle crisi prevista per le società di gestione accentrata (art. 77, comma 3 TUF);
  • l’esplicitazione delle finalità di vigilanza in materia di post-trading (art. 77 e 82 TUF): per la Banca d'Italia, stabilità e contenimento del rischio sistemico, per la Consob, trasparenza e tutela degli investitori.

In considerazione delle modifiche apportate al TUF, la Banca d’Italia e la Consob hanno ritenuto opportuno procedere alla revisione e all’aggiornamento della normativa secondaria in materia di post-trading. Ferma restando l’attribuzione alla Banca d'Italia del potere regolamentare primario in materia di servizi di liquidazione e sistemi di garanzia e alla Consob di quello relativo alla gestione accentrata e alle insolvenze di mercato, le due Autorità sono pervenute alla determinazione di compendiare, in un unico testo normativo, le numerose fonti regolamentari attinenti alla gestione accentrata, alla garanzia e alla liquidazione di strumenti finanziari, nonché alla definitività degli ordini volti a trasferire la titolarità o altri diritti su uno o più strumenti finanziari.
La realizzazione di un unico corpus di norme in materia di post-trading tiene conto delle istanze di coordinamento fra Autorità di recente ribadite in diverse previsioni normative nonché delle esigenze di semplificazione e di riduzione del numero di provvedimenti e atti di natura regolamentare. In questo senso si è inteso redigere un unico provvedimento in cui far confluire tutta la disciplina relativa ai sistemi di post-trading: vigilanza regolamentare (soggetti, regole di funzionamento dei servizi e definitività) - attualmente contenuta nei provvedimenti Banca d’Italia, d’intesa Consob, dell’8.9.2000 (servizi di liquidazione), del 22.10.2002 (sistemi di garanzia) e del 30.9.2002 (definitività) e nella Delibera Consob n. 11768/1998, emanata d’intesa con la Banca d’Italia per le parti inerenti alla gestione accentrata e alla liquidazione delle insolvenze di mercato - e vigilanza informativa, attualmente disciplinata nelle Istruzioni di emanazione congiunta Banca d’Italia e Consob del 24.1.2002. La maggior parte delle disposizioni contenute nel nuovo provvedimento unico non presenta aspetti di novità. Nel nuovo testo confluiscono, infatti, le previsioni contenute nei Provvedimenti e nella Delibera sopra richiamati nonché nelle linee guida emanate dalle Autorità in materia di outsourcing di attività aventi rilevanza strategica per la gestione tipica aziendale delle società di gestione dei sistemi di post-trading e in materia di business continuity. Alcuni aggiustamenti si sono resi necessari al fine di garantire organicità al provvedimento e di aggiornare le disposizioni contenute nelle risalenti discipline consolidate. Gli aspetti di novità riguardano piuttosto le disposizioni attuative delle nuove norme introdotte nel TUF agli articoli 69, 70, 77, 80, 81 e 82, sopra richiamate.

Struttura del Provvedimento

La struttura del Provvedimento è la seguente:

  • Parte I: Vigilanza regolamentare
  • Titolo I: Disposizioni comuni
  • Titolo II: Servizio di gestione accentrata
  • Capo I: Disciplina delle società di gestione accentrata
  • Capo II: Disciplina del servizio di gestione accentrata
  • Titolo III: Servizi di liquidazione
  • Capo I: Disciplina della società di gestione dei servizi di liquidazione
  • Capo II: Disciplina dei servizi di liquidazione
  • Titolo IV: Sistemi di garanzia
  • Capo I: Disciplina delle società di gestione dei sistemi di garanzia
  • Capo II: Disciplina dei sistemi di garanzia
  • Sezione I: Sistemi di garanzia a controparte centrale
  • Sezione II: Fondi di garanzia
  • Titolo V: Collegamenti con sistemi esteri
  • Parte II: Vigilanza informativa
  • Parte III: Liquidazione delle insolvenze di mercato
  • Parte IV: Disposizioni transitorie e finali

Link

Banca D’Italia, "Disciplina dei servizi di gestione accentrata, di liquidazione, dei sistemi di garanzia e delle relative società di gestione, documento di consultazione", ottobre 2007 (pdf, 1.4 M, 77 pp)

ComplianceNet: