Privacy - Newsletter del Garante n. 316 del 2 dicembre 2008

Il Garante per la protezione dei dati personali ha pubblicato la newsletter n. 316 del 2 dicembre 2008. Tre gli argomenti affrontati:

  1. Marketing selvaggio: scattano nuovi divieti del garante
  2. Antidoping e privacy dei ciclisti
  3. Parcelle professionali e diritti nei confronti  del cliente

Nel seguito riportiamo integralmente il testo relativo al "marketing selvaggio" ed una breve sintesi dei contenuti delle altri due argomenti per il cui dettaglio si rimanda alla newsletter.

Marketing selvaggio: scattano nuovi divieti del garante

Prosegue l'azione del Garante privacy contro il marketing selvaggio e le telefonate promozionali indesiderate. Dopo l'intervento  del settembre scorso, l'Autorità ha vietato ad altre due società specializzate nella creazione e nella vendita di banche dati (Edipro, Addressvitt), l'ulteriore trattamento di dati personali di milioni di utenti. I dati, nello specifico numeri telefonici, erano stati raccolti e utilizzati illecitamente, senza cioè aver informato gli interessati e senza che questi avessero fornito uno specifico consenso alla cessione delle loro informazioni personali ad altre società.
Il divieto (dei provvedimenti è stato relatore Mauro Paissan) è scattato anche per altre aziende (Capital casa, Eurocasa, Italia Adverlab) che hanno acquistato da queste società data base allo scopo di poter contattare gli utenti e promuovere i loro prodotti e servizi tramite call center.
Dalle ispezioni effettuate dal Nucleo speciale funzione pubblica e privacy e dagli ispettori del Garante presso società che hanno fornito i data base è emerso che alcuni dati degli utenti erano stati raccolti e ceduti a terzi senza informare gli interessati, o informandoli in maniera inadeguata, e senza un loro preventivo specifico consenso.
Da parte loro le aziende che avevano acquistato i dati e li avevano utilizzati a fini di marketing telefonico (il cosiddetto "telemarketing"), non si erano preoccupate di accertare, come prevede invece la disciplina sulla protezione dei dati, che gli abbonati avessero acconsentito alla comunicazione dei propri dati e al loro uso a fini commerciali.
La mancata osservanza del divieto dell'Autorità espone anche a sanzioni penali.

Antidoping e privacy dei ciclisti

I controlli antidoping sono leciti, ma l'informativa del Coni sui controlli effettuati al di fuori delle competizioni dovrà essere modificata. Lo ha stabilito il Garante, accogliendo alcuni dei rilievi segnalati dall'Accpi (Associazione corridori ciclisti professionisti italiani) riguardo al nuovo protocollo antidoping, basato sugli standard stabiliti dalla Wada, l'Agenzia mondiale antidoping.

Parcelle professionali e diritti nei confronti del cliente

Possono essere inviate all'indirizzo del lavoro del cliente quando non vi è altro modo per contattarlo
I professionisti possono inviare la parcella all'indirizzo di lavoro del cliente anche senza il consenso di quest'ultimo quando non vi è altro modo di contattarlo.

Chi è Panfilo Marcelli?

L’ingegner Panfilo Marcelli ha lavorato per oltre vent’anni presso primarie aziende informatiche e di consulenza (IPACRI, Euros Consulting, OASI) con incarichi, anche direttivi, in ambito Information Technology, Privacy e Protezione dei dati personali, Qualità e Certificazione ISO9000 e ISO27001, Workflow Management e Business Process Reengineering, Internet, Intranet e gestione di siti con sistemi CMS. Attualmente é socio di CMa Consulting società specializzata in servizi, consulenza e formazione in ambito Compliance, Privacy, Qualità e Sicurezza. Può essere contattato via email: p.marcelli@cmaconsulting.it 

Altri articoli di Panfilo Marcelli

ComplianceNet: