ComplianceNet weekly review (September 12th, 2015)

italian-government-bond-etfs.jpg
Week: from September 7th to September 13th 2015

Index

  • DPA – Data privacy authority - Children's Privacy - serious violations by sites and apps (September 7th, 2015)
  • IVASS: new rules on handling complaints in consultation (September 7th, 2015)
  • OECD: open governance (September 8th, 2015)
  • DIA: 2041 2nd semester Report - criminal penetration in the north and in Lazio (September 9th, 2015)
  • FATCA: from 2016 comprehensive tax data exchange (September 9th, 2015)
  • Tax compliance too expensive for small and medium-sized enterprises (September 10th, 2015)
  • The “Vaduz list” can be used for tax purposes (September 10th, 2015)
  • The Italian government approves the 4th AML Directive (September 10th 2015)

DPA – Data privacy authority - Children's Privacy - serious violations by sites and apps (September 7th, 2015)

The results of the survey conducted by the Guarantor of the Italian privacy in collaboration with other international authorities have been published.
Apps and websites used by Italian children do not adequately protect the privacy of small users. Among the 35 cases investigated by the Privacy Guarantor as many as 21 have shown serious risk profiles and 8 of these will require special inspections.
These are the main findings of the survey conducted by the Italian Authority, in collaboration with other international authorities of the Global Privacy Enforcement Network (GPEN), on the occasion of "Privacy Sweep 2015" dedicated to the protection network of children between 8 and 13 years of ages.
"We need sites and apps suitable for children" - said the President Antonello Soro. - "The results of the survey conducted by the experts of the Italian Guarantor show that we are still far from a proper protection of children's data. And it is increasingly clear that almost all children between 8 and 13 years are using online technology tools but are not adequately protected. Many companies that manage sites and develop apps - continues Soro - demonstrate an irresponsible approach towards children.
Of course, parents should follow their children also their technological development.
The Guarantor of privacy will continue to monitor the situation and take action against all forms of abuse, both in Italy and abroad, along with colleagues from the GPEN ".

IVASS: new rules on handling complaints in consultation (September 7th, 2015)

IVASS, the Italian Insurance authority, has placed in public consultation the “scheme Ruling 25/2015 modification of ISVAP Regulation. 24 of 19 May 2008” on the management of complaints, aimed at aligning the Regulation with EIOPA guidelines regarding the management of complaints made to insurance agents .
Guidelines on the management of complaints from insurance intermediaries issued by EIOPA predict that national supervisors are required to ensure the compliance of insurance intermediaries with eight guidelines concerning:
1.    the management of the complaint by the competent person;
2.    the definition of a policy for the handling of complaints;
3.    the establishment of a corporate function for handling complaints;
4.    registration of the complaints received;
5.    Reporting to the Supervisory Authority;
6.    analysis of complaints data, aimed at the identification and resolution of recurring and structural problems;
7.    adequate information to be provided to consumers;
8.    the definition of an adequate procedure for handling complaints.

OECD: open governance (September 8th, 2015)

On 7 September 2015 the OECD, Organization for Cooperation and Development, published it “Principles of corporate governance”.
The guidelines are aimed at optimizing international business management of enterprise, acting on a discretionary and non-binding offer to the OECD countries (and not) a standard of proper governance to reduce economic, communication and interpersonal problems.
Some of the innovations contained in the text are:
•    companies’ voluntary opening to the market and to improved monitoring of exposure to corporate risks
•    explicit prohibition of insider trading for important share-holders (institutional investors) and external non-executive directors that obviate conflicts of interest.
•    news for shareholders that, in addition to the right to attend meetings, can participate in the judgment on executive remuneration.

DIA: 2041 2nd semester Report - criminal penetration in the north and in Lazio (September 9th, 2015)

The DIA - Anti-Mafia Investigation Directorate- published its “2041 2nd semester Report”. According to the DIA geographical areas most at risk to the criminal infiltration are Piedmont and Lazio.
DIA writes that there is a “spontaneous exodus of organized crime to the Capital, an ideal refuge for fugitives and money laundering of illicit proceeds, as shown by recent police operations”.

FATCA: from 2016 comprehensive tax data exchange (September 9th, 2015)

The ratification decree of the Italian Ministry of Economy and Finance (MEF) of the FACTA agreement between the Government of the Italian Republic and the Government of the United States of America, was published in the Official Gazette of 13 August 2015, n. 186.
The objective of the international agreement is to improve tax compliance and enforce FATCA legislation.
With reference to the exchange of information a gradual increase of the exchange of information , it is expected until a full exchange is reached in 2016.

Tax compliance too expensive for small and medium-sized enterprises (September 10th, 2015)

According to the OECD - Organisation for Economic Cooperation and Development http://www.oecd.org/ - tax compliance is too expensive for SMEs - Small and Medium Enterprises.
This was stated by “Taxation of Smes in OECD and G-20 countries http://www.oecd.org/ctp/taxation-of-smes-in-oecd-and-g20-countries-97892... ” report, which analyzes the tax systems applicable to smaller companies in the 39 most economically developed countries in the world.
The direct and indirect costs to be in compliance with taxes and contributions are often "out of proportion" to the structure and size of the companies, the OECD says.
For this reason, in Europe more than half of new businesses last no more than five years.

The “Vaduz list” can be used for tax purposes (September 10th, 2015)

The Italian Supreme Court (Cassazione) with ruling no. 16950/2015 supported the possibility of using the “Vaduz list” for tax purposes.
This list contains data on foreign clients and was stolen by an employee of the LGT Bank in Vaduz.
The list was then acquired by the German authorities and after was revealed to other EU countries.
Directive 2011/16 / EU, art. 18, states that the authorities of a Member State may not refuse to provide information solely because it is held by a bank or other financial institutions and banking secrecy does not constitute an overriding principle.

The Italian government approves the 4th AML Directive (September 10th 2015)

On 10 September 2015 the Italian government approved the draft order for the transposition of Directive 2015/849 on the "Prevention of the use of the financial system for the purpose of laundering the proceeds of criminal activity and terrorist financing" (and Regulation EU 2015/847) the so-called IV AML Directive.
The main new features:

  1. the express inclusion of tax offenses in the category of offenses of money laundering, as falling within the definition of "criminal activity";
  2. greater centrality ascribed into AML risk-based approach;
  3. the clarification and expansion of the powers and functions of the Financial Intelligence Unit (FIU) of the individual countries;
  4. the adoption of measures to strengthen international cooperation between authorities on money laundering;
  5. strengthening the standards of transparency of corporate structures, foundations and trusts.

Italian version

Indice

  • Garante: Privacy dei bambini, pesanti violazioni da siti e app (7 settembre 2015)
  • IVASS: nuove disposizioni su gestione reclami in consultazione (7 settembre 2015)
  • Ocse: una governance aperta (8 settembre 2015)
  • DIA: relazione 2° semestre 2014 - penetrazione criminale al nord e nel Lazio (9 settembre 2015)
  • Fatca: su informazioni fiscali dal 2016 scambio dati completo (9 settembre 2015)
  • Compliance fiscale troppo cara per le piccole e medie imprese (10 settembre 2015)
  • Anche la «lista Vaduz» è utilizzabile a fini fiscali – sintesi (10 settembre 2015)
  • Il governo italiano approva la IV Direttiva antiriciclaggio UE (10 settembre 2015)

Garante: Privacy dei bambini, pesanti violazioni da siti e app (7 settembre 2015)

Resi noti i risultati dell’indagine svolta dal Garante della privacy italiano  in collaborazione con le altre Autorità internazionali

Le app e i siti internet più utilizzati dai bambini italiani non tutelano adeguatamente la privacy dei piccoli utenti. Tra i 35 casi analizzati dal Garante della privacy ben 21 hanno evidenziato gravi profili di rischio e 8 di questi richiederanno specifiche attività ispettive.
Sono questi gli esiti principali dell’indagine svolta dall’Autorità italiana, in collaborazione con altre ventotto Autorità internazionali del Global Privacy Enforcement Network (GPEN), in occasione del "Privacy Sweep 2015" dedicato alla protezione in rete dei bambini tra gli 8 e i 13 anni.
"Occorrono siti e app a misura di bambino" – sottolinea il Presidente Antonello Soro. - "I risultati dell’indagine condotta dagli esperti del Garante italiano evidenziano che siamo ancora molto lontani da una corretta tutela dei dati dei minori. E’ sempre più evidente che quasi tutti i bambini tra gli 8 e i 13 anni usano strumenti tecnologici collegati in rete, ma non sono adeguatamente protetti. Molte società che gestiscono siti e sviluppano app – continua Soro – dimostrano un approccio irresponsabile nei confronti dei minori. Naturalmente, i genitori devono seguire i loro figli in questo percorso di crescita anche tecnologica. Il Garante della privacy continuerà a vigilare e a intervenire contro ogni forma di abuso, sia in Italia, sia all’estero assieme ai colleghi del GPEN".

IVASS: nuove disposizioni su gestione reclami in consultazione (7 settembre 2015)

L’IVASS ha posto in pubblica consultazione  lo schema di Provvedimento 25/2015 di modifica del Regolamento ISVAP n. 24 del 19 maggio 2008 in materia di gestione dei reclami, finalizzato ad allineare il Regolamento alle Linee Guida EIOPA in materia di gestione dei reclami degli intermediari di assicurazione..
Le Linee Guida sulla gestione dei reclami da parte degli intermediari assicurativi emanate dall’EIOPA prevedono che i supervisori nazionali sono tenuti a vigilare per assicurare la compliance degli intermediari di assicurazione a otto orientamenti riguardanti:

  1. la gestione del reclamo da parte del soggetto competente;
  2. la definizione di una policy per la gestione dei reclami;
  3. l’istituzione di una funzione aziendale per la gestione dei reclami;
  4. la registrazione dei reclami ricevuti;
  5. il reporting nei confronti dell’Autorità di vigilanza;
  6. l’analisi dei dati relativi ai reclami, finalizzata all’identificazione e risoluzione di problemi ricorrenti o sistemici;
  7. l’adeguata informativa da fornire ai consumatori;
  8. la definizione di un’adeguata procedura per la gestione dei reclami.

Ocse: una governance aperta (8 settembre 2015)

Apertura volontaria dell’azienda al mercato e controllo rafforzato dell’esposizione societaria ai rischi.
Divieto esplicito di insider trading per i soggetti forti (investitori istituzionali) e amministratori esterni non esecutivi che ovviano al conflitto di interessi.
Novità anche per gli azionisti che, oltre al diritto di intervento in assemblea, partecipano al giudizio sulla remunerazione dei dirigenti.
Sono queste alcune delle novità contenute nei principi di corporate governance, resi noti ieri dall’Ocse, l’Organizzazione per cooperazione e sviluppo.
Le linee guida di gestione aziendale internazionale mirano all’ottimizzazione dell’attività d’impresa, agendo in modo discrezionale e non vincolante e offrendo ai paesi Ocse (e non) uno standard corretto di governance volto a ridurre criticità economiche, comunicative e relazionali.

DIA: relazione 2° semestre 2014 - penetrazione criminale al nord e nel Lazio (9 settembre 2015)

La DIA – Direzione Investigativa Antimafia – ha pubblicato il Rapporto relativo al 2° semestre 2014.
Secondo la DIA le aree geografiche più a rischio infiltrazione criminale sono il Piemonte e il Lazio.
Scrive la DIA: si osserva un “esodo spontaneo della criminalità organizzata verso la Capitale, rifugio ideale per i latitanti e territorio di riciclo di proventi illeciti, così come emerso da recenti operazioni di polizia.

Fatca: su informazioni fiscali dal 2016 scambio dati completo (9 settembre 2015)

Il decreto del ministero dell’Economia e delle Finanze, di ratifica dell’accordo tra il governo della Repubblica italiana e il Governo degli Stati Uniti d’America, è stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 13 agosto 2015, n. 186.
L’obiettivo dell’accordo internazionale è migliorare la compliance fiscale e applicare la normativa Fatca.
Con riferimento allo scambio di informazioni, si prevede un incremento graduale dello scambio di dati fino ad arrivare a uno scambio completo con riferimento all’annualità 2016.

Compliance fiscale troppo cara per le piccole e medie imprese (10 settembre 2015)

Compliance fiscale troppo cara per le piccole e medie imprese.
I costi diretti e indiretti per essere in regola con tasse e contributi sono spesso «sproporzionati» ri-spetto alla struttura e alle dimensioni delle aziende.
Al punto che, anche per questo motivo, in Europa più della metà delle nuove iniziative imprenditoriali non supera i cinque anni di vita.
Ad affermarlo è l’Ocse nel volume «Taxation of Smes in Oecd and G-20 countries», che analizza i sistemi impositivi applicabili alle imprese di minori dimensioni nei 39 paesi economicamente più evoluti al mondo.

Anche la «lista Vaduz» è utilizzabile a fini fiscali (10 settembre 2015)

La Corte di Cassazione, con la sentenza n. 16950/2015, ha sostenuto la possibilità di utilizzo, ai fini fiscali, della Lista Vaduz,frutto del trafugamento da parte di un funzionario della LGT Bank di Vaduz dei dati sulla clientela straniera, poi acquisiti dalle autorità tedesche e da questa divulgati ad altri Paesi dell’Ue.
La direttiva 2011/16/UE, all’art. 18, stabilisce che l’autorità di uno Stato membro non può rifiutare di fornire informazioni solamente perché detenute da una banca o altro istituto finanziario, non costituendo il segreto bancario un principio inderogabile.

Il governo italiano approva la IV Direttiva antiriciclaggio UE (10 settembre 2015)

Il 10 settembre 2015 il governo italiano ha approvato schema di decreto per il recepimento della direttiva 2015/849, relativo alla «Prevenzione dell’uso del sistema finanziario a scopo di riciclaggio dei proventi di attività criminose e di finanziamento del terrorismo» (e del regolamento Ue 2015/847) la cosiddetta IV Direttiva antiriciclaggio.
Le principali novità:

  1. l’espressa inclusione dei reati fiscali nel novero dei reati presupposto di riciclaggio, in quanto rientranti nella definizione di «attività criminosa»;
  2. la maggiore centralità attribuita nell’ordinamento antiriciclaggio all’approccio basato sul rischio;
  3. la precisazione e l’ampliamento dei poteri e delle funzioni delle Unità di informazione finanziaria (Uif) dei singoli paesi;
  4. l’adozione di misure volte a rafforzare la collaborazione internazionale tra le autorità antiriciclaggio;
  5. il rafforzamento degli standard di trasparenza di strutture societarie, delle fondazioni e dei trust.

Weekly reviews

See also

ComplianceNet: