ComplianceNet weekly review (May 25th, 2015)

150526-false-accounting2.jpg

(image from Il Sole 24 Oreclick to enlarge)
Week: from May 18th to May 24th 2015

Summary

  1. Economy and legality - alarming data on Italian companies (15th May 2015)
  2. FATCA in Italy: data to the USA tax authorities due to be sent by September 30th 2015 (May 19th, 2015)
  3. The European Parliament ready to vote the new 4th AML directive (May 20th, 2015)
  4. Compounding banned in Italy since 1 January 2014 (May 21st, 2015)
  5. The Italian Parliament approves anti-corruption law and new rules against false accounting (May 21st, 2015)
  6. Italian Data Protection Authority Newsletter n. 402 of May 22nd, 2015 - clarifications on annuities

Economy and legality - alarming data on Italian companies (15th May 2015)

On May 15th, 2015 the Institute Tagliacarne presented the results of a research entitled “The economic value of legality for the small and medium Italian companies” (here in pdf).
According to data presented, illegal economical phenomena, mainly counterfeiting and money laundering, are prevalent in the business system especially in Lazio (42%) and Lombardy (30%) with the highest concentration in the southern Italy, Umbria and Liguria.
The research points out that the illegal economy destroys the legal market, prevents investment and distorts the financial availability.

Link

FATCA in Italy: data to the USA tax authorities due to be sent by September 30th 2015 (May 19th, 2015)

On 19th May 2015, the Agenzia delle Entrate, the Italian tax authority, published the “Technical Rules” to allow the sending of data by Italian banks to the IRS, the US tax agency, as foreseen by the intergovernmental agreement (Iga) signed between Italy and the United States relating to FATCA.
“Technical Rules” are proposed for public consultation until May 26th 2015.
Italian banks and financial operators which are obliged to comply with FATCA must submit data concerning those of their customers subject to US taxation  to the Agenzia delle Entrate within  30 days after the final promulgation of the “Technical Rules”.
Agenzia delle Entrate  will send the data received from banks to the IRS by September 30th 2015.
The original deadline for sending data to the US from Italy was originally fixed for April 30th, 2015 but the deadline that was not respected  by Italy due to delays in the Senate regarding bill n. 1719,  ratifying FATCA, which has not yet been approved.

Link

The European Parliament ready to vote the new 4th AML directive (May 20th, 2015)

On the 21st May 2015, after two years of intense discussions and continuous amendments, the European Parliament will on vote the 4th AML directive which will be compliant with AML international standards developed by the FATF - Financial Action Task Force.
The most significant Fourth Directive news concerns:

  1. the establishment of central registers in every European country containing accurate and current information on beneficial ownership of companies, legal entities or trusts; these records will be of public domain and can be consulted freely and without any restrictions by the competent authorities, as well as by journalists and by any person and organization that can demonstrate a legitimate interest;
  2. customer due diligence by banks, accountants, lawyers, notaries, real estate agents and casinos with the exception of the professional relationship when representing a client in legal proceedings;
  3. new rules to make it easier to trace the transfer of funds.

Link

Compounding banned in Italy since 1 January 2014 (May 21st, 2015)

The court in Milan with two orders, on 25th March 2015 and on 3rd April 2015 - Case RG 3562/2015 -  reaffirmed that the compound interest (“anatocismo” in Italian) in Italy is prohibited as stated in the law 147/2013, in force since 1st January 2014.
Compounding or “compound interest” is interest added to the principal interest of a deposit or loan so that the added interest also earns interest from then on.
The judgment is particularly important because some Italian banks claimed that the prohibition of compound interest was not in force until the Interministerial Committee credit and savings (ICRC) had not clarified how to correctly calculate the interest.

The Italian Parliament approves anti-corruption law and new rules against false accounting (May 21st, 2015)

On May 21st 2015 the Italian Parliament approved a new anti-corruption bill by a wide majority.
The bill contains also a reform of false accounting rules that takes Italy closer to those of advanced capitalistic countries.
Jail sentences for up to eight years for crimes committed by market-listed companies make Italy stand out as one of the countries with the toughest response against this type of corporate crime.
In line with other European regulations, the crime is seen as dangerous that is it’s not necessary to prove the damage, as instead currently expected in some cases, especially of non-listed companies. France, Germany, Britain, Spain and the United States are on the same page.
Un important aspect of the Italian reform is the distinction between listed and unlisted companies. This difference cannot be found abroad, where instead the same sanction applies independently from whether the company is listed on the stock market and from the types of company.

Link

Italian Data Protection Authority Newsletter n. 402 of May 22nd, 2015 - clarifications on annuities

On May 22nd  2015, Italian Data Protection Authority (DPA) published its Newsletter n. 402 which covered three topics:

  1. privacy matters on publishing politician information and revenues
  2. data protection of “expanded newborn screening”
  3. risks about sensitive health information in emails

Regarding the first point Data Protection Guarantor writes that the Public Administration cannot invoke privacy law to reject access request to documents by the journalists.
The Privacy Code - emphasizes the Authority - has not repealed citizen access right to administrative documents.
Everyone who has a direct real and current interest has the right to inspect and take copies of administrative documents but public administration has to verify, every time, the real right to access while it remains the responsibility of the journalist the use and dissemination to the public of the information collected in the case of acceptance of his application.
Answering to a question about the online publication of politicians revenues and annuities, the Guarantor underlined the “PA transparency guidelines” state that web dissemination of personal information by public bodies it is allowed only if provided for by a provision of law or regulations. The public administration, therefore, has to publish on line, or on its corporate website, information, records and administrative documents that are contained personal information about politicians just if it is required by a law.
Otherwise the publication of information and documents will only happen with anonymized personal data.

Link

Italian translation

Indice

  1. Economia e legalità - dati allarmanti sulle imprese italiane (15 maggio 2015)
  2. Anatocismo vietato in Italia dal 1° gennaio 2014 (21 maggio 2015)
  3. Il Parlamento europeo pronto a votare la nuova IV Direttiva antiriciclaggio (20 maggio 2015)
  4. FATCA in Italy: dati al fisco Usa il 30 settembre 2015 (19 maggio 2015)
  5. Il Parlamento italiano approva la legge anti-corruzione e le nuove norme contro il falso in bilancio (21 maggio 2015)
  6. Newsletter del Garante Privacy n. 402 del 22 maggio 2015 – chiarimenti sui vitalizi

Economia e legalità - dati allarmanti sulle imprese italiane (15 maggio 2015)

Il 15 maggio 2015 l’Istituto di Ricerca Tagliacarne ha presentato i risultati della ricerca intitolata “Il valore economico della legalità per la piccola e media imprenditoria italiana” (qui in pdf).
Secondo i dati presentati i fenomeni di illegalità, in particolare contraffazione e riciclaggio, sono molto diffusi nel sistema imprenditoriale specie nel Lazio (42%) e in Lombardia (30%) con ampia diffusione anche nel Mezzogiorno, Umbria e Liguria permane la massima concentrazione.
La ricerca sottolinea come l’illegalità economica distrugge il mercato legale, impedisce gli investimenti e distorce la disponibilità finanziaria.

Link

Anatocismo vietato in Italia dal 1° gennaio 2014 (21 maggio 2015)

Il tribunale di Milano con 2 ordinanze, la prima del 25 marzo 2015 e la seconda del 3 aprile 2015 (procedimento RG 3562/2015) ha riaffermato che l’anatocismo in Italia è vietato come recita la legge 147/2013, in vigore dal 1° gennaio 2014.
L’anatocismo nel linguaggio bancario è la produzione di interessi (capitalizzazione) da altri interessi resi produttivi sebbene scaduti o non pagati, su un determinato capitale.
Nella prassi bancaria tali interessi vengono definiti composti.
Esempi di anatocismo sono il calcolo dell'interesse attivo su un conto di deposito, o il calcolo dell'interesse passivo di un mutuo.
La sentenza assume particolare rilevanza perché alcune banche italiane affermavano che il divieto di anatocismo non fosse in vigore fino a quando il Comitato interministeriale credito e risparmio (Cicr) non avesse chiarito come calcolare correttamente gli interessi.

Il Parlamento europeo pronto a votare la nuova IV Direttiva antiriciclaggio (20 maggio 2015)

Il 21 maggio 2015, dopo due anni di serrate discussioni e continui emendamenti, il Parlamento europeo sarà chiamato a votare la IV Direttiva antiriciclaggio che adegua la legislazione comunitaria agli standard internazionali elaborati da FATF - Financial Action Task Force.
Le novità più significative della IV Direttiva sono:

  1. costituzione di registri centrali in ciascun Paese europeo contenenti informazioni accurate e aggiornate sulla titolarità effettiva di società, entità legali o trust; tali registri, di dominio pubblico, potranno essere consultati liberamente e senza alcuna restrizione da parte delle autorità competenti, oltre che dai giornalisti e da qualunque persona e organizzazione in grado di dimostrare un legittimo interesse;
  2. adeguata verifica della clientela da parte di banche, revisori dei conti, avvocati, notai, agenti immobiliari e casinò con l’eccezione dei rapporti professionali quando si rappresenta un cliente in un procedimento giudiziario;
  3. nuove regole per rendere più facile rintracciare i trasferimenti di fondi.

Link

FATCA in Italy: dati al fisco Usa il 30 settembre 2015 (19 maggio 2015)

Il 19 maggio 2015 l’Agenzia delle Entrate, l’autorità fiscale italiana, ha pubblicato le “regole tecniche” per permettere l’invio dei dati da parte delle banche italiane all’IRS USA, l’agenzia fiscale statunitense come previsto dall’accordo intergovernativo (Iga) tra Italia e Stati Uniti  relativo a FATCA.
Le regole tecniche sono in consultazione fino al 26 maggio 2015.
Le banche e gli operatori finanziari interessati dovranno inviare i dati sui loro clienti soggetti alla fiscalità USA all’Agenzia delle Entrate entro 30 giorni dall’emanazione del provvedimento definitivo sulle regole tecniche.
L’Agenzia delle Entrate invierà i dati ricevuti dalle banche all’Irs entro il 30 settembre 2015.
Il termine originario di invio dei dati italiani agli USA era in origine il 30 aprile 2015 termine che non e stato rispettato dall’Italia a causa dei ritardi accumulati in Senato sul disegno di legge n. 1719 non ancora approvato che ratifica FATCA.

Link

Il Parlamento italiano approva la legge anti-corruzione e le nuove norme contro il falso in bilancio (21 maggio 2015)

Il 21 maggio 2015 il Parlamento italiano ha approvato una nuova legge anti-corruzione con un'ampia maggioranza.
Il disegno di legge contiene anche una riforma delle regole contabili falsi che prende l'Italia più vicini a quelli dei paesi capitalistici avanzati.
Pene detentive per un massimo di otto anni per i reati commessi da parte delle imprese di mercato quotate rendono l'Italia spiccano come uno dei paesi con la risposta più dura contro questo tipo di reati societari.
In linea con le altre normative europee, il reato è visto come pericoloso che non è necessario provare il danno, come attualmente previsto invece in alcuni casi, soprattutto di società non quotate. Francia, Germania, Gran Bretagna, Spagna e Stati Uniti sono sulla stessa pagina.
Un aspetto importante della riforma italiana è la distinzione tra società quotate e non quotate. Questa differenza non può essere trovato all'estero, dove invece la stessa sanzione si applica indipendentemente dal fatto che la società è quotata in Borsa e dai tipi di società.

Link

Newsletter del Garante Privacy n. 402 del 22 maggio 2015 – chiarimenti sui vitalizi

Il 22 maggio 2015 il Garante per la protezione dei dati personali ha pubblicato la Newsletter n. 402. Tre gli argomenti trattati:

  1. Informazione, dati sui vitalizi: la privacy non è un ostacolo
  2. Sanità, screening neonatale esteso: il Garante chiede maggiori tutele
  3. Dati sulla salute, attenzione a quelli contenuti nelle mail

Per quanto riguarda i vitalizi il Garante scrive che la Pubblica Amministrazione a non può invocare la disciplina sulla privacy per respingere, a priori, le richieste di accesso ai documenti formulate dai giornalisti.
Il Codice privacy - sottolinea l’Autorità - non ha abrogato le norme sull’accesso ai documenti  amministrativi.
Il diritto di prendere visione e di estrarre copia  di documenti rimane dunque attribuito alle persone che abbiano un interesse diretto, concreto e attuale, corrispondente ad una situazione tutelata e collegata al documento al quale è chiesto l’accesso.
Spetta dunque all’amministrazione, verificare, caso per caso, i presupposti per l’accesso, mentre rimane affidata alla responsabilità del giornalista l’utilizzazione e la diffusione al pubblico delle informazioni raccolte in caso di accoglimento della sua istanza.
Per quanto riguarda poi la diffusione on line delle informazioni personali di consiglieri ed ex consiglieri che percepiscono vitalizi, il Garante, richiamando quanto già affermato nelle Linee guida sulla trasparenza on line della Pa, ha ribadito che la diffusione di dati personali da parte di soggetti pubblici è ammessa unicamente se prevista da una norma di legge o di regolamento. L’amministrazione, pertanto, prima di mettere on line sul proprio sito istituzionale informazioni, atti e documenti amministrativi in cui siano contenuti dati personali, dovrà verificare che la normativa preveda tale obbligo.
Altrimenti la pubblicazione di informazioni e documenti potrà avvenire solo dopo aver anonimizzato i dati personali eventualmente presenti.

Link

Weekly reviews

Other posts in English

ComplianceNet – detailed news for the week from May 18th to May 24th 2015 (in Italian)

ComplianceNet: