ComplianceNet weekly review (March 2nd, 2015)

150303-FATF.jpg

Week: from February 23rd to March 2nd 2015

A concise summary of major news and updates in the Italian regulatory compliance landscape.

Executive summary

The week has been characterized by the signatures of the tax agreements between Italy and the so called “European fiscal heavens”: Switzerland, Liechtenstein and Monaco.
Numerous reports and publications on compliance, legality and security of information have been also published:

  • the 2014 Report to Parliament by Italian Secret Services
  • the DNA’s (Direzione Nazionale Antimafia - National Anti-Mafia Directorate) Report on the infiltration of organized crime in Lombardy and Emilia Romagna
  • the 2015 Report on computer security by CLUSIT association
  • the best FIUs - Financial Intelligence Unit – “case studies” in the area of anti-corruption, anti-money laundering and terrorism financing fighting  by Egmont Group.

Voluntary Disclosure: tax agreements of Italy with Switzerland, Liechtenstein and Monaco.

On  February 23rd 2015, the Italian Government and the Swiss Federal Council signed a tax agreement that provides for the exchange of tax information between the two countries according to the OECD standard and which effectively puts an end to the so-called Swiss “banking secrecy”.
Along with the “Protocol on the tax information” the two countries have also signed a “road map” that sets the path for the continuation of negotiations on other issues including the taxation of cross-border workers.
On February 26th, 2015 Italy and Liechtenstein have also signed a similar agreement based on the OECD Tax information exchange agreements (TIEA) model.
Finally on March 2nd, 2015 Italy and Monaco signed a similar agreement.
Thanks to these agreements Switzerland, Liechtenstein and Monaco leave the Italian “black-list” of foreign countries not cooperating with the new Italian Voluntary Disclosure, the legislation on the regularization of capital held abroad.
In that matter Italian citizens which illegally hold capitals in these countries could access the regularization procedure in more favorable conditions e.g. paying for the entire back taxes but taking advantage of reduced penalties.

The 2014 Report to Parliament by Italian Secret Services

On February 27th, 2015 the Italian “Intelligence Service” presented to the Parliament its “Report” for the year 2014.
The report outlines the main threats to the Italian Republic, dividing them into three areas:

  1. the jihadist phenomenon,
  2. the economic framework
  3. information security.

The report also contains two annexes, the first on “Risks’ perspectives” and the second entitled  “National Security Document” about the critical infrastructure protection and information security.
In the section called “The threats to the economy” the report focuses on:

  • the risks of industrial espionage and anti-competitive practices on national and international markets;
  • the protection of our investments abroad and also our critical infrastructure;
  • tax evasion phenomenon and avoidance;
  • banking and financial system protection and stability;
  • infiltration of organized crime in different economic sectors through money laundering and the acquisition of entrepreneurial in difficulty.

The DNA’s Report on the organized crime infiltration in Lombardy and Emilia Romagna

On February 24th 2015, the DNA - National Anti-Mafia Directorate - presented its “2013 Report” (the latest available) to the Parlament’s Anti-Mafia Commission.
The Report launches an alarm for the spread of organized crime and particulary of the 'Ndrangheta in the northern regions of Italy.
Emilia-Romagna, «once proudly shown as a model of good administration and envied by the high average standard of living of its inhabitants, today can be defined as the "Land of the Mafia" because the higher risk is not only infiltration but the way this situation has changed the citizens and their minds which is more serious».
In Lombardy, however, the 'Ndrangheta, after years of settlement, has acquired a certain degree of independence from the original organization which maintains relations up today.

Attachment

  • Annual report of DNA - National Anti-Mafia Directorate - for the year 2014 (pdf, 13.4 M , 950 pp.)

CLUSIT’s Report 2015

On February 25th, 2015 CLUSIT, one of the most important Italian associations on computer security, presented to the press the “Report 2015” which will be publicly published on March 17th, 2015 at the Security Summit 2015.
The Report indicates that the world is in a full cyber-war but Italy is still unprepared for cyber attacks.
In 2014 attacks in support to military, paramilitary and terrorist activities globally increased by 68%, while hacktivism, that is the attacks for political activism, falls.
A quarter of the attacks in the world strikes governments stealing information of strategic relevance or even simply to “deface” or block institutional web sites.
There is an ongoing race for cyber weapons”, says CLUSIT.
Cloud services, banks, health (sector that has suffered an increase of 190% compared to 2013), recorded the highest growth rate in the number and severity of attacks.

Insights

The Best Egmont Case Award (BECA) Publication

On February 26th, 2015 the Egmont Group of Financial Intelligence Units, the international authority devoted to improve cooperation of national FIUs in the fight against money laundering and the financing of terrorism, published the “Best Egmont Case Award” (BECA).
The Egmont’s publication comprises of twenty two cases which have been included to provide examples of a financial investigation and the analytical processes demonstrated by the various FIUs in their work.
A key objective of the publication is to produce a valuable reference for our FIUs, enabling the financial crime prevention community the opportunity to share and learn from experience.
The reported cases show how investigations were initiated and progressed through to successful money laundering cases.
They demonstrate how FIUs developed their investigation from available information to produce an intelligence product and valuable evidence to support a prosecution

Attachment

  • Egmont Group, “Egmont Cases, Financial Analysis Cases 2011 – 2013” (pdf, 4.2 M, 146 pp.)

FATF-GAFI: jurisdictions which have strategic AML/CFT deficiencies

FATF- GAFI - the Financial Action Task Force / Le Groupe d’action financière - is an inter-governmental body which has the objective to set standards and promote effective implementation of legal, regulatory and operational measures for combating money laundering, terrorist financing and other related threats to the integrity of the international financial system.
On February 27th, 2015 FATF-GAFI updated the list of jurisdictions which have strategic AML/CFT deficiencies for which they have developed an action plan with the FATF.
While the situations differ among each jurisdiction, each jurisdiction has provided a written high-level political commitment to address the identified deficiencies.
The FATF welcomes these commitments but it will closely monitor the implementation of these action plans and encourages its members to consider the information presented below.

Jurisdiction making progress

Afghanistan, Angola, Guyana, Indonesia, Iraq, Lao PDR, Panama, Papua New Guinea, Sudan, Syria, Yemen

Jurisdiction not making sufficient progress

Uganda

Jurisdictions no longersubject to the FATF's On-Going AML/CFT Compliance Process

Albania, Cambodia, Kuwait, Namibia, Nicaragua, Pakistan, Zimbabwe

Link

(Italian translation)

Sintesi

La settimana è caratterizzata dalle firme degli accordi fiscali tra Italia e Svizzera, Italia e Liechtenstein e Italia e Principato di Monaco.
Numerosi i rapporti e le pubblicazioni in materia di compliance, legalità e sicurezza delle informazioni:

  • il rapporto 2014 dei servizi segreti al Parlamento
  • il rapporto della DNA (Direzione Nazionale Antimafia) sulle infiltrazioni della criminalità organizzata in Lombardia e Emilia Romagna
  • il rapporto sulla sicurezza informatica dell’associazione CLUSIT
  • i miglior “casi di studio” delle FIU (Finacial Intelligence Unit) in materia di anticorruzione, antiriciclaggio, contrasto del finanziamento del terrorismo a cura dell’Egmont Group

Voluntary Disclosure: accordi dell’Italia con Svizzera, Liechtenstein e Principato di Monaco

Il 23 febbraio 2015 il Governo italiano e il Consiglio federale svizzero hanno siglato un accordo in materia fiscale che prevede lo scambio di informazioni fiscali tra i due paesi secondo lo standard Ocse e che di fatto pone fine al cosiddetto “segreto bancario” svizzero.
Insieme al “Protocollo sui dati fiscali” i due paesi hanno sottoscritto anche una “road map” che fissa il percorso per la prosecuzione dei negoziati su altre questioni tra cui la tassazione dei lavoratori frontalieri.
Il 26 febbraio 2015 Italia e il Liechtenstein hanno firmato un analogo accordo anch’esso basato sul modello Ocse di Tax information exchange agreement (Tiea) in materia di scambio di informazioni ai fini tributari.
Il 2 marzo 2015 anche Italia e Principato di Monaco hanno siglato un accordo simile.
Grazie a tali accordi Svizzera, Liechtenstein e Principato di Monaco escono dalla paese «black list» prevista dalla norma italiana in materia di Voluntary disclosure, consentendo così ai cittadini italiani che detengono in maniera illegale patrimoni/attività in tali paesi di accedere alla procedura di regolarizzazione alle condizioni più favorevoli previste dalla legge cioè pagando per intero le imposte arretrate ma usufruendo di sanzioni ridotte).
Relazione dei Servizi di Sicurezza al Parlamento italiano

Il 27 febbraio 2015 i “Servizi di intelligence” italiani hanno presentato al Parlamento la propria “Relazione” relativa all’anno 2014.
La relazione illustra le principali minacce per la Repubblica italiana suddividendole in tre aree:

  1. il fenomeno jihadista,
  2. il quadro economico
  3. la sicurezza informatica.

La Relazione contiene anche due allegati, il primo sulle “prospettive del rischio” la seconda denominata “Documento di Sicurezza Nazionale” sulla tutela delle infrastrutture critiche e protezione della sicurezza informatica.
Nella sezione denominata “Le minacce all’economia” il rapporto analizza in particolare:

  • i rischi dello spionaggio industriale e delle pratiche lesive della concorrenza sui mercati nazionali ed internazionali;
  • la tutela dei nostri investimenti all’estero e delle linee di approvvigionamento energetico;
  • i fenomeni di evasione ed elusione fiscale;
  • la protezione della stabilità del sistema bancario e finanziario;
  • le infiltrazioni del crimine organizzato in diversi settori dell’economia mediante il riciclaggio di capitali di provenienza illecita e l’acquisizione di realtà imprenditoriali in difficoltà.

Relazione annuale 2013 della DNA - Direzione Nazionale Antimafia

Il 24 febbraio 2015 la DNA - Direzione Nazionale Antimafia – ha presentato alla Commissione parlamentare antimafia la relazione 2013, l’ultima disponibile.
Allarme per la diffusione della criminalità organizzata e in particolare della ‘ndrangheta nelle regioni del nord Italia.
In Emilia-Romagna, «una volta orgogliosamente indicata come modello di sana amministrazione ed invidiata per l’elevato livello medio di vita dei suoi abitanti, oggi può definirsi “Terra di mafia” nel senso pieno della espressione, essendosi verificata (…) una “infiltrazione mafiosa che ha riguardato, più che il territorio in quanto tale con una occupazione “militare”, i cittadini e le loro menti; con un condizionamento, quindi, ancor più grave”».
In Lombardia, invece, la ‘ndrangheta, dopo anni di insediamento, ha acquisito un certo grado di indipendenza rispetto all’organizzazione di origine, con la quale ha continuato comunque ad intrattenere rapporti.

Allegato

  • Relazione annuale della DNA - Direzione Nazionale Antimafia – per l’anno 2014 (pdf, 13.4 M , 950 pp.)

Rapporto Clusit

Il 25 febbraio 2015 CLUSIT, uno delle più importanti associazioni italiane sulla sicurezza informatica, ha presentato alla stampa il “Rapporto 2015” che sarà reso pubblico il 17 marzo 2015 al Security Summit 2015.
Il rapporto segnala che il mondo è in piena guerra cibernetica e che l’Italia è ancora impreparata ad affrontare gli attacchi informatici.
Nel 2014 gli attacchi in supporto ad attività militari, paramilitari e terroristiche sono aumentati a livello globale del 68%, mentre cala l’hacktivism, cioè gli attacchi per attivismo politico.
Un quarto degli attacchi nel mondo colpisce i Governi per rubare informazioni di rilevanza strategica o anche semplicemente per “defacciare” o bloccare siti istituzionali.
“È in atto una corsa ai cyber armamenti”, dice CLUSIT.
I servizi cloud, le banche, la sanità (settore che ha subito un incremento del 190% rispetto al 2013), fanno registrare il maggiore tasso di crescita nel numero e nella gravità degli attacchi.

Per approfondire

I miglior “casi di studio” del gruppo Egmont

Il 26 Febbraio 2015 il Gruppo Egmont l’autorità internazionale impegnata a migliorare la cooperazione delle FIU - Financial Intelligence Unit – nazionali nella lotta contro il riciclaggio di denaro e il finanziamento del terrorismo ha pubblicato il “Best Egmont Case Award” (BECA).
La pubblicazione comprende ventidue “casi di studio” che forniscono best practice nell’ambito delle indagini finanziarie e dei processi di analisi adottate da varie FIU nel loro lavoro.
Un obiettivo chiave della pubblicazione è di produrre un valido riferimento per tutte le FIU consentendo grazie alla condivisione delle esperienze una migliore attività di prevenzione dei reati economici.
I casi riportati mostrano come sono state avviate e condotte numerose indagini relative a riciclaggio di denaro e dimostrano come le FIU possono sviluppato le investigazioni a partire dalle informazioni disponibili per ottenere risultati di valore ed evidenze utili nei procedimenti penali.

Allegato

  • Egmont Group, “Egmont Cases, Financial Analysis Cases 2011 – 2013” (pdf, 4.2 M, 146 pp.)

FATF-GAFI: aggiornamento delle liste dei Paesi con gravi carenze in materia di antiriciclaggio e contrasto del finanziamento del terrorismo

FATF- GAFI - the Financial Action Task Force / Le Groupe d’action financière- è un organismo intergovernativo che ha l’obiettivo di fissare standard comuni e promuovere misure ed azioni legali, normativi e operative per una efficace lotta al riciclaggio di denaro, al finanziamento del terrorismo e ad altre minacce correlate alla integrità del sistema finanziario internazionale.
Il 27 febbraio 2015 FAT-GAFI ha aggiornare l’elenco dei Paesi che hanno carenze strategiche in materia di antiriciclaggio e contrasto del finanziamento del terrorismo e per i quali è stato concordato un piano d’azione e miglioramento insieme a FATF-GAFI.
Le varie situazioni nazionali differiscono tra loro in modo significativo la ogni Paese si è impeganto in forma scritta per affrontare le carenze individuate.
Il GAFI tiene conto di tali impegni e segue da vicino l’attuazione dei piani d’azione.

Paesi che stanno facendo progressi

Afghanistan, Angola, Guyana, Indonesia, Iraq, Laos, Panama, Papua Nuova Guinea, Sudan, Siria, Yemen

Paesi che non stanno facendo progressi

Uganda

Paesi non più soggetti alle verifiche di Compliance del FATF-GAFI in materia di antiriciclaggio e contrasto del finanziamento del terrorismo

Albania, Cambogia, Kuwaità, Namibia, Nicaragua, Pakistan, Zimbabwe

Link

Other posts in English

ComplianceNet – detailed news for the week from February 23rd to March 1st 2015 (in Italian)

ComplianceNet: