ComplianceNet weekly review (March 9th, 2015)

corte-dei-conti.jpg

Week: from March 2nd to March 8th 2015

A concise summary of major news and updates in the Italian regulatory compliance landscape.

Executive summary

  • In Italy there have been many discussions and opinions on the recent “Voluntary Disclosure” law that allows the return of illegally held abroad capital; one of the most relevant intervention was addressed by the Director of the UIF, the Italian FIU, on AML requirements for legal professionals which assist those who want to repatriate capital.
  • Italy and the Vatican are signing an agreement on tax transparency but it does not cover the Voluntary Disclosure.
  • New “Rules of Conduct” for the Italian “statutory auditors”  (“collegio sindacale” in Italian) in public consultation until April 21st, 2015.
  • Poste Italiane” in the eye of storm few months before its Initial Public Offering – IPO – at the Milan Stock Exchange; 60 Italian parliamentarians call for a Inquiry Commission on Poste while the Court of Auditors  (Corte dei Conti) launches an alarm for Poste anti-money laundering deficiencies.
  • The Bank of Italy intervenes on the risk of “shadow banking”.

The UIF Director on Voluntary Disclosure and anti-money laundering obligations

Claudio Clemente, director of UIF (the Italian FIU - Financial Intelligence Unit), speaking at a public meeting, said that anti-money laundering obligations remain valid even for legal professionals engaged for Voluntary Disclosure’s assistance.
In the initial phase of evaluation of the opportunity to join the VD the professional has not AML obligations but as soon he receives a formal engagement all AML obligations come into force including customers due diligence (CDD) and reporting of suspicious transactions (STRs).
Clemente also recalled that STRs do not necessarily require the knowledge of a particular offense.
But why send STRs to the FIU?
For two reasons, the FIU Director FIU said:

  1. STRs is a legal requirement that not only is not excluded but it is also non-derogable by the new VD;
  2. the reporting of suspicious transactions responds to the purpose of preventing the use of the financial system for money laundering.

Annexes

  • TeleVoluntary” conference of February 26, 2015 - Milan, Rome, Modena, Sondrio, Geneva, Lugano and Zurich.
  • Claudio Clemente, UIF Director “Suspicious transactions in the procedure of voluntary disclosure: the terms and conditions for active cooperation” (pptx, 1.3 M, 16 slides, in Italian)

Negotiations between Italy and the Vatican for a new fiscal agreement

A spokesman of IOR, the Vatican bank, has made it clear that future agreements “will not cover private Italian customers, but only in a general sense, the Church and the Vatican.”.
So the agreements will be useful especially for religious congregations, owners of about half of the 6 billion of the bank’s assets in order to avoid double taxation between Vatican and Rome.
Instead those who have used the IOR as an offshore center to avoid paying taxes in Italy will not benefit from the new agreement.
According to the 2013 balance sheet of the Vatican bank, the latest available, there are “359 counts which do not meet the criteria established in July 2013, for a total balance of 183 million euros in late 2013, and which are marked as closing.”

Draft for public consultation of new “Rules of conduct” for the Italian statutory board in consultation

The web site of CNDCEC (Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili - the National Council of Chartered Accountants and Auditors) have published the new conduct rules for “statutory auditors” (“collegio sindacale” in Italian) of unlisted companies.
This document will remain in public consultation until April 21, 2015.
The new standards will be applicable both to single control entity and for auditors board with many components.
The new “Rules of conduct” are recommendations for the auditors board in order to  properly perform their job.
Standards of professional ethics are addressed to members in the Register of Chartered Accountants and Accounting Experts, issued in accordance with the provisions in the current Code of ethics of the profession.
These rules are organized in 3 layers:

  1. principles with its normative references;
  2. application criteria, aimed to provide operational tools;
  3. comments that provide clarification regarding the interpretation issues that arise frequently in practice.

Italian parliamentarians call for an Inquiry Commission on “Poste Italiane”

Sixty members of the Italian Parliament - many of the Democratic Party (PD), but also socialists, liberals and former 5stars – proposed a law to create an Inquiry Commission on Poste Italiane.
“If the Commission will not be set up - said one of the signatories, the PD deputy Franco Ribaudo – it will mean that Parliament does not want to light on a controversial management of a private company whose capital is hundred percent public.”
The proposal for the Inquiry Commission is also supported by the deputy Ivan Catalano, former grillino (now Mixed Group), which denounces “Poste internal inspections have already reveled irregularities which have not been resolded yet”.
Catalano underlined that in Poste it is necessary to defend legality: “we want a healthy company, leader in the banking sector. But no answers have arrived from government”.
According to Catalan, the Commission has the Poste’s support as goal also because the IPO is coming.
In the opinion of both parliamentarians, the government has not implemented yet such support yet.

The Court of Auditors launches an alarm for Poste anti-money laundering deficiencies

The Court of Auditors in its report on the 2013 Poste Italiane’s balance sheet  identified  an unjustified increase in costs particularly for executive salaries and benefits.
On money laundering obligations the Court of Auditors writes that the accounts of the company have confirmed the profitability of financial services but with major deficiencies: “The increased complexity of the AML legislation and the rules against the terrorism’s financing require relevant changes to Poste’s procedures while incompleteness and delays remain; this requires hard acceleration to permit regulatory full compliance”.
The Court recommends “the maximum commitment for the adoption of suitable and definitive interventions from the board of directors to address these issues which are very significant”.

Link

The Bank of Italy intervenes on the risk of "shadow banking"

On March 5th, 2015 Carmelo Barbagallo, Head of the Department of Banking and Finance of the Bank of Italy, spoke on “The shadow banking and Italian regulation” during World Finance Forum 2015 organized by NIFA - New International Finance Association in Milan at the Catholic University of the Sacred Heart.
The “shadow banking” system is a term for the collection of non-bank financial intermediaries that provide services similar to traditional commercial banks.
During his speech, Barbagallo focused on the following topics:

  • the shadow banking system and the initiatives of the FSB;
  • the Italian regulatory approach to the shadow banking system, particularly with regard to provisions for financial intermediaries and the principle of equivalent supervision, and development funds for long-term investments and credit to businesses;
  • the money market funds and regulatory proposals in Europe; systemic non-bank entities and non-insurance (G-SIFIs NBNI).

Links

(Italian translation)

Sintesi

In Italia continua il dibattito, acceso, sulle nuove norme relative alla “Voluntary Disclosure” che permettono il rientro dei capitali illegalmente detenuti all’estero; intervento del direttore dell’UIF sui obblighi antiriciclaggio per i professionisti che assistono chi vuole far rientrare i capitali.
Italia e Vaticano vicini a un accordo in materia di trasparenza fiscale ma l’accordo non riguarda la Voluntary Disclosure.
Le Poste Italiane nell’occhio del ciclone; a pochi mesi dalla probabile quotazione in Borsa 60 parlamentari italiani chiedono una Commissione d’inchiesta su Poste mentre la Corte dei Conti lancia un allarme per l’antiriciclaggio.
Nuove “Norme di comportamento” per i collegi sindacali, in pubblica consultazione fino al 21 aprile 2015.
La Banca d’Italia interviene sul rischio di “Shadow banking”.

Il Direttore dell’UIF su Voluntary Disclosure e adempimenti antiriciclaggio

Claudio Clemente, direttore dell’Unità di informazione finanziaria (la FIU italiana), intervenendo a un convegno pubblico, ha affermato che rimangono validi gli adempimenti antiriciclaggio anche nel caso di incarichi ai professionisti relativi alla Voluntary Disclosure.
Nella fase iniziale di semplice valutazione dell’opportunità di aderire alla VD il professionista non ha obblighi antiriciclaggio.
Ma non appena il professionista riceve un formale conferimento dell’incarico entrano in vigore tutti gli adempimenti antiriciclaggio compresa l’adeguata verifica e la segnalazione di operazioni sospette.
Clemente ha poi ricordato, nel corso del suo intervento che le segnalazioni di operazioni sospette non richiedono necessariamente la conoscenza di un determinato reato.
Ma perché inviare la segnalazione alla Uif nei casi dovuti?
A questa domanda il direttore dell’Uif risponde che sono due le ragioni:

  • la prima è che la segnalazione costituisce un adempimento di un obbligo di legge sottolineando che non solo è non derogato ma è anche non derogabile dalla normativa sulla collaborazione volontaria;
  • inoltre in seconda battuta la segnalazione di operazioni sospette risponde a finalità di prevenzione dell’utilizzo del sistema finanziario a scopo di riciclaggio.

Allegati

  • Il convegno “TeleVoluntary” del 26 febbraio 2015 - Milano, Roma, Modena, Sondrio, Ginevra, Lugano e Zurigo.
  • Claudio Clemente, Direttore UIF (Unità Informazione Finanziaria per l’Italia), “Le operazioni sospette nella procedura di voluntary disclosure: modalità e condizioni per una collaborazione attiva” (pptx, 1.3 M, 16 slide)

Italia e Vaticano proseguono nella trattativa per il nuovo concordato fiscale

Un portavoce dello Ior, la banca vaticana,  ha chiarito che le prossime intese «non riguarderanno i clienti privati italiani, ma soltanto la Chiesa in senso generale e il Vaticano ».
Gli accordi saranno utili specie per le congregazioni religiose, titolari di circa metà dei 6 miliardi di attivi della banca, e che hanno il problema di evitare la doppia imposizione tra le sedi decentrate e quelle a Roma.
Chi invece ha usato lo Ior come un centro off shore per evitare di pagare le tasse in Italia non trarrà beneficio dai nuovi accordi.
Secondo il bilancio 2013 della banca vaticana, l’ultimo disponibile, restavano «359 rapporti che non rispondono ai criteri stabiliti nel luglio 2013, per un saldo complessivo di 183 milioni di euro a fine 2013, segnalati come rapporti in eventuale chiusura e sottoposti a relativa procedura».

“Norme di comportamento del collegio sindacale” bozza in consultazione

Nel sito del Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti (ed Esperti Contabili sono state pubblicate le nuove di comportamento del collegio sindacale di società non quotate.
Tale documento rimarrà in pubblica consultazione fino al 21 aprile 2015.
Le Norme di comportamento sono applicabili all’organo di controllo sia nella composizione collegiale che nella composizione monocratica (sindaco unico), in quanto compatibili.
Le Norme di comportamento del collegio sindacale raccomandano modelli comportamentali da adottare per svolgere adeguatamente l’incarico di sindaco.
Sono norme di deontologia professionale rivolte agli iscritti nell’Albo dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili, emanate in conformità a quanto disposto nel vigente Codice deontologico della professione.
Tali norme sono caratterizzate da:

  • principi con i relativi riferimenti normativi essenziali;
  • criteri applicativi, volti a fornire ai sindaci gli strumenti operativi per lo svolgimento delle proprie funzioni;
  • commenti che forniscono chiarimenti riguardo le problematiche interpretative che emergono spesso nella prassi.

Chiesta Commissione d’inchiesta parlamentare su Poste Italiane

Sessanta deputati del Parlamento Italiano- la gran parte del Pd, ma anche socialisti, liberali ed ex 5Stelle - hanno presentato una proposta di legge per l’istituzione di una Commissione d’inchiesta su Poste Italiane.
«Non istituire la Commissione - ha spiegato uno dei firmatari, il deputato pd Franco Ribaudo - significa non volere fare luce su una gestione discutibile di una società privata, ma che ha un capitale al cento per cento pubblico».
La proposta di legge per la Commissione d’inchiesta è sostenuta anche dal deputato Ivan Catalano, ex grillino (ora Gruppo Misto), che denuncia: «Le ispezioni interne sulle irregolarità non vengono prese in considerazione».
Quindi sottolinea come in Poste serva «un presidio di legalità: vogliamo un’azienda sana, leader nel settore bancario. Ma dal governo arrivano risposte evasive».
Secondo Catalano, la Commissione ha come fine «la tutela di Poste» anche in vista della vendita di una parte delle sue quote.
Una tutela che, a parere di entrambi i parlamentari, il governo non ha attuato.

Corte dei Conti: le Poste sono in ritardo sull’adeguamento alla normativa antiriciclaggio

La Corte dei Conti nella sua relazione sul bilancio 2013 di Poste Italiane segnala un ingiustificato aumento dei costi in particolare per le retribuzioni dei dirigenti.
Per quanto riguarda invece l’antiriciclaggio, la Corte dei Conti rileva come i conti della società abbiano confermato la redditività dei servizi finanziari, ma con delle lacune non secondarie: “L’accresciuta complessità della normativa di riferimento” su antiriciclaggio e contrasto al finanziamento del terrorismo richiede “una intensa attività di adeguamento degli assetti procedurali, con il perdurare di situazioni di incompletezza e ritardi, che necessitano di forti accelerazioni ai fini di un completo allineamento”, scrivono i magistrati.
La Corte raccomanda quindi “il massimo impegno della società, per l’adozione di idonei, definitivi interventi atti a fronteggiare tali problematiche, di rilevante impatto sotto diversi profili“.

Link

La Banca d’Italia interviene sul rischio di “Shadow banking”

Il 5 marzo 2015 Carmelo Barbagallo, Capo del Dipartimento di Vigilanza Bancaria e Finanziaria della Banca d’Italia, è intervenuto sul tema “Lo shadow banking e la regolamentazione italiana” nel corso del World Finance Forum 2015 organizzato dalla NIFA - New International Finance Association a Milano presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore.
Nel corso del proprio intervento, Barbagallo si è soffermato sui seguenti temi: lo shadow banking system e le iniziative dell’FSB; l’approccio regolamentare italiano allo shadow banking system, con particolare riguardo alle disposizioni per gli intermediari finanziari ed il principio della vigilanza equivalente, ed allo sviluppo di fondi per gli investimenti a lungo termine e per il credito alle imprese; i fondi di mercato monetario e le proposte di regolamentazione in Europa; le entità sistemiche non bancarie e non assicurative (NBNI G-SIFIs).

Link

ComplianceNet weekly review

Other posts in English

ComplianceNet – detailed news for the week from March 2nd to March 8th 2015 (in Italian)

ComplianceNet: