ComplianceNet weekly review (February 9th , 2015)

150209-vincenzo-visco.jpg

  • Week: from February 2nd to February 8th 2015

A concise summary of major news and updates in the Italian regulatory compliance landscape

Executive summary

The most relevant news of the week is the speech of the governor of Bank of Italy, Ignazio Visco, at the 21st ASSIOM FOREX Congress in Milan on 7th February 2015. Visco said that in Italy “corruption and the infiltration of the economy and society by organized crime remain unacceptably widespread. Guaranteeing observance of the law, partly through more effective administration of justice, enables the productive economy to function properly, encourages entrepreneurship, and attracts human and financial resources to the Country”.
Lawyer Maurizio Arena published an interesting paper on consequences of enter in force of new crime of “self-laundering” in Italian jurisdiction due to the “Voluntary Disclosure” law approved by Italian Parliament at the end of 2014.
After the warning of Bank of Italy and UIF, the Italian FIU, the public discussion on virtual currencies continues with the interventions of Bitcoin Foundation Italia and Stefano Capaccioli of Coinlex.

La notizia più rilevanti della settimana è il discorso che il governatore della Banca d’Italia, Ignazio Visco, ha tenuto al congresso FOREX 21 ASSIOM a Milano il 7 febbraio 2015.
Visco ha detto che in Italia “la corruzione e l’infiltrazione della criminalità organizzata nell’economia e nella  società civile sono diffuse in grado non accettabile. Garantire la legalità, anche attraverso una maggiore efficacia dell’amministrazione della giustizia, consente il buon funzionamento del sistema produttivo, incoraggia l’attività di impresa, attrae nel Paese risorse umane e finanziarie”.
L’avv. Maurizio Arena ha pubblicato un interessante documento sulle conseguenze dell’entrata in vigore del nuovo reato di “auto-riciclaggio” nella giurisprudenza italiana grazia alla nuova legge sulla “Disclosure Voluntary” legge approvata dal Parlamento italiano alla fine del 2014.
Dopo l’allarme lanciato da Banca d’Italia e UIF, l’Unità di informazione finanziaria italiana, il dibattito pubblico sulle valute virtuali prosegue con gli interventi di Bitcoin Foundation Italia e dell’avvocato Stefano Capaccioli di Coinlex.

Speech by Governor Visco at the 21st ASSIOM FOREX Congress

On  February 7th, 2015 Ignazio Visco, Governor of the Bank of Italy, addressed the 21st Congress of ASSIOM FOREX (the Financial Markets Association of Italy) in Milan.
Visco more relevant statements in compliance field were:

  • By international standards Italy’s stock of human capital is limited and inadequate for an advanced country. By developing the right skills and capabilities through better education and training, the country could find its way back to a higher growth path.
  • Corruption and the infiltration of the economy and society by organized crime remain unacceptably widespread. Guaranteeing observance of the law, partly through more effective administration of justice, enables the productive economy to function properly, encourages entrepreneurship, and attracts human and financial resources to the Country.
  • More generally, in the new context of Banking Union, a clear and stable supervisory review process in the spirit of Basel rules will make it easier for banks to draw up long-term plans, improve market transparency, and limit the potential procyclical effects.
  • In the coming months single supervision will also focus on the sustainability of banks’ business models. Lighter cost structures and business models that can adapt promptly to new technology will help banks cope with change more effectively. Italy’s banks have made progress in recent years, but there is still room for improvement.
  • Appropriate corporate governance structures capable of increasing firms’ resilience and competitiveness remain essential.
  • The Government recently announced a reform of Italy’s cooperative banks that responds to needs identified long ago – by us, by the International Monetary Fund and by the European Commission – and now made more pressing by the transition to single banking supervision.

Il 7 febbraio 2015 Ignazio Visco, Governatore delle Banca d’Italia, ha tenuto un intervento al 21° Congresso di ASSIOM FOREX (l’associazione degli operatori di borsa italiani) a Milano.
Nell’ambito dei temi di compliance le affermazioni più rilevanti di Visco sono state:

  • La dotazione di capitale umano in Italia è bassa nel confronto internazionale, insufficiente rispetto allo status di paese avanzato. Lo sviluppo di adeguate competenze e abilità, attraverso una migliore qualità dell’offerta formativa, può riportare il Paese su un più alto sentiero di sviluppo.
  • L’infiltrazione della corruzione e della criminalità organizzata nel tessuto economico e sociale rimane su livelli intollerabili. Garantire la legalità, anche attraverso una maggiore efficacia dell’amministrazione della giustizia, consente il buon funzionamento del sistema produttivo, incoraggia l’attività di impresa, attrae nel Paese risorse umane e finanziarie.
  • Più in generale, nel nuovo contesto dell’Unione bancaria la chiarezza e la stabilità del processo prudenziale sui requisiti di capitale, nello spirito delle regole di Basilea, faciliterà la pianificazione a lungo termine delle banche, incrementerà la trasparenza sul mercato, limiterà potenziali effetti pro-ciclici
  • Nei prossimi mesi la vigilanza unica sarà rivolta anche alla sostenibilità dei modelli operativi delle banche. Strutture di costo più snelle e modelli in grado di adeguarsi con prontezza allo sviluppo tecnologico consentono di affrontare meglio il cambiamento. Su questo fronte le banche italiane hanno compiuto progressi negli ultimi anni, ma ancora devono migliorare.
  • Assetti adeguati di governo societario, in grado di accrescere solidità patrimoniale e capacità competitiva, rimangono essenziali. Nei giorni scorsi è stata varata dal Governo una riforma delle banche popolari che risponde a esigenze da tempo segnalate – da noi, dal Fondo monetario internazionale e dalla Commissione europea – e rese ora più pressanti dal passaggio al sistema di vigilanza unica.

Annexes

  • Speech by Governor Ignazio Visco at the 21st ASSIOM FOREX Congress (pdf)
  • Speech by Governor Ignazio Visco at the 21st ASSIOM FOREX Congress - ePUB version (epub)
  • Speech by Governor Visco at the 21st ASSIOM FOREX Congress (only in Italian) (Video
  •  21st ASSIOM FOREX Congress - Photogallery

Insights

Consequences of enter in force of new crime of “self-laundering”

Laywer Maurizio Arena expert and noted scholar of corporate crimes, author of several essays on Italian anti-bribery laws, published a paper on consequences of enter in force of new crime of “self-laundering” in Italian jurisdiction due to the “Voluntary Disclosure” law approved by Italian Parliament at the end of 2014. Now in Italy is possible to punish companies according to the Legislative Decree no. 231 of 2001 (the Italian anti bribery law)  also for predicate offence as self-laundering which are not explicitly contemplated. It comports companies have rapidly update their organizational, management and control models designed to prevent crimes covered by the Decree.
According to Mr. Arena the aim and preventive purposes of the legislative decree 231-01 could be affected by these legislative news and facts.

L’avvocato Maurizio Arena noto studioso di reati societari ed autore di numerosi saggi sulla legge  leggi anti-corruzione italiana, ha pubblicato uno studio sulle conseguenze dell’entrata in vigore del nuovo reato di “auto riciclaggio” nella giurisprudenza italiana grazia alla nuova legge sulla “Disclosure Voluntary” legge approvata dal Parlamento italiano alla fine del 2014. Ora, in Italia è possibile punire le imprese ai sensi del Decreto legislativo n. 231 del 2001 (la legge anti- corruzione italiano) anche per reati non presupposto della norma.
Secondo Arena ciò comporta conseguenze importanti in tema di redazione dei Modelli organizzativi e anche la finalità preventiva del d.lg. 231-01 potrebbe essere messa in pericolo da queste fattispecie.

Annexes

Virtual currencies

Last week Bank of Italy and UIF, the Italian AML financial intelligence unit, launched a warning about virtual currencies.
«The Bank of Italy discourages banks and financial institutions from buying, holding or selling virtual currencies » the bullettin of Bankit recited.
In early February the lawyer Stefano Capaccioli of Coinlex  e the Bitcoin Foundation Italia interviewed on this matter subject.
Stefano Capaccioli writes that the Bank of Italy, while putting in looks from possible risks, reminds also that in Italy the purchase, use and acceptance of virtual currencies are lawful activities because everyone is free to bind to match sums also not expressed in legal tender.
The lawyer Capaccioli also points out that other European countries, such as UK, Germany and France are trying to build a legal framework for virtual currencies in the absence of Community rules to attract investors digital.
The Bitcoin Foundation Italy writes that who use virtual currencies must respect the rules present for normal legal currencies and in particular the financial intermediaries and banks must inform their customers of the risks of the use of these digital coins.
As is obvious they have to respect also  in this field obligations against money laundering and terrorist financing.
According Bitcoin Foundation Italy the position taken by the Bank of Italy is in practice a sort of invitation to the operators of crittovalute to self-regulate their-selves.

La scorsa settimana la Banca d’Italia e l’UIF, l’unità di informazione finanziaria italiana antiriciclaggio, hanno lanciato un allarme su valute virtuali.
«La Banca d'Italia scoraggia le banche e le istituzioni finanziarie di acquistare, la detenzione o la vendita di valute virtuali» il bollettino di Bankit recitato.
Ad inizio febbraio sull’argomento sono intervenuti prima Stefano Capaccioli of Coinlex e successivamente Bitcoin Foundation Italia.
Stefano Capaccioli scrive che la stessa Banca d’Italia, pur mettendo in guarda da possibili rischi, ricorda che in Italia l’acquisto, l’utilizzo e l’accettazione in pagamento delle valute virtuali sono attività lecite perché le parti sono libere di obbligarsi a corrispondere somme anche non espresse in valute aventi corso legale.
L’avvocato Capaccioli sottolinea anche che in altri paesi europei, come Regno Unito, Germania e Francia si sta tentando di costruire un framework legale per le valute virtuali pur in assenza di regole comunitarie per attrarre gli investitori digitali.
La Bitcoin Foundation Italia scrive che chi usa le moneti virtuali deve rispettare le norme presenti per le normali valute legali e in particolare gli intermediari finanziari e le banche devono informare i propri clienti dei rischi dell’uso di tali monete digitali.
Essi inoltre come è ovvio devo rispettare anche in questo campo gli adempimenti antiriciclaggio e contro il finanziamento del terrorismo.
Secondo Bitcoin Foundation Italia la presa di posizione di Bankitalia è in pratica una sorta di invito agli operatori di crittovalute ad auto-regolamentarsi.

Insights

See also

ComplianceNet: