ComplianceNet weekly review (February 23rd, 2015)

140206-CE_logo-3

Week: from February 16th to February 22nd 2015

A concise summary of major news and updates in the Italian regulatory compliance landscape.

Executive summary

European Commission initiatives against tax evasion and aggressive tax planning: in March the first measures.
Clarification of the Italian government on Voluntary Discosure and money laundering: legal professionals must report suspicious transactions only after being engaged for a formal assignment.
Alarm corruption on Rome: according to the Court of Auditors there is is a dangerous deterioration of the Italian public administration.
Published a summary of the first paper by the Italian Observatory on money laundering with a focus on the Public Administration.
The group of LinkedIn ComplianceNet reaches 1,000 members.

EU: new measures on tax transparency and tax rulings

On 18 February 2015, the EU Commission announced it will present in March, new measures on fiscal transparency
“A prosperous Europe needs fair, transparent and predictable tax systems for businesses to invest and for consumers to regain confidence. As part of our work for a deeper and fairer internal market, we want to establish greater tax transparency and ensure fairer tax competition, within the EU and globally” said Vice-President Valdis Dombrovskis, responsible for the Euro and Social Dialogue.
It was agreed that a key objective is to ensure that companies are taxed where their economic activities generating the profits are performed and cannot avoid paying their fair share through aggressive tax planning.
Further under current EU rules, Member States share very little information about rulings concerning their corporate tax regimes, which are often very complex. This makes it difficult for tax authorities to assess where a company's real economic activity takes place, and to apply tax rules fairly on that basis. As a consequence, many multinationals attempt to shift profits and minimise their tax bills, depriving EU governments of valuable tax revenues and undermining fair taxation.
The Commission so asked all Member States to provide information about their tax ruling practices to help it identify if and where competition in the Single Market is being distorted through selective tax advantages.
At the same time, the Commission is pursuing 4 in-depth state aid investigations (see also here) into tax rulings issued by Ireland, Luxembourg and the Netherlands. Earlier this month, it launched an investigation into a Belgian tax scheme, which allows multinational companies to substantially reduce their corporation tax liability in Belgium.
More details on this news

Voluntary disclosure & money laundering

In Italy there is a heated debate that continues on anti-money laundering obligations for legal professionals (mainly: lawyers) in order to respect particulary on Suspicious Transaction Reporting (STR).
On  January 23rd 2015, the Ministry of Economy (MEF) published its opinion in the form of FAQs on the topic but leaving  many open questions.
On February 19th, 2015 the Deputy Minister of Economy Luigi Casero cleared that the obligation for STRs by the legal professionals starts only if they have received an explicit mandate by the taxpayer in order to be assisted to adhere to the Voluntary Disclosure (VD) and not just in the case of preliminary phase in which lawyer and client discuss together whether to join the VD.

Corruption Alarm in Rome and Lazio

On February 18 th, 2015, the attorney Raffaele De Dominicis inaugurating the judicial year of the Court of Auditors, launched another warning on the spread of corruption in Rome and Lazio citing the judicial investigation “Mafia capital” which has recently revealed the high grade of organized crime infiltration in the public administration of Rome city.
The prosecutor said he was “astonished” bt the spread of corruption in Rome and Lazio which is “wide extended and systemic” and reaches “the mind-boggling sum of around 1.3 billion euros.”
Mafia Capital, added De Dominicis, “is the sign of a dangerous civil degradation and of criminal organizations intrusiveness inside the administrative structures of the Italian Republic.”

Privacy: Italian Data Protection Supervisor forces Google to new measures and obligations

On 20 February 2015, the Italian Data Protection Authority (DPA), which has jurisdiction in Privacy matters, announced that Google will comply with all the measures set forth by the Italian DPA.
For the first time in Europe, it will be the subject of regular checks to monitor progress status of the actions to bring its platform into line with domestic legislation.
The key measures Google is to implement in the course of 2015 are summarized below:
Privacy Notice
Google will have to improve its privacy policy by making it unambiguous and easily accessible and tailoring it to the specific service (such as Gmail, Google Wallet, Chrome, etc. ).
Consent
In order to profile users of its services, Google will have to first obtain their informed consent. This requirement will have to be implemented, though via different mechanisms, both for new accounts and for existing Google accounts.
Google will also have to fully implement the measures set forth in the decision adopted by the Italian DPA in May 2014 regarding use of cookies and other identifiers – including unregistered users.
All data subjects will have to be afforded in any case the right to object to the processing of their data for profiling purposes.
Data Storage and Deletion
The US giant will have to further improve its data storage and deletion mechanisms as for users' personal information.
Right to be forgotten
An exchange of information will continue regarding delisting requests received by Google from Italian users so as to monitor the implementing arrangements of the so-called right to be forgotten.

More details on this news

Italian Observatory on “Money laundering and terrorism financing” starts its activities

The Observatory, presented at the conference “International money laundering and terrorist financing” of February 10th, 2015 at the LUISS University, published a summary of its first research entitled “International money laundering and contrast regulations: effects on the economic system and companies”.
The research is divided into three chapters.

  • Chapter I – Money laundering as a transnational phenomenon, by Stella Magistro
  • Chapter II - The anti-money laundering regulations in Italy, by Ranieri Razzante
  • Chapter III - Leaks of the illegal economy in businesses, by Antonio Arrotino

In particular the third chapter analyzes also the criminal infiltration in the Italian public sector where legislative changes have recently occurred in order to prevent infiltration of organized crime.
This part of the research also focuses on the economic sectors most infiltrated by illegal activities in italy: illegal construction, excavation activities, illicit traffic and illegal disposal of hazardous waste (hazardous and non), animal racket, fruits and trades of artistic and archaeological.

LinkedIn

ComplianceNet LinkedIn Group has reached 1,000 members!

(Italian translation)

Sintesi

Iniziative della Commissione europea contro l’evasione fiscale e la pianificazione fiscale aggressiva: a marzo i primi provvedimenti.
Chiarimenti del governo italiano su Voluntary Discosure e antiriciclaggio: i professionisti devono segnalare le operazioni sospette solo dopo aver ricevuto un incarico formale.
Allarme corruzione a Roma: secondo la Corte dei Conti c’è un pericolosissimo degrado della pubblica amministrazione italiana.
Pubblicata una sintesi del primo studio dell’Osservatorio italiano sul riciclaggio di denaro con un focus sulla PA.
Il gruppo LinkedIn di ComplianceNet raggiunge i 1.000 iscritti.

EU: nuove misure sulla trasparenza fiscale e tax rulings

Il 18 febbraio 2015 la Commissione EU ha deciso di presentare nel mese di marzo nuove misure in material di trasparenza fiscale.
“Un’Europa prospera ha bisogno di sistemi fiscali equi, trasparenti e prevedibili che permettano alle imprese di investire e ai consumatori di riacquistare fiducia. Nell’ambito del nostro lavoro per la creazione di un mercato interno più approfondito e più equo, intendiamo stabilire una maggiore trasparenza fiscale e una concorrenza fiscale più equa, all’interno dell’UE e a livello mondiale” ha dichiarato il vicepresidente Valdis Dombrovskis, responsabile per l’euro e il dialogo sociale.
Si è convenuto che un obiettivo essenziale deve essere di garantire che le società siano tassate là dove svolgono le attività economiche che generano i loro profitti e che esse non possono sottrarsi al pagamento di una giusta quota attraverso una pianificazione fiscale aggressiva.
È stato osservato che gli Stati membri si scambiano decisamente poche informazioni sugli accordi (rulings) relativi ai loro regimi di imposizione fiscale delle società, che sono spesso molto complessi.
Ciò rende difficile per le autorità fiscali valutare dove si svolge effettivamente l’attività economica di una società, e applicare equamente su tale base la normativa fiscale.
Di conseguenza, molte multinazionali tentano di trasferire i profitti e ridurre il più possibile le imposte dovute, privando così i governi dell’UE di preziose entrate fiscali e compromettendo l’equità della tassazione.
La Commissione ha pertanto chiesto a tutti gli Stati membri di fornire informazioni in merito alle loro pratiche in materia di accordi fiscali (“tax rulings”) per aiutarla a verificare se e dove si producano distorsioni di concorrenza all’interno del mercato unico attraverso vantaggi fiscali selettivi
Contemporaneamente, la Commissione sta conducendo quattro indagini approfondite in materia di aiuti di Stato (cfr. anche qui) in merito a "tax rulings" adottati in Irlanda, Lussemburgo e Paesi Bassi.

Ulteriori dettagli su questa notizia: http://europa.eu/rapid/press-release_IP-15-4436_it.htm

Voluntary disclosure & antiriciclaggio

Continua il dibattito sugli obblighi antiriciclaggio da parte dei professionisti (avvocati n primo luogo) in particolare in materia di segnalazione di operazioni sospette di riciclaggio (SOS).
Il 23 gennaio 2015 il Ministero dell’Economia (MEF) aveva pubblico un parere sotto forma di FAQ sul tema che però aveva lasciato aperti numerosi dubbi.
Il 19 febbraio 2015 è intervenuto sul punto il viceministro dell’Economia Luigi Casero chiarendo che l’obbligo di segnalazione di operazione sospetta di riciclaggio da parte del professionista scatta solo dopo che questi ha ricevuto un esplicito incarico da parte del contribuente per assisterlo nella Voluntary Disclosure (VD) e non nella fase preliminare in cui avvocato e cliente si confrontano sull’opportunità o meno di aderire alla VD.

Allarme corruzione a Roma e nel Lazio

Il 18 febbraio 2015 inaugurando l’anno giudiziario il procuratore per il Lazio della Corte dei Conti Raffaele De Dominicis ha lanciato un ennesimo allarme sulla diffusione della corruzione a Roma e nel Lazio citando l’indagine “Mafia Capitale” che nelle scorse settimane ha rivelato le infiltrazioni della criminalità organizzata nell’amministrazione capitolina.
Il procuratore si è detto “stupito” per la diffusione della corruzione a Roma e nel Lazio che ha una “estensione vasta e sistemica” e raggiunge “la somma da capogiro di circa 1,3 miliardi di euro”.
Mafia Capitale, ha aggiunto De Dominicis, “rappresenta purtroppo il segno di un pericolosissimo degrado civile e dell’invadenza delle associazioni criminali entro le strutture amministrative della Repubblica”.

Privacy: il Garante italiano obbliga Google a nuove misure e adempimenti

Il 20 febbraio 2015 il Garante per la protezione dei dati personali dell’Italia, che ha competenza in materia di privacy, ha comunicato che Google ha accettato di adottare tutte le misure richieste.
Per la prima volta in Europa Google si dovrà assoggettare a verifiche periodiche che monitorino l’avanzamento dei lavori di adeguamento della propria piattaforma alla normativa nazionale.
Queste in sintesi le più importanti misure che Google dovrà implementare nel corso nel 2015
Informativa privacy
Google dovrà migliorare la privacy policy, rendendola chiara, accessibile e differenziandola in base ai servizi offerti (ad esempio Gmail, Google Wallet, Chrome etc.).
Consenso dell’utente
Se vorrà profilare chi utilizza i suoi servizi, Google dovrà prima ottenerne il consenso informato.
Dovrà essere data piena attuazione anche al provvedimento generale adottato dal Garante nel maggio scorso sull’uso dei cookie e su altre modalità di tracciamento degli utenti, inclusi quelli che non si sono registrati presso i servizi della società.
A tutti gli interessati dovrà comunque essere garantito il diritto di opporsi al trattamento dei propri dati per finalità di profilazione.
Conservazione e cancellazione dei dati
Google dovrà ulteriormente migliorare le modalità di conservazione e di cancellazione dei dati personali degli utenti.
Diritto all’oblio
Continuerà lo scambio di informazioni in merito alle richieste di rimozione che Google ha ricevuto da parte degli utenti italiani, così da poter monitorare le modalità di applicazione del cosiddetto diritto all’oblio.

Al via i lavori dell’Osservatorio su “Riciclaggio e finanziamento al terrorismo”

L’Osservatorio, presentato in occasione del convegno “Riciclaggio internazionale e finanziamento del terrorismo”  del 10 febbraio 2015 presso l'università LUISS, ha pubblicato una sintesi della sua prima ricerca dal titolo “Riciclaggio internazionale e normativa di contrasto: gli effetti sul sistema imprese”.
La ricerca si articola in tre capitoli.

  • Capitolo I - Il riciclaggio come fenomeno transnazionale, a cura di Stella Magistro
  • Capitolo II - La regolamentazione antiriciclaggio in Italia,  a cura di Ranieri Razzante
  • Capitolo III  - Infiltrazioni dell’economia illegale nelle imprese a cura di Antonio Arrotino

Il terzo capitolo, in particolare, analizza anche le infiltrazioni criminali nel settore pubblico nel quale nell’ultimo anno sono intervenute novità legislative di particolare importanza per la prevenzione delle infiltrazioni della criminalità organizzata.
Questa parte della ricerca analizza anche quali sono, in Italia, i settori economici più infiltrati dall’economia illegale: abusivismo edilizio, attività di escavazione illecite, traffico e smaltimento illecito dei rifiuti speciali (pericolosi e non), racket degli animali, frutti e traffici di beni artistici e archeologici.

LinkedIn

Il gruppo LinkdIn di ComplianceNet ha raggiunto quota 1.000 iscritti.

Links

Other posts in English

See also

ComplianceNet: