ComplianceNet weekly review (February 16th , 2015)

ministero-delleconomia-2

Week: from February 9th to February 15th 2015

A concise summary of major news and updates in the Italian regulatory compliance landscape.

Executive summary

The week has been full of news in the Compliance and Anti-Money Laundering fields for Italian banks and other financial intermediaries.
The government announced, as part of the Voluntary Diosclosure, agreements with Switzerland and Liechtenstein.
An interesting  conference on “anti-money laundering and terrorism financing fighting” was held at LUISS University in Rome. Speaking at this meeting, Marco Minniti Secretary to the Prime Minister, in charge of Secret Services, made some important announcements .
New requirements for banks regarding the transmission of fiscal data, supervisory controls, anti-corruption.

Voluntary Disclosure

Switzerland and Italy: an agreement for the exchange of tax information

Italy and Switzerland announced that on February 23, 2015 at the Swiss consulate in Milan will be signed the agreement on the exchange of tax information between the two countries. This signing will have important consequences for the recent Italian law on Voluntary Disclosure (Law 186/2014).
Since 2017 the exchange of tax information between the two countries will be further expanded with the adoption of the OECD standard.

Liechtenstein and Italy: agreement for the exchange of tax information

On 13 February 2015, the Italian Ministry of Finance (MEF) announced that Italy and Liechtenstein have reached an agreement on the exchange of tax information, based on the OECD standard.
The final signature will take place before the March 2nd deadline set by the Italian legislation on the regularization of capital held abroad (voluntary disclosure).
In this way, Liechtenstein will be comprised in the so-called countries “white list” for the purposes of voluntary disclosure and this will allow a smoother regularization for Italian taxpayers who hold financial assets in Liechtenstein.

Anti-money laundering and financing of terrorism fighting

On February 10th, 2015 the conference “International money laundering and terrorist financing - The threats and the ways to combat them” took place in Rome, at the University LUISS “Guido Carli”.
The event was organized by the Fondazione Bruno Visentini and the Italian Anti-Money Laundering Officers association (AIRA - Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio) to present the common established “Observatory” on money laundering and terrorist financing.
Lawyer Ranieri Razzante, president of AIRA and director of the Observatory, presented the contents of the research “International money laundering and contrast regulations: effects on the economic system and companies” carried out by the Observatory and which will be published soon.
The meeting was attended by many important members of the Judiciary, Police force and Public Authorities involved in the prevention and contrasting money laundering and terrorist financing.
Speaking at this meeting, Marco Minniti Secretary to the Prime Minister, in charge of Secret Service, said: “Money laundering is a high threat to democracy. We will hardly fight criminal organizations, terrorists and everyone who act on money laundering and terrorism financing. Unfortunately in Italy there are so many illegal activities linked to money laundering”.
Minniti also spoke about terrorism and Isis, explaining that it is a new threat and it has a fundamentally different structure from Al-Qaeda. He also explained that terrorism threat can be defeat only by acting on several levels: military, in terms of prevention, diplomatic initiatives and enforcing public awareness on the values of our society and democracy.

Banks: tax registry of current accounts

The Italian Tax Agency with the decision 18269/2015 of February 10, 2015 required banks and Poste to send by March 2, 2015 all the information on the movements of current accounts relating to 2013 and before May 29, 2015 those relating to 2014.

European banking supervision

On February 12, 2015 Carmelo Barbagallo, Head of Banking Supervision in Bank of Italy, intervened at a meeting of the cooperative banks.
Barbagallo said that Italian local banks and in particular the BCCs (Cooperative Credit Banks) are arrived to the start of the Supervisory Mechanism of the Single European Act (MVU) “characterized by weakness both structural and cyclical”.
“It is necessary”, Barbagallo continued, “that BCCs modernize and innovate their service model both on the strategic and managerial level and, consequently, to adequate skills and capabilities”.

Banks: anticorruption in banks and new powers to the Bank of Italy

On February 10, 2015 the Italian government approved a decree implementing EU Directive 2013/36 (Basel 3).
The decree enforces the powers of the Bank of Italy introduction in the “Consolidated Law on Banking” (TUB – Testo Unico Bancario) of a new rule for the collective removal of all components of the board of the banks in case of serious administrative irregularities or violation of law or statute.
In analogy with the provisions of the anti-corruption measures in the public administration, the decree will oblige banks and investment firms to introduce specific procedures for reporting internally, by staff, acts or facts that may constitute a violation of rules on lending or savings collection (so called: whistleblowing)

(Italian translation)

Sintesi

Settimana piena di novità in ambito Compliance e Antiriciclaggio per le banche italiane e gli altri intermediari finanziari.
Il governo annuncia, nell’ambito della voluntary Diosclosure, accordi con Svizzera e Liechtenstein.
Presso la LUISS di Roma si è tenuto un importante convegno su antiriciclaggio e contrasto del finanziamento del terrorismo con importanti annunci da parte del sottosegretario Minniti.
Nuovi adempimenti per la banche in materia di trasmissione di dati fiscali, controlli di vigilanza, anticorruzione.

Voluntary Disclosure

Svizzera e Italia: raggiunto un accordo per lo scambio dei dati fiscali

Italia e Svizzera hanno annunciato che il 23 febbraio 2015 al consolato svizzero di Milano sarà firmato l’accordo sullo scambio di informazioni fiscali tra i 2 paesi. La firma dell’accordo ha importanti conseguenze per la recente legge italiana sul rientro dei capitali o Voluntary Disclosure (legge 186/2014).
Dal 2017 lo scambio dei dati fiscali tra i 2 paesi sarà ulteriormente ampliato grazie all’adozione dello standard Ocse

Liechtenstein e Italia: intesa per lo scambio dei dati fiscali

Il 13 febbraio 2015 il Ministero delle Finanze italiano (MEF) ha annunciato che Italia e Liechtenstein hanno raggiunto un’intesa in materia di scambio di informazioni di natura fiscale, basato sullo standard OCSE.
La firma definitiva avverrà prima del 2 marzo, termine definito dalla normativa italiana sulla regolarizzazione dei capitali detenuti all’estero (voluntary disclosure). In questo modo il Liechtenstein sarà equiparato ad un Paese ‘white list’ ai fini della voluntary disclosure e ciò consentirà una più agevole regolarizzazione per i contribuenti italiani che detengano attività finanziarie in Liechtenstein.

Antiriciclaggio e contrasto del finanziamento del terrorismo

Il 10 febbraio 2015 si è svolto a Roma, presso l’Università LUISS “Guido Carli” il convegno “Riciclaggio internazionale e finanziamento del terrorismo - Le minacce e gli strumenti di contrasto”
L’evento è stato organizzato dalla Fondazione Bruno Visentini e dall’Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio (AIRA -) per presentare un comune “Osservatorio” sul riciclaggio di denaro ed il finanziamento del terrorismo.
L’avvocato Ranieri Razzante, presidente di AIRA e direttore dell’Osservatorio, ha presentato i contenuti della ricerca “Riciclaggio internazionale e normativa di contrasto: gli effetti sul sistema imprese” redatto dall’Osservatorio e che sarà pubblicato a breve.
Alla riunione hanno partecipato componenti di rilievo della magistratura, delle forze di polizia e delle autorità pubbliche impegnate nella prevenzione e contrasto del riciclaggio e del finanziamento del terrorismo.
Intervenendo all’incontro, Marco Minniti, Segretario alla Presidenza del Consiglio con delega ai servizi segreti , responsabile del servizio segreto, ha detto: “L’azione di contrasto al riciclaggio di denaro è strettamente connessa alla tenuta della democrazia. Bisogna contrastare coloro che principalmente agiscono nel campo del riciclaggio, le organizzazioni che fanno riferimento alla criminalità organizzata e l’Italia in questo campo purtroppo ha una certa capacità di attività”.
Minniti ha parlato anche di terrorismo e di Isis, spiegando che si tratta di una nuova minaccia e di una struttura profondamente diversa da Al-Qaeda, una minaccia che si può vincere solo agendo su vari livelli: militare, sul piano della prevenzione e dell’iniziativa diplomatica e politica, e con la consapevolezza dell’opinione pubblica sui valori della nostra società e delle nostre democrazie.

Banche: Anagrafe tributaria dei conti correnti

L’agenzia delle Entrate con il provvedimento 18269/2015  del 10 febbraio 2015 ha chiesto a banche e Poste di inviare entro il 2 marzo 2015 tutte le informazioni sui movimenti dei conti correnti relativi al 2013 e entro il 29 maggio 2015 quelli relativi al 2014.

Vigilanza europea

Il 12 febbraio 2015 Carmelo Barbagallo, Capo del Dipartimento Vigilanza Bancaria e Finanziaria della Banca d’Italia, è intervenuto ad un convegno delle banche di credito cooperativo.
Barbagallo ha affermato che le banche locali italiane e, in particolare, le BCC si presentano all’avvio del Meccanismo di Vigilanza Unico europeo (MVU) “connotate da debolezze di natura sia strutturale sia congiunturale”.
È necessario, ha continuato, Barbagallo, sul piano strategico e gestionale ammodernare e innovare il modello di servizio delle banche e, conseguentemente, adeguare le professionalità.

Anticorruzione nelle banche e più poteri a Banca d’Italia

Il governo ha approvato il 10 febbraio 2015 un decreto legislativo di recepimento della direttiva 2013/36/UE (Basilea 3).
Aumentano i poteri di Banca d’Italia grazia all’introduzione nel Testo Unico Bancario (TUB) di una norma per la rimozione collettiva di tutti i componenti degli organi di amministrazione e controllo delle banche in caso di gravi irregolarità amministrative o violazione di legge o statuto.
In analogia a quanto stabilito dalle misure anticorruzione all’interno della pubblica amministrazione, si obbligano le banche e le imprese di investimento a introdurre procedure specifiche per la segnalazione al proprio interno, da parte del personale, di atti o fatti che possono costituire una violazione alle norme sull’attività creditizia o di raccolta del risparmio (il cosiddetto whistleblowing).

Links

Other posts in English

ComplianceNet: