ComplianceNet weekly review (April 11th, 2015)

150408-rapporto-2014-gdf.png

 

  • Week: from March 30th to April 11th 2015

A concise summary of major news and updates in the Italian regulatory compliance landscape.

Executive summary

  • The Ministry of Economy and Finance (MEF) updates the "black list" of tax havens: out of it 21 countries, including Singapore and the Cayman Islands (April 1st, 2015)
  • Tax agreement between the Holy See and the Italian Republic (April 1st, 2015)
  • Privacy in Italy: clarifications on Google and the “right to be forgotten” (April 2nd, 2015)
  • Guardia di Finanza: “2014 Annual Report” (April 8th, 2015)

The Ministry of Economy and Finance (MEF) updates the "black list" of tax havens: out of 21 countries, including Singapore and the Cayman Islands (April 1st, 2015)

On April 1st 2015, the Minister of Economy and Finance, Pier Carlo Padoan, signed two ministerial decrees that modify the blacklist on the non-deductibility of costs and on the “Controlled Foreign Companies”(CFC), decrees  already adopted pursuant to Articles 110 and respectively 167 of the Consolidated Income Tax.
The Minister underlined that under this new policy the signed decree rewrites the black list on the non-deductibility of costs while keeping the list of 46 countries and jurisdictions.
21 countries and jurisdictions were deleted from the black list thanks to bilateral (Convention against double taxation or TIEA - Tax Information Exchange Agreement) or multilateral (Multilateral Convention on Mutual Administrative Assistance in Tax Matters OECD / Council ' Europe) agreements that allow the exchange of information on tax matters.

Link

Tax agreement between the Holy See and the Italian Republic (April 1st, 2015)

On April 1st 2015 an agreement on fiscal matters was signed by the Holy See and the Italian Republic

Italy is the first country with which the Holy See has signed an agreement governing the exchange of tax information.
In accordance with the current process of establishing transparency in the field of financial relations at a global level, the Convention transposes the most up-to-date international standards in terms of e exchange of information (article 26 of the OECD Model) to regulate cooperation between the competent authorities of the two contracting Parties.
The exchange of information relates to the fiscal year starting from January 1st, 2009.
From the date on which it enters into force the Convention will enable full compliance with the tax obligations relating to financial assets held by institutions engaging in financial activities in the Holy See by various physical and legal persons resident in Italy with simplified procedures.
Physical and legal persons will be able to regularize their activities, with the same effects as established by Law 186/2014.

Link

Privacy in Italy: clarifications on Google and the “right to be forgotten” (April 2nd, 2015)

On March 31st 2015, the Italian DPA - Data Protection Authority (Garante per la protezione dei dati personali) published its Newsletter n. 400 that contains an interesting analysis on Google and the so-called “right to be forgotten”.
According to the DPA users cannot demand  that Google cancels stories relating to them if it is a recent story and or of the public interest: in fact the “right to be forgotten” must be balanced with freedom of press.
The Data Protection Authority dismissed the appeal of a person who didn’t want Google to retrieve a press article referring to a judicial inquiry in which the person was involved.
The suspect asked Google to delete the reference to the article because, according to him, the text reproduced was "extremely misleading and highly prejudicial."
During an investigation emerged that the news was very recent and above all of public interest, covering a major judicial investigation which involved many people, albeit locally.
In the same proceeding the problem of consistency of “snippets” with the original texts was addressed for the first time; snippets are the automatic summary generated by Google and available along with the search results.
The applicant had in fact asked Mountain View that, as an alternative to de-indexation, they wipe out or alter the snippet that appeared under the link to the article, since according to him the snippet mentioned crime that were more serious that those for which he was being investigated.
The DPA admitted that, indeed, the snippet proposed could be misleading as it was not in line with the facts reported in the article.

Links

Guardia di Finanza: “2014 Annual Report” (April 8th, 2015)

On April 8th, 2015 the Guardia di Finanza published its “2014 Annual Report” which gives an overview of the activities carried out as economic and financial police.
The Corp’s main goal is to attack organized crime at the heart of its economic and financial interests through the identification and subsequent seizure of any assets and property attributable to individuals under investigation or charged with mafia crimes, or guilty of repeated economic and financial offences, as well as their figureheads.
The goal is to deprive criminal organizations of their financial sources and restore to the community the assets misappropriated with serious crimes, thus strengthening the educational value of lawfulness.
A complementary activity is carried out to protect the capital market.
Activities in this respect include the search and repression of all unlawful phenomena (laundering, usury, illegal value transfers, etc.) that may harm the legal economy and fair competition, thus jeopardizing appropriate resource allocation and distribution.
Interventions include the conduction of judiciary police investigations, analysis of suspicious transaction reports, and monitoring of cross-border currency movements.

Annexes

  • Rapporto Annuale (pdf, 28 M 66 pp.)
  • Comunicato stampa (pdf, 316 K, 1 pag.)
  • Video

(Italian translation)

Sintesi

  • Il MEF aggiorna le «black list» dei paradisi fiscali: escono 21 Paesi, tra cui Singapore e Isole Cayman
  • Accordo tra la Santa Sede e il Governo della Repubblica Italiana in materia fiscale (1° aprile 2015)
  • Privacy: chiarimenti su Google e sul “diritto all’oblio” (2 aprile 2015)
  • Guardia di Finanza: “Rapporto annuale 2014” (8 aprile 2015)

Il MEF aggiorna le «black list» dei paradisi fiscali: escono 21 Paesi, tra cui Singapore e Isole Cayman

Il 1° aprile 2015 il Ministro dell’economia e delle finanze, Pier Carlo Padoan, ha firmato due decreti ministeriali che modificano le black list sulla indeducibilità dei costi e sulle Controlled Foreign Companies (CFC), già emanate in attuazione rispettivamente degli articoli 110 e 167 del testo unico delle imposte sui redditi.
In base a questo nuovo criterio, informa una nota, il decreto firmato oggi riscrive la black list sulla indeducibilità dei costi mantenendo nell’elenco 46 Paesi e giurisdizioni.
Sono stati cancellati dalla black list 21 Paesi e giurisdizioni con i quali è in vigore un accordo bilaterale (Convenzione contro le doppie imposizioni oppure TIEA - Tax Information Exchange Agreement) o multilaterale (Convenzione multilaterale sulla mutua assistenza amministrativa in materia fiscale OCSE/Consiglio d’Europa) che consente lo scambio di informazioni in materia fiscale.

Link

Accordo tra la Santa Sede e il Governo della Repubblica Italiana in materia fiscale (1° aprile 2015)

Il 1° aprile 2015 è stata sottoscritta la Convenzione tra la Santa Sede e il Governo della Repubblica Italiana in materia fiscale.
L’Italia è il primo Paese con cui la Santa Sede sottoscrive un accordo che disciplina lo scambio di informazioni.
In linea con il processo in atto verso l’affermazione a livello globale della trasparenza nel campo delle relazioni finanziarie, la Convenzione recepisce il più aggiornato standard internazionale in materia di scambio di informazioni (articolo 26 del Modello OCSE) per disciplinare la cooperazione tra le autorità competenti delle due Parti contraenti. Lo scambio di informazioni riguarderà i periodi d’imposta a partire dal 1° gennaio 2009.
La Convenzione, a partire dalla data di entrata in vigore, consentirà il pieno adempimento, con modalità semplificate, degli obblighi fiscali relativi alle attività finanziarie detenute presso enti che svolgono attività finanziaria nella Santa Sede da alcune persone fisiche e giuridiche fiscalmente residenti in Italia. Gli stessi soggetti potranno accedere ad una procedura di regolarizzazione delle stesse attività, con i medesimi effetti stabiliti dalla legge n. 186/2014.

Link

Privacy: chiarimenti su Google e sul “diritto all’oblio” (2 aprile 2015)

Il 31 marzo 2015 l’Autorità Garante per la protezione dei dati personali italiana ha pubblicato la sua Newsletter n. 400 del 31 marzo 2015
Tre gli argomenti trattati una importante decisione relativa a Google e diritto all’oblio.
Gli utenti non possono ottenere da Google la cancellazione dai risultati di ricerca di una notizia che li riguarda se si tratta di un fatto recente e di rilevante interesse pubblico: il diritto all’oblio, infatti, deve essere bilanciato con il diritto di cronaca.
Il Garante della Privacy ha respinto il ricorso di una persona che contestava la decisione del motore di ricerca di non deindicizzare un articolo che riferiva di un’inchiesta giudiziaria in cui risultava implicata.
La persona indagata chiedeva di cancellare il riferimento all’articolo perché, a suo avviso, il testo riprodotto era "estremamente fuorviante ed altamente pregiudizievole".
Nel corso dell’istruttoria avviata dall’Autorità, è però emerso che la notizia contestata risultava essere molto recente e soprattutto di sicuro interesse pubblico, riguardando un’importante indagine giudiziaria che ha visto coinvolte numerose  persone, seppure in ambito locale.
Nell’ambito dello stesso procedimento si è posto, per la prima volta, anche il problema della coerenza con i testi originali scansionati dal motore stesso dei cosiddetti "snippet", ovvero le sintesi automatiche generate da Google e poste a corredo dei risultati di ricerca.
Il ricorrente aveva infatti chiesto a Mountain View che, in alternativa alla deindicizzazione, cancellasse o modificasse lo snippet che compariva sotto il link all’articolo, dato che secondo lui associava il proprio nominativo a reati più gravi rispetto a quelli per i quali era indagato.
Dai riscontri del Garante è emerso che, in effetti, l’abstract proposto poteva risultare fuorviante in quanto non in linea con la narrazione dei fatti riportati nell’articolo.

Link

Guardia di Finanza: “Rapporto annuale 2014” (8 aprile 2015)

L’8 aprile 2015 la Guardia di Finanza ha pubblicato il “Rapporto Annuale 2014” che fornisce un quadro delle attività svolte in qualità di polizia economico-finanziaria.
L’obiettivo di fondo è colpire la delinquenza organizzata nel cuore dei propri interessi economici e patrimoniali, attraverso l’individuazione ed il conseguente sequestro di beni e ricchezze riconducibili a soggetti indagati o indiziati di reati di mafia ovvero responsabili di reiterati delitti di natura economica e finanziaria, nonché ai loro prestanome.
Questo non solo per togliere alle organizzazioni criminali le proprie fonti finanziarie, ma anche per recuperare alla collettività la ricchezza ottenuta con gravi delitti, rafforzando il valore educativo della legalità.
Complementare a tale ambito operativo, è l’attività svolta a tutela del mercato dei capitali.
Su questo fronte, l’azione di sevizio persegue lo scopo di ricercare e reprimere tutti i fenomeni illeciti (riciclaggio, usura, trasferimento fraudolento dei valori, ecc.) in grado di inquinare i circuiti legali dell’economia e di alterare le condizioni di concorrenza, compromettendo la corretta allocazione e distribuzione delle risorse.
Gli interventi si sviluppano attraverso l’esecuzione di indagini di polizia giudiziaria, l’approfondimento di segnalazioni di operazioni sospette e i controlli sulle movimentazioni transfrontaliere di valuta.

Allegati

  • Rapporto Annuale (pdf, 28 M 66 pp.)
  • Comunicato stampa (pdf, 316 K, 1 pag.)
  • Video

Weekly reviews

Other posts in English

ComplianceNet – detailed news for the week from from March 30th to April 11th 2015 (in Italian)

ComplianceNet: