Banca d'Italia

Nuove disposizioni di vigilanza Banca d’Italia per intermediari finanziari (dirittobancario.it, 13 maggio 2015)

150127-dirittobancario.jpg

Pubblicata dalla Banca d’Italia la Circolare n. 288 del 3 aprile 2015 (pdf) recante la disciplina di vigilanza dei soggetti operanti nel settore finanziario (intermediari finanziari, confidi di maggiori dimensioni, agenzie di prestito su pegno e società fiduciarie disciplinate dall’art. 199, comma 2, del Testo unico della finanza - TUF) sottoposti alla vigilanza della Banca d’Italia a seguito della riforma del Titolo V TUB, operata con il decreto legislativo 13 agosto 2010, n. 141, come successivamente modificato e integrato.
Il contenuto dell’attività di concessione di finanziamenti sotto qualsiasi forma e l’esercizio nei confronti del pubblico è definito dal Decreto adottato dal Ministro dell’Economia e delle finanze ai sensi dell’art. 106, comma 3, TUB (cfr. contenuti correlati).
Le presenti disposizioni entrano in vigore il 60° giorno successivo alla pubblicazione sul sito della Banca d’Italia (12 maggio 2015).
Nel bollettino di vigilanza (pdf,129 K, 10 pp.)in allegato vengono descritte: l’impostazione e le linee di indirizzo della nuova disciplina; gli aspetti di maggiore rilievo della stessa; le disposizioni transitorie e le abrogazioni.

Allegati

  • Circolare Banca d’Italia 3 aprile 2015 n. 288 (pdf , 2 M, 403 pp.)
  • Banca d’Italia, “Bollettino di Vigilanza Banca d’Italia n. 5”, maggio 2015 (pdf,129 K, 10 pp.)

Ultimi articoli su Banca d'Italia

130704-logo-bankit

ComplianceNet: 

Bank of Italy: negative aspects of Italian banking AML compliance (May 7th, 2015)

Palazzo_Koch_1000117.jpg

(Unofficial translation of an extract of “Verso un più efficace sistema di contrasto alla criminalità finanziaria: il ruolo del sistema dei controlli interni e della funzione di Compliance”, 25 June 2014,  available in http://assoaicom.org/images/stories/files/10_mariani.pdf
This is the second part; the first part, “Bank of Italy: the internal control systems for money laundering” is available in http://www.compliancenet.it/bank-of-italy-the-internal-control-systems-f... )

On 25 June 2014 Luigi Mariani, deputy head of Bank of Italy supervision department, gave a speech at the “10th Meeting on Compliance” by AICOM (Associazione Italiana Compliance) about “The internal control systems for money laundering”.
In the first part of his speech, Mariani outlined the key points that financial intermediaries are required to adopt for the prevention and fighting of money laundering.
The second part of Mariani’s speech illustrates the major weakness of banks AML compliance: the  inability to promote a strong corporate culture of control by the governing bodies and the inadequate fulfillment of the obligations of due diligence and reporting of suspicious transactions.

Customer Due Diligence (CDD)

Improvements should be adopted by the Italian banking system to strengthen the CDD as unsatisfactory Bankit inspections often reveal.
CDD is the core of the risk-based approach that calls for a series of cognitive activities extended to the complete business life of the customer relationship: CDD is a fundamental prerequisite for ensuring the effectiveness of the other obligations of collaboration: the recording of transactions and reporting of suspect transactions.
Frequent Bankit inspections reveal that in many cases CDD banks’ controls only exist on paper and lack the necessary continuity to establish the identity of the real owner and his economic power.
Banks should implement internal procedures to intensify the ongoing monitoring of operations and update substantial data; activities that are little used considering their potential in terms of information available for customers’ AML risk profiling.

Archivio Unico Informatico (AUI)

It is very important that requirements for the recording of operations should be properly fulfilled in the Single Electronic Archive (Archivio Unico Informatico - AUI) because AUI is the database used to analyze the “unusual behaviors” of customers and produce risk profiles.
Often we have found gaps in data collection due to programming errors and delay in the completion of temporary registrations.

Enhanced customer due diligence (ECDD)

Further areas of improvement concern enhanced customer due diligence (ECDD) - which should be carried out by someone of a more senior level and more frequently - and the identification of the beneficial owner, especially for corporate structures with limited ownership transparency such as trusts.
In these cases there must be no doubt that banks must identify the ultimate beneficiary that is the person who controls or owns the legal entity to guarantee that real people are not concealed by corporate structures; banks should avoid putting their trust exclusively in customers’ statements but carry out adequate controls.
Consequently all reasonable steps should be taken to identify beneficial ownership and the operation should be blocked if this is not possible.
Moreover it would be better, especially for more relevant positions, to adopt a “network” approach instead of traditional analysis controls to entities also aggregating them respect to their economic or financial interests.

Unified approach of AML risk management in banking groups

Financial intermediaries organized in group structures must make effective use of a holistic approach to money laundering risk management; in many cases it was discovered that the information available to some members of the group was not accessible to other entities of the conglomerate, thwarting the potential synergies which could be possible if a more unified approach was adopted.

Spread and consolidation of the control culture

Strengthening the system of internal controls against money laundering inevitably requires resolute action in order to spread and consolidate a culture of control and sensibility towards staff on the part of governing bodies.
Fundamental, in this context, is the effective dissemination of staff training, which helps to raise the overall quality of the process: organization, procedures and training are aimed at strengthening the connection between assessment and risk and help to assure effective and appropriate conduct.

AML in Italy series

443px-Money-laundering.svg.png
(image from http://commons.wikimedia.org/wiki/File:Money-laundering.svg)

Ultimi articoli su Banca d'Italia

130704-logo-bankit

Virtual currencies and AML risks, the Italian Supervisors opinions (April 18th, 2015)

150418-bankit-home-2.jpg

(part of “AML in Italy” draft version)

Introduction: FATF, EBA and ECB positions

On June 27th, 2014 the Financial Action Task Force (FATF) published  “Virtual Currencies: Key Definitions and Potential AML/CFT Risks” (pdf, 545 K, 17 pp.) a research into the characteristics of virtual currencies aimed to make a preliminary assessment of the ML/TF risk associated with this payment method.
The FATF’s report has established a conceptual framework of key definitions for virtual currencies and formed a basis for further policy development.
According to FATF, virtual currency (VC) is a digital representation of value that can be digitally traded and functions as (1) a medium of exchange; and/or (2) a unit of account; and/or (3) a store of value, but does not have legal tender status (i.e., when tendered to a creditor, is a valid and legal offer of payment) in any jurisdiction.
VC is not issued nor guaranteed by any jurisdiction, and fulfils the above functions only by agreement within the community of users of the virtual currency.
VC is distinct from e-money, which is a digital representation of fiat currency used to electronically transfer value denominated in fiat currency.
FATF wrote that virtual currencies, particularly Bitcoin, are the wave of the future for payment systems but they provide also a powerful new tool for criminals, terrorist financiers and other sanctions evaders to move and store illicit funds, out of the reach of law enforcement and other authorities.

On July 4th 2014, the European Banking Authority (EBA) published an “Opinion” (pdf, 620 K, 46 pp.) addressed to the EU Council, European Commission and European Parliament setting out the requirements that would be needed to regulate “virtual currencies”.
The Opinion is also addressed to national supervisory authorities and advises to discourage financial institutions from buying, holding or selling virtual currencies while no regulatory regime is in place.

Finally on February 2015, the European Central Bank (ECB) published “Virtual currency schemes – a further analysis” (pdf, 491 K, 37 pp.) which reiterates and confirms the general consideration of the previous ECB’s report on virtual currency schemes of 2012: although VC can have positive aspects in terms of financial innovation and the provision of additional payment alternatives for consumers, it is clear that they also entail risks.
According to ECB “the materialisation risks depends on the volume of VC issued, their connection to the real economy – including through supervised institutions involved with VC – their traded volume and user acceptance. For the moment, all these risk drivers have remained low, which implies that there is no material risk for any of the central bank’s tasks as yet. Nevertheless, a major incident involving VC and a subsequent loss of trust in them could also undermine users’ confidence in electronic payment instruments, in e-money and/or in specific payment solutions, such as those in place for e-commerce.”

The Italian AML Supevisory authorities opinions on virtual currencies

  • On January 30th 2015 the Bank of Italy issued a statement about Virtual Currencies  on its Supervisory Bullettin n.1: “Virtual currencies - Communication (Comunicazione sulle valute virtuali)”
  • On February 2nd 2015 the UIF (Unità di Informazioni Finanziarie), the Italian FIU, published its opinion: “Anomalous use of virtual currencies (Utilizzo anomalo di valute virtuali)”.

Virtual currencies - Communication of the Bank of Italy on January 30th, 2015

On January 30th 2015, the Bank of Italy published in its “Supervisory Bulletin” a warning relating to virtual currencies.
“The Bank of Italy discourages banks and other supervised institutions from purchasing, holding or selling virtual currencies,” writes the Financial Intermediaries Supervisory Authority.
On this issue Bankitalia “shares” the EBA (European Banking Authority) opinion which had already warned about the virtual currencies, issuing an opinion in July 2014.
“Therefore Bank of Italy addressees - banks, financial intermediaries and other persons subject to its supervision - are advised to carefully consider the risks indicated by the EBA and to consider that in the absence of an adequate legal framework and certainty about the legal nature of virtual currencies, those risks can expose to losses and affect, consequently, the consistency of the regulatory capital and the stability of intermediaries”.
Bankit also points out that “the real modus operandi of virtual currency can result in a violation of regulations which are punished by law”.
The Bitcoin is an electronic currency created in 2009 by a computer scientist known by the pseudonym Satoshi Nakamoto.
Bitcoin is based on completely anonymous encrypted transactions.
Bitcoin is not managed by any financial institutions and its value depends on the trust of its investors.
This crypto currency can be transferred via web to everyone who has a “bitcoin address”, saved in a computer in the form of “portfolio” or held by a third part which offices as a bank.
EBA in its report ha explained that although there are “some potential benefits, for example, quicker and easier transactions and financial inclusion too” at the moment in absence of well-defined rules “risks are higher than benefits even though in Europe it remains less significant.”

UIF, the Financial Intelligence Unit for Italy: “Anomalous use of virtual currencies” (January, 30th 2015)

On January 30th 2015 UIF, the Italian Financial Unit, published an opinion on so-called “virtual currencies”.
The UIF reminds financial operators that virtual currencies are not issued by central banks or by public authorities and do not constitute legal tender neither are comparable to electronic money.
There are more than 500 different types of virtual currencies; the most common is “Bitcoin”.
Virtual currencies are used especially in electronic commerce and for gambling especially online.
According to the UIF the use of virtual currencies may expose operators to the risk of money laundering and terrorist financing, as evidenced by international and European authorities, such as the Financial Action Task Force (FATF), the European Banking Authority (EBA) and the European Central Bank (ECB).
Transactions with virtual currencies take place mainly online, between subjects that can operate in different countries, often in countries or territories at risk.
These subjects are not easily detectable and anonymity is facilitated for those involved in the network and the real beneficiaries of transactions.
Suppliers of “virtual coin” activities such as use, exchange and storage of virtual currencies and their conversion from / into legal currencies are not, as such, recipients of money laundering legislation and therefore are not required to comply with the obligations on customer due diligence, data recording and suspicious transaction reporting.
This circumstance can make the virtual instrument attractive for those who intend to engage in criminal conduct and facilitate the activities of prevention and response.
The UIF reminds financial operators again that during 2014 the Unit received from addressees of anti-money laundering obligations some suspicious transaction reports regarding purchases or sales of virtual currencies considered opaque because of the “subjective profile” of the client, the nature of the parties who were often from abroad, or the modus operandi, for example, the use of cash or payment cards.
To avoid the infiltration of money laundering and terrorist financing into the legal economic and financial system, the addressees of the Legislative Decree no. 231/2007 must be careful to identify the operations involving virtual currencies and thus detect any suspicious elements.
In particular, financial intermediaries, especially when providing payment services must evaluate with great attention the operations of withdrawal and / or payment of cash and the movements of payment cards, connected with the buying and / or selling of virtual currencies carried out over a limited period of time and for large sums of money.
Gambling operators referred to in Article 14, d), e) and e-bis) of the decree against money laundering must pay particular attention to the operation carried out through virtual currencies.
Such operations must be examined in relation to the subjective profile of the customer, the involvement of countries or territories at risk and any additional information available.
Suspicious transactions related to the phenomenon described must be reported to the Financial Intelligence Unit as soon as possible, specifying the same phenomenon in the appropriate section of the report, in accordance with what is indicated in the instructions for the compilation of reports of suspicious transactions.
It is responsibility of the persons obliged to report suspicious transactions, as part of his organizational autonomy and in the manner deemed most appropriate, to raise awareness among staff and the team responsible for the evaluation of suspicious transactions, communicating the appropriate instructions.

Footnotes

  1. The nature and characteristics of virtual currencies that exist today are described analytically in the following documents available online: EBA Opinion on 'virtual currencies' of 4 July 2014; FATF Report, Virtual Currencies, published in June 2014; ECB -Virtual Currency Schemes October 2012.
  2. See EBA “Opinion on virtual currencies” of July 4th, 2014, cit., FATF Report, “Virtual Currencies”, cit., ECB “Virtual Currency Schemes”, cit .; in particular, the FATF document describes some criminal acts committed by exploiting virtual currencies, for example, in the United States, also part of the "deep web" (eg. Silk Road and Liberty Reserve).
  3. It means the countries or territories not included in anti-money laundering regime equivalent to those laid down in the relevant decree of the Ministry of Economy and Finance and, in any case, those indicated by competent international bodies (eg. The FATF, OECD) as exposed to risk of money laundering or terrorist financing or uncooperative in the exchange of information in tax matters.
  4. For active collaboration purpose see, in particular, FIU communication of 11 April 2013, scheme 2.

Annexes

  • Financial Action Task Force (FATF), “Virtual Currencies: Key Definitions and Potential AML/CFT Risks”, 27 June 2014  (pdf, 545 K, 17 pp.)
  • European Banking Authority (EBA), “Opinion on virtual currencies”, EBA/Op/2014/08, July 4th, 2014 (pdf, 620 K, 46 pp.)
  • European Central Bank (ECB), “Virtual currency schemes – a further analysis” (pdf, 491 K, 37 pp.)
  • Bank of Italy, Supervisory Bullettin n.1 2015, “Virtual currencies – Communication”, Italian, 30 January 2015 (pdf, 69 K, 2 pp.)
  • Bank of Italy, "Avvertenza sull’utilizzo delle cosiddette valute virtuali", Italian, 30 January 2015 (pdf, 180 K, 3 pp.)
  • UIF, Unità di Informazioni Finanziaria, “Anomalous use of virtual currencies”, Italian, On 2 February 2015 (pdf, 26 K, 2 pp.)

Links

 

Bank of Italy: against terrorism also a financial strategy (April 8th, 2015)

150414-maeci.jpg
(click to enlarge)

On April 8, 2015 , the eighth conference MAECI titled “An integrated diplomacy for  global challenges” was held in Rome, at the Bank of Italy
The conference was also attended by the Italian Foreign Minister, Paolo Gentiloni.
Bank of Italy and the Ministry of Foreign Affairs reaffirmed the common commitment and integrated action with respect to major global challenges such as sustainability, energetic and environmental security, contrast to the financing of terrorism, the crisis in Ukraine and its political and economic reflexes.
Visco, Governor of the Bank of Italy, said that “terrorism but also trafficking, corruption, money laundering, financial crime phenomena are transnational in nature, undermine the security and alter the balance of economic and political rights of the individual states and between states, damage the integrity of the global economic system”.
The head of Palazzo Koch added that “strategies to combat these phenomena traditionally in blocking financial flows that feed terrorist activities, through measures to freeze funds and the paralysis of commercial transactions, on the basis of the prohibitions to export”.
During the conference there was also talk of Ukraine and the wider implications of the crisis in Russia.
Gentiloni noted that Russia is not a strategic partner for Europe but in any case a strategic actor: thus, economic sanctions must have a character of reversibility.
Visco added that, with regard to Russia, “our analysis indicates that the consequences for Europe 's economy and the Italian one in particular, should be limited, although with considerable heterogeneity between countries and sectors.”

Links

Banca d’Italia: “La supervisione europea richiede alle banche italiane un percorso di cambiamento” (13 febbraio 2015)

130704-logo-bankit

  • Fonte: intervento  di Carmelo Barbagallo, responsabile Vigilanza di Bankitalia, su banche locali e di credito cooperativo e vigilanza europea (pdf, 96 K, 14 pp.)

Debolezze nell’assetto dei controlli interni, in assenza di adeguate risorse e professionalità, determinano il disallineamento dell’attività della banca rispetto ai canoni di sana e prudente gestione

Il 12 febbraio 2015 Carmelo Barbagallo, Capo del Dipartimento Vigilanza Bancaria e Finanziaria della Banca d’Italia, è intervenuto su “Le banche locali e di credito cooperativo in prospettiva: vigilanza europea ed evoluzione normativa”, presso la Federazione delle cooperative Raiffeisen, Bolzano.
Qui (pdf, 96 K, 14 pp.) il testo completo del suo intervento.
Di seguito una sintesi dei passaggi più significativi.

Sintesi

Barbagallo si è soffermato dapprima sulle principali difficoltà che il prolungarsi della crisi sta comportando per le banche locali, per effetto di debolezze sia congiunturali sia strutturali per poi svolgere alcune considerazioni sulle profonde innovazioni in atto nell’assetto normativo e istituzionale della vigilanza bancaria e sull’impulso che ne deriva, in particolare per il sistema del credito cooperativo, a intraprendere un percorso di riforma.

Il Meccanismo di Vigilanza Unico (MVU) e le “disfunzioni” delle banche locali e BCC

Secondo Barbagallo le banche locali italiane e, in particolare, le BCC si presentano all’avvio del Meccanismo di Vigilanza Unico europeo (MVU) “connotate da debolezze di natura sia strutturale sia congiunturale”.
Sul piano tecnico, esse devono fronteggiare tre principali criticità: la rischiosità del credito, in considerazione dell’elevata incidenza delle partite deteriorate e del basso livello di copertura delle stesse; la debolezza della redditività; i vincoli a una rapida ricapitalizzazione connessi con l’organizzazione cooperativa in un contesto di elevata frammentazione.
Sul piano strategico e gestionale, rilevano le esigenze di ammodernamento e innovazione del modello di servizio e, conseguentemente, di adeguamento delle professionalità.
“La capacità di risposta delle banche del territorio appare tuttavia limitata, anche a causa delle debolezze presenti negli assetti di governance”.
La Banca d’Italia le sottolinea da lungo tempo:
(i) scarsa dialettica all’interno dei board e assenza di effettivi contrappesi alle figure apicali, a causa di fattori che limitano la funzionalità degli organi, quali le competenze non adeguate e non abbastanza diversificate, il limitato ricambio, anche generazionale, degli esponenti, il numero elevato di membri;
(ii) presenza frequente di conflitti di interesse, cui non corrisponde l’attivazione di efficaci processi interni di prevenzione e gestione;
(iii) carenze dei meccanismi di pianificazione, che si riflettono in ritardi e scarsa lungimiranza delle scelte strategiche;
(iv) debolezze nell’assetto dei controlli interni che, in assenza di adeguate risorse e professionalità, determinano il disallineamento dell’attività della banca rispetto alle strategie e alle politiche aziendali e ai canoni di sana e prudente gestione.
Sempre più spesso tali disfunzioni sfociano in situazioni di dissesto.
Ciò nondimeno, l’esame delle autovalutazioni condotte dalle banche locali continua a evidenziare in numerosi casi una consapevolezza ancora ridotta nei vertici aziendali riguardo alla necessità di migliorare in maniera sostanziale i meccanismi di governo interno.
Un ulteriore aspetto di attenzione è rappresentato dalla qualità e dalla trasparenza del rapporto tra il management delle banche locali, specie cooperative, e le basi sociali. In un contesto che richiede scelte strategiche e gestionali accorte e lungimiranti, riguardanti talora la necessità di considerare operazioni straordinarie, non sempre il management mostra capacità di promuovere il coinvolgimento consapevole dei soci e di neutralizzare conflittualità e inopportuni campanilismi.

L’evoluzione in atto nell’assetto normativo e istituzionale di vigilanza

Dal 1° gennaio 2016 il Meccanismo unico di vigilanza (MVU) sarà affiancato da un unico Meccanismo di risoluzione (MRU), cui spetterà la responsabilità per la gestione delle crisi bancarie nell’intera area.
Il Meccanismo di risoluzione prevede un fondo alimentato da tutte le banche dell’area e un Comitato di risoluzione unico (Single Resolution Board) a cui saranno affidate le decisioni sull’avvio della risoluzione e sulla gestione delle relative procedure, ivi incluse le decisioni sull’uso delle risorse del fondo.
Come il MVU poggia su un insieme di regole prudenziali armonizzate, così il MRU presuppone gli strumenti di gestione delle crisi e i regimi nazionali armonizzati previsti dalla direttiva sul risanamento e la risoluzione delle banche (cosiddetta BRRD – Banking Recovery and Resolution Directive).
Si tratta di strumenti e regole che mirano a prevenire il deterioramento delle situazioni di difficoltà fin dalle loro prime manifestazioni (early intervention) e a pianificare la gestione e risoluzione delle crisi nell’ottica di minimizzarne gli oneri per risparmiatori e contribuenti e le conseguenze negative per la stabilità finanziaria.
Il trasferimento, a certe condizioni, degli oneri delle crisi al fondo finanziato dalle banche eviterà che si ripeta l’utilizzo di ingenti risorse pubbliche; la graduale mutualizzazione delle risorse del fondo contribuirà a recidere il legame tra le condizioni degli Stati e quelle delle banche, favorendo così l’integrazione dell’area.
Il recepimento della BRRD nell’ordinamento nazionale è destinato a incidere profondamente sulle modalità di gestione delle crisi, sia per le banche significative sia per le altre, attraverso l’introduzione di una serie di strumenti di risoluzione, alcuni dei quali molto innovativi per il nostro ordinamento.
Tutte le banche, incluse quelle di minori dimensioni, saranno interessate da novità rilevanti per quanto riguarda i piani di risanamento e i piani di risoluzione, pur essendo previsti alcuni criteri di proporzionalità.
In particolare, tutte le banche dovranno redigere e aggiornare i piani di risanamento, contenenti le misure da adottare per riequilibrare la situazione patrimoniale e finanziaria in caso di suo significativo deterioramento.
I piani saranno esaminati e approvati dalle autorità di vigilanza competenti, che potranno chiederne la revisione ove li giudichino inadeguati.
I piani di risoluzione, che saranno predisposti dall’autorità di risoluzione in cooperazione con le autorità di vigilanza, sono volti a individuare le azioni da porre in essere ove sia necessario avviare una procedura di risoluzione di una banca in crisi.
Il piano include la valutazione di risolvibilità, intesa come la possibilità di gestire ordinatamente la crisi senza ricorrere a interventi pubblici straordinari o della Banca centrale.
Per rimuovere gli ostacoli alla risolvibilità, le autorità di risoluzione disporranno di poteri incisivi, tra i quali la possibilità di limitare o far cessare lo svolgimento di alcune attività, di vietare lo sviluppo di nuove linee di business, di chiedere modifiche della struttura legale e operativa dei gruppi per ridurne la complessità e per isolare e separare le funzioni critiche svolte dall’intermediario.

Conclusioni

Nelle sue conclusioni il Capo del Dipartimento Vigilanza Bancaria e Finanziaria della Banca d’Italia ha dichiarato che “il contesto economico difficile, l’evoluzione della regolamentazione, la nuova dimensione europea della supervisione bancaria richiedono alle banche italiane di intraprendere un percorso di cambiamento”.
Secondo Barbagallo “l’integrazione è un obiettivo non più rinviabile per le BCC italiane. Occorre individuare soluzioni che favoriscano un assetto del sistema meno frammentato e meglio strutturato, capace di superare gli svantaggi della piccola dimensione ma allo stesso tempo di preservare i valori della cooperazione e della prossimità con il territorio che da sempre costituiscono il punto di forza delle banche locali.”

Allegato

150213-bankitalia-barbagallo2.jpg

  • Carmelo Barbagallo, Capo del Dipartimento di Vigilanza Bancaria e Finanziaria della Banca d’Italia, “Le banche locali e di credito cooperativo in prospettiva:  vigilanza europea ed evoluzione normativaintervento del 12 febbraio 2015 alla Federazione delle cooperative Raiffeisen (pdf, 96 K, 14 pp.)

 

ComplianceNet: 

Parere di Bitcoin Foundation Italia su comunicato di Banca D’Italia su Bitcoin e critto valute (3 febbraio 2015)

150204-bitcoin-foundation.jpg

  • Fonte: www.bitcoin-italia.org  , titolo originale “Parere dalla Bitcoin Foundation Italia su quanto espresso dalla Banca D’Italia sul Bitcoin e critto valute (3 febbraio 2015)”

(tra “” le citazioni dal documento di Banca d’Italia ndr)

Negli ultimi giorni è uscita su diversi media (per lo più dell’ambiente Internet) la segnalazione del parere della Banca D’Italia rispetto alle crittovalute.
Si sono trovati anche titoli abbastanza allarmistici, come di abitudine spesso fa questo settore. (es: “Bankitalia sconsiglia l’acquisto di Bitcoin” – Repubblica)
Qui i due documenti completi:

Tratteremo ora alcuni punti presenti in questi documenti (partendo in ordine dal primo) che possono essere di relativa importanza:

“Le c.d. valute virtuali (VV) sono rappresentazioni digitali di valore non emesse da una banca centrale o da un’autorità pubblica”.

Quanto detto qui è corretto, se non che la maggior parte delle persone vicino all’ambiente non considera il Bitcoin e e le crittovalute “virtuali”, ma sorvoliamo ora su questo punto.

“Esse non sono necessariamente collegate a una valuta avente corso legale, ma sono utilizzate come mezzo di scambio o detenute a scopo di investimento e possono essere trasferite, archiviate e negoziate elettronicamente.
Le VV non sono moneta legale e non devono essere confuse con la moneta elettronica”.

Quanto detto qui è anch’esso corretto.
Punta a differenziare ciò che viene definito come moneta elettronica, che si tratta invece della normale moneta legale, che in Italia è l’euro, ma in formato elettronico (sui conti bancari, carte di credito/debito, paypal ecc …)
Quando indica per le normali valute (tipo Euro) “avente corso legale”, o “moneta legale”, non intende dire che in contrapposizione le crittovalute sono “illegali”, ma che semplicemente i cittadini italiani non sono “costretti” ad accettarle per farsi pagare la vendita di beni/servizi, coprire debiti contratti in valuta Euro, pagarci le tasse.
Il Bitcoin e le crittovalute in generale sono e rimangono un tipo di moneta di uso volontario.

“In particolare, l’EBA ha individuato numerosi profili di rischio derivanti dall’utilizzo o dalla detenzione delle VV.
Essi sono rilevanti per gli utilizzatori (consumatori, investitori e merchant), per i partecipanti al mercato – piattaforme di scambio e depositari dei portafogli virtuali (wallet providers) – per gli intermediari e le autorità di regolamentazione, oltre che per l’integrità e la stabilità del sistema finanziario e del sistema dei pagamenti.
Alcuni di tali rischi si sono già concretizzati in gravi perdite o furti di VV per la clientela, nel fallimento di piattaforme di scambio o in attività di riciclaggio e altre condotte criminali (3 ). Secondo l’Autorità Bancaria Europea, i rischi individuati superano i possibili benefici che le VV potrebbero fornire ai loro utilizzatori, anche considerando i vantaggi in termini di costi e tempi di transazione e di inclusione finanziaria”.

Qui viene riportato quanto indicato dall’EBA nel precedente documento da loro rilasciato.
L’EBA scoraggia, ma non vieta, l’uso delle crittovalute anche alle normali utenze, e la Banca D’Italia si conferma di questa veduta.

“Auspicando un intervento delle istituzioni europee, l’EBA ha evidenziato la necessità di
definire, nel lungo periodo, un quadro normativo armonizzato, che riservi l’operatività in VV a
soggetti autorizzati e definisca, tra l’altro, requisiti in materia di capitale e governance dei
partecipanti al mercato e segregazione dei conti della clientela”.

Si punta ad avere un quadro normativo omogeneo, cioè che sia comune fra tutti gli istituti bancari e le varie nazioni appartenenti all’eurozona.

“Nel breve termine, ha ravvisato
l’urgenza di mitigare i rischi derivanti dall’interazione tra gli schemi di VV e i servizi
finanziari regolamentati ed ha, pertanto, invitato le Autorità nazionali di vigilanza a scoraggiare
gli intermediari dall’acquistare, detenere o vendere VV. In tale contesto, gli intermediari
potrebbero invece continuare a offrire a soggetti operanti nel settore delle VV, le attività e i
servizi finanziari alla cui prestazione sono autorizzati”.

E’ indicato e riconfermato che si scoraggiano i servizi intermediari (che potremo individuare nei vari istituti bancari attivi in Italia) da fare uso diretto di crittovalute.
Viene però lasciata libera la possibilità di fornire servizi a soggetti operanti nel settore, quali ad esempio “un exchange”.
Quindi non troverete banche che forniscono servizi legati alle crittovalute (come è già attualmente), ma saprete che nel caso vogliate far uso dei loro servizi, il vostro essere a contatto e/o fare uso di crittovalute non pregiudicherà questa possibilità. (certo, questo dipenderà anche dalle scelte delle singole banche)
Nella situazione di incertezza avutasi fino ad ora, questa è sicuramente una buona notizia.

“La Banca d’Italia condivide l’opinione dell’EBA di scoraggiare le banche e gli altri
intermediari vigilati dall’acquistare, detenere o vendere VV”.

Sempre agli istituti bancari viene vivamente sconsigliato e si scoraggiano dall’offrire direttamente servizi legati alle crittovalute.
Ancora viene vivamente scoraggiato l’uso diretto delle crittovalute e servizi allegate agli istituti bancari italiani.

“Banca d’Italia vanno quindi invitati a valutare con attenzione i rischi indicati dall’EBA e a
considerare che:
– in assenza di adeguati presidi e di un quadro legale certo circa la natura giuridica delle
VV, quei rischi possono esporre a perdite e inficiare, di conseguenza, la consistenza del
patrimonio di vigilanza e la stabilità stessa degli intermediari;
– le concrete modalità di funzionamento degli schemi di VV possono integrare,
nell’ordinamento nazionale, la violazione di disposizioni normative, penalmente
sanzionate, che riservano l’esercizio della relativa attività ai soli soggetti legittimati (artt.
130, 131 TUB per l’attività bancaria e l’attività di raccolta del risparmio; art. 131 ter TUB
per la prestazione di servizi di pagamento; art. 166 TUF, per la prestazione di servizi di
investimento).
Le banche e gli altri intermediari vigilati dalla Banca d’Italia devono rendere edotti di tale
orientamento i clienti, persone fisiche o giuridiche, operanti nel settore delle VV, prima di
intraprendere operazioni della specie con essi.
Resta inteso che, nei confronti di tali soggetti potranno continuare a essere prestati i
servizi finanziari autorizzati, nel rispetto degli obblighi previsti dalla vigente disciplina in
materia di prevenzione del riciclaggio e del finanziamento al terrorismo e delle indicazioni
fornite dalla UIF.
La Banca d’Italia, in relazione al coinvolgimento delle banche e degli altri intermediari da
essa vigilati nel comparto delle VV, si riserva di assumere o proporre misure specifiche di
carattere prudenziale”.

In sostanza, si riconferma ancora che chi farà uso delle crittovalute, dovrà rispettare le norme presenti per le normali valute legali.
Gli intermediari / istituti bancari dovranno mettere al corrente i propri clienti dei rischi dell’uso delle crittovalute.
Con questo passaggio equipara le crittovalute agli strumenti finanziari, per cui vige l’obbligo di informativa esaustiva al cliente.
Viene lasciato comunque libero questo spazio per enti/soggetti attivi sul settore.
Nel secondo documento viene trattato l’aspetto dell’uso delle crittovalute a fini di riciclaggio e finanziamento del terrorismo.
In tal senso si invitano i servizi bancari e operatori attivi nel settore a segnalare operazioni sospette che possano ricadere in questi due aspetti.

“Tali operatività devono essere esaminate in relazione al profilo soggettivo del cliente, al
coinvolgimento di Paesi o territori a rischio e alle eventuali ulteriori informazioni disponibili.
Le operazioni sospette riconducibili al fenomeno descritto dovranno essere segnalate all’Unità
di Informazione Finanziaria con la massima tempestività, specificando il fenomeno stesso
nell’apposita sezione della segnalazione, in conformità con quanto indicato nelle istruzioni per la
compilazione delle segnalazioni di operazioni sospette.
Sarà cura dei soggetti tenuti agli obblighi di segnalazione, nell’ambito della propria autonomia
organizzativa e con le modalità ritenute più idonee, sensibilizzare il personale e i collaboratori
incaricati della valutazione delle operazioni sospette, diffondendo opportune indicazioni operative”.

Ripetendo, l’uso diretto delle crittovalute da parte di enti intermediari e istituti bancari viene sì scoraggiato, ma non viene vietato la fornitura di conti e servizi finanziari a soggetti di questo mercato/ambiente.
Visto che prima di queste comunicazioni, banche che fornissero servizi con le crittovalute non ve ne erano, su questo aspetto non ci saranno cambiamenti.
Per quanto riguarda invece chi aveva intenzione di aprire servizi legati alle crittovalute, e avesse timore ad aprire conti in Italia, o si fosse già trovato porte chiuse, è probabile che le cose cambieranno in meglio.
Per un ipotetico comune servizio di exchange questa sarà probabilmente una buona notizia.
Questo comunque potremo dire che va ancora nella direzione auspicata dagli appartenenti all’associazione e in generale della comunità Bitcoin.
Dove cioè un eventuale regolamentazione dovrebbe puntare principalmente a definire il comportamento degli intermediari fra il mondo delle monete fiat (euro, dollari ecc …) e le crittovalute.
Lasciando quindi libero il mercato delle crittovalute di definirsi, auto-regolamentarsi ed evolversi.
Rimarrà comunque sempre attiva la nostra attenzione per individuare e segnalare eventuali paletti virtuali che possano limitare la concorrenza fra vari enti.
Il nostro principale timore è che una regolamentazione troppo stringente potrebbe portare ad una grossa limitazione delle offerte di servizi e prodotti, aumentandone i prezzi, calandone la qualità e creando possibili situazioni di cartello.

Bitcoin_paper_wallet_generated_at_bitaddress2.jpg

(Fonte immagine: "Bitcoin paper wallet generated at bitaddress" di Open Source - http://bitaddress.org. Con licenza MIT tramite Wikimedia Commons )

Articoli collegati su BitCoin

ComplianceNet: 

UIF, Unità di Informazione Finanziaria per l’Italia: “Utilizzo anomalo di valute virtuali” (30 gennaio 2015)

140229-logo-uif.jpg

  • Fonte: sito Banca d’Italia / UIF (qui in pdf, 2 pp. 26 K)

Le cosiddette “valute virtuali”, oggetto di crescente diffusione, sono rappresentazioni digitali di valore, utilizzate - su base volontaria - come mezzo di scambio per l’acquisto di beni e servizi.
Esse possono essere trasferite, conservate e negoziate elettronicamente.
Le valute virtuali non sono emesse da banche centrali o da autorità pubbliche, non costituiscono moneta legale né sono assimilabili alla moneta elettronica (nota 1).
Esistono differenti tipologie di valute virtuali.
A oggi, nel mondo, ne risultano oltre 500; la più diffusa è “Bitcoin”.
Le valute virtuali sono utilizzate soprattutto nel commercio elettronico e per l’attività di gioco, specie on line.
L’utilizzo delle valute virtuali può esporre a rischi di riciclaggio e finanziamento del terrorismo, come messo in evidenza da Autorità internazionali ed europee, quali il Gruppo d’Azione Finanziaria Internazionale (Financial Action Task Force, FATF), l’Autorità Bancaria Europea (European Banking Authority, EBA) e la Banca Centrale Europea (European Central Bank, ECB) (nota 2).
Le operazioni effettuate con valute virtuali avvengono prevalentemente on line, fra soggetti che possono operare in Stati diversi, spesso anche in Paesi o territori a rischio (nota 3).
Tali soggetti non sono facilmente individuabili ed è agevolato l’anonimato sia di coloro che operano in rete, sia dei reali beneficiari delle transazioni.
I prestatori di attività funzionali all’utilizzo, allo scambio e alla conservazione di valute virtuali e alla loro conversione da/in valute aventi corso legale non sono, in quanto tali, destinatari della normativa antiriciclaggio e quindi non sono tenuti all’osservanza degli obblighi di adeguata verifica della clientela, registrazione dei dati e segnalazione delle operazioni sospette.
Tale circostanza può rendere appetibile lo strumento virtuale per coloro che intendono porre in essere condotte criminali e non agevola le attività di prevenzione e contrasto.
Nel corso del 2014 sono pervenute all’Unità da parte di soggetti destinatari degli obblighi antiriciclaggio alcune segnalazioni di operazioni sospette relative ad acquisti o vendite di valute virtuali ritenuti opachi in ragione del profilo soggettivo del cliente, della natura delle controparti spesso estere, ovvero delle modalità di realizzazione delle operazioni tramite, ad esempio, l’utilizzo di contante o di carte di pagamento.
Al fine di prevenire l’utilizzo del sistema economico-finanziario a fini di riciclaggio e finanziamento del terrorismo, i destinatari del d.lgs. 231/2007 devono aver cura di individuare le operatività connesse con valute virtuali, rilevandone gli eventuali elementi di sospetto.
In particolare, gli intermediari finanziari, specie quando prestano servizi di pagamento, devono valutare con specifica attenzione le operazioni di prelevamento e/o versamento di contante e le movimentazioni di carte di pagamento, connesse con operazioni di acquisto e/o vendita di valute virtuali, realizzate in un arco temporale circoscritto, per importi complessivi rilevanti.
Gli operatori di gioco di cui all’articolo 14, lettere d), e) ed e-bis) del decreto antiriciclaggio devono prestare particolare attenzione alle operatività poste in essere anche attraverso valute virtuali (nota 4).
Tali operatività devono essere esaminate in relazione al profilo soggettivo del cliente, al coinvolgimento di Paesi o territori a rischio e alle eventuali ulteriori informazioni disponibili.
Le operazioni sospette riconducibili al fenomeno descritto dovranno essere segnalate all’Unità di Informazione Finanziaria con la massima tempestività, specificando il fenomeno stesso nell’apposita sezione della segnalazione, in conformità con quanto indicato nelle istruzioni per la compilazione delle segnalazioni di operazioni sospette.
Sarà cura dei soggetti tenuti agli obblighi di segnalazione, nell’ambito della propria autonomia organizzativa e con le modalità ritenute più idonee, sensibilizzare il personale e i collaboratori incaricati della valutazione delle operazioni sospette, diffondendo opportune indicazioni operative.

Note al testo

  1. La natura e le caratteristiche delle valute virtuali oggi esistenti sono descritte in modo analitico nei seguenti documenti disponibili on line: EBA Opinion on ‘virtual currencies’ del 4 luglio 2014 (http://www.eba.europa.eu/documents/10180/657547/EBA-Op-2014-08+Opinion+o...); FATF Report, Virtual Currencies, pubblicato nel Giugno 2014 (http://www.fatf-gafi.org/media/fatf/documents/reports/Virtualcurrencykey...); ECB -Virtual Currency Schemes dell’ottobre 2012 (http://www.ecb.europa.eu/pub/pdf/other/virtualcurrencyschemes201210en.pdf).
  2. Cfr. EBA Opinion on ‘virtual currencies’ del 4 luglio 2014, cit., FATF Report, Virtual Currencies, cit., ECB Virtual Currency Schemes, cit.; in particolare, il documento FATF descrive alcuni fatti criminali commessi sfruttando le valute virtuali, ad esempio, negli Stati Uniti, anche nell’ambito del cosiddetto “deep web” (es. Silk Road e Liberty Reserve).
  3. Si intendono i Paesi o i territori non annoverati in quelli a regime antiriciclaggio equivalente di cui al relativo decreto del Ministero dell’economia e delle finanze e, in ogni caso, quelli indicati da organismi internazionali competenti (ad es. GAFI, OCSE) come esposti a rischio di riciclaggio o di finanziamento del terrorismo ovvero non cooperativi nello scambio di informazioni anche in materia fiscale.
  4. Ai fini della collaborazione attiva si richiama, in particolare, la comunicazione UIF dell’11 aprile 2013, schema n. 2.

Articoli collegati su UIF

Articoli collegati su BitCoin

Banca d’Italia incontra le associazioni dei consumatori (28 gennaio 2015)

130704-logo-bankit

  • Fonte: comunicato di Banca d’Italia (pdf)

Prosegue il confronto tra la Banca d’Italia e le Associazioni dei consumatori sui temi legati alla tutela dei clienti di banche e intermediari finanziari.
Al centro dell’incontro odierno: i finanziamenti contro cessione del quinto dello stipendio; il quadro normativo e regolamentare in tema di usura; la gestione degli esposti inviati dalla clientela; i recenti andamenti operativi dell’ABF; lo scambio di informazioni fra Banca d’Italia e Associazioni in tema di alfabetizzazione finanziaria della clientela.
La Banca d’Italia ha anche auspicato un contributo da parte delle Associazioni nell’azione di sensibilizzazione di privati e amministrazioni pubbliche sul fenomeno - particolarmente rilevante - delle garanzie rilasciate da soggetti non abilitati.
Al termine della riunione è stata condivisa l’esigenza di:

  • proseguire nell’approfondimento sul comparto dei finanziamenti contro cessione del quinto dello stipendio;
  • arricchire l’informazione statistica e ampliare l’illustrazione delle tematiche rilevanti contenute nell’informativa annuale sull’attività dell’ABF;
  • promuovere l’istituzione di un tavolo di lavoro ristretto per lo scambio di informazioni su
  • tematiche di interesse comune.

È stato infine concordato che il prossimo incontro verrà effettuato entro il prossimo mese di giugno

141217-bankit.jpg

Segui Banca d’Italia su

Ultimi articoli su Banca d'Italia

ComplianceNet: 

Banca d’Italia: “La prevenzione e il contrasto della criminalità organizzata” (14 gennaio 2015)

130704-logo-bankit

  • Fonte: Audizione del Governatore della Banca d’Italia Ignazio Visco (pdf)

Il 14 gennaio 2015 il Governatore della Banca d’Italia, Ignazio Visco, è stato ascoltato in audizione presso la “Commissione Parlamentare d’inchiesta sul fenomeno delle mafie e sulle altre associazioni criminali, anche straniere”.
Nel suo intervento il Governatore (qui in pdf ,  641 K, 13 pp.) ha affrontato tra l’altro il tema dei “costi” dell’economia criminale.
Nel seguito due paragrafi del testo di Visco:

  • 1. Quanto “conta” l’economia criminale?
  • 3. Conclusioni

1. Quanto “conta” l’economia criminale?

Definizioni univoche di economia “illegale” ed economia “criminale” non sono agevoli.
Secondo l’Istat, sono illegali sia le attività di produzione di beni e servizi la cui vendita, distribuzione o possesso sono proibiti dalla legge, sia quelle attività che, pur essendo legali, sono svolte da operatori non autorizzati (nota 2).
È economia criminale quella che, in senso più stretto, offre beni e servizi illegali e dispone di un’organizzazione stabile con proprie risorse, opera solo con regole interne, spesso basate sulla violenza, ma con obiettivi legati al profitto, non dissimili dalle imprese lecite (nota 3).
La natura dei fenomeni, sommersi per definizione, rende complessa qualunque misurazione oggettiva.
Per questo si possono forse ritenere più significative le stime relative agli effetti sul sistema (in particolare sull’economia) rispetto a quelle sugli ammontari movimentati dall’economia criminale.
Le misure del fenomeno sono di varia natura; possono essere riferite alla sua diffusione, al valore delle attività, al rischio di infiltrazione nell’economia legale.
Tutte soffrono di debolezze metodologiche e consentono confronti internazionali solo in misura contenuta. Sia pure con questi limiti, esse concordano nell’evidenziare la rilevanza della criminalità economica nel nostro paese.
Due classi di indicatori sono potenzialmente utilizzabili con riferimento alla diffusione del fenomeno criminale; esse fanno rispettivamente riferimento a dati “oggettivi” sul numero di crimini commessi (forniti dagli archivi giudiziari o delle forze dell’ordine) o a dati qualitativi sulla “percezione” dei fenomeni di criminalità e di corruzione.
I primi sono difficilmente utilizzabili per confronti internazionali, data la limitata disponibilità e le differenti definizioni dei reati (nota 4), e soffrono di un rischio di sottostima (secondo i dati del Ministero dell’interno, nel 2011, sarebbero stati commessi cinque crimini contro la PA – corruzione, concussione, peculato, abuso d’ufficio – e uno di associazione a delinquere o di tipo mafioso ogni centomila abitanti).
I secondi consentono confronti, anche internazionali, ma presentano limiti metodologici se utilizzati per misurare la diffusione dei fenomeni di criminalità economica; rilevano, tuttavia, per valutare l’impatto dei fenomeni criminali sui comportamenti a valle.
Sulla base di indicatori di percezione e di “esperienza diretta” di corruzione, il Rapporto della Commissione Europea sulla corruzione (nota 5) evidenzia per il nostro paese una percezione diffusa di importanza del fenomeno (oltre il 95 per cento dei soggetti intervistati ritiene il fenomeno rilevante in Italia, valore simile a quello della Grecia, tra i più alti in Europa), ma una percentuale relativamente bassa di esperienza diretta di fenomeni corruttivi (9 per cento dei soggetti intervistati contro il 12 medio europeo) e una ancora più bassa esperienza di richieste dirette di tangenti (2 per cento contro il 4 per cento medio Europeo).
Gli indicatori di tipo soggettivo sono per loro natura influenzati dalle caratteristiche socio-demografiche degli intervistati e da altri fattori di contesto: dall’indagine della Banca d’Italia sui bilanci delle famiglie del 2014 emerge che a ritenere la corruzione maggiormente diffusa sono i meno istruiti (fino alla licenza media) e i non occupati (principalmente disoccupati o pensionati) e che le risposte fornite dagli intervistati sono fortemente influenzate dalle notizie riportate dai media nei giorni appena precedenti l’intervista (nota 6).
Altri indicatori cercano di quantificare il valore dei mercati illegali. In questo caso i problemi di definizione sono ancora più rilevanti. Tra le principali stime oggi disponibili vi sono: i) quelle rilasciate a settembre dall’Istat (nota 7) sull’economia illegale, intesa come commercio di sostanze stupefacenti, attività di prostituzione e contrabbando di alcool e tabacchi lavorati: nel 2011 il suo
peso sarebbe stato complessivamente pari allo 0,9 per cento del PIL, valore simile a quello della Spagna e lievemente superiore a quello del Regno Unito (0,7 per cento); ii) quelle realizzate da Transcrime (nota 8) nell’ambito di un progetto internazionale finanziato dalla Commissione Europea (che prende in considerazione i proventi dei mercati della droga, del traffico in armi, del traffico in prodotti del tabacco, della contraffazione, del gioco, delle frodi fiscali), e che valutano tali mercati in circa 110 miliardi di euro in Europa, di cui poco meno di 16 in Italia (1 per cento del PIL, percentuale simile a quella di Spagna e Irlanda ma inferiore alla Grecia e ad alcuni paesi dell’Europa orientale); iii) quelle che si basano sulla quantità di moneta in circolazione (nota 9), che suggeriscono che l’economia illegale in Italia nel quadriennio 2005-2008 potrebbe pesare per oltre il 10 per cento del PIL.
Infine, ulteriori strumenti di valutazione provengono dagli indicatori di “rischio” di riciclaggio.
La Raccomandazione 1 del FATF-GAFI prevede che, al fine di elaborare linee di intervento per la mitigazione dei rischi di riciclaggio, i paesi aderenti al GAFI debbano predisporre “Analisi nazionali dei rischi di riciclaggio e finanziamento del terrorismo” (nota 10).
Le Analisi sono volte a misurare la possibile esposizione dei diversi paesi a tali rischi (tenendo conto da un lato di indicatori di criminalità, dall’altro dei presidi che il sistema ha predisposto per contrastare tali rischi).
L’Italia ha realizzato la prima Analisi nel 2014, in preparazione della visita del Fondo Monetario Internazionale per il Financial Sector Assessment Program (FSAP) in materia di antiriciclaggio e antiterrorismo, attualmente in corso (nota 11).
L’Analisi evidenzia per il caso italiano rischi di riciclaggio elevati per la presenza significativa di criminalità, corruzione, evasione; ma anche l’esistenza di presidi robusti con riferimento agli intermediari finanziari (con una vulnerabilità elevata solo per alcune tipologie di fiduciarie, e per gli istituti di pagamento e di moneta elettronica, anche comunitari, specie in presenza di una rete di agenti).
In prospettiva, la predisposizione delle Analisi da parte dei diversi paesi faciliterà le possibilità di confronti internazionali.
Un approccio differente alla misura del fenomeno è quello volto a identificare gli effetti dell’economia criminale sul funzionamento del sistema economico: l’impatto economico più significativo della criminalità non consiste tanto nel valore di quanto prodotto attraverso attività criminali, ma, con effetti di ben più lungo periodo, nel valore di quanto non prodotto a causa delle distorsioni generate dalla diffusione della criminalità.
Le analisi disponibili quantificano l’impatto aggregato sulla crescita del PIL.
Un primo lavoro – condotto a supporto dei lavori della precedente Commissione Antimafia (nota 12) – ha stimato che l’insediamento della criminalità organizzata in Puglia e Basilicata nei primi anni Settanta ha generato nelle due regioni, nell’arco di un trentennio, una perdita di PIL di circa il 16 per cento, rispetto a uno scenario controfattuale.
Con una metodologia simile, si è confrontato quanto accaduto in Friuli Venezia Giulia e in Irpinia dopo i terremoti del 1976 e 1980, in seguito all’afflusso di fondi pubblici: nel corso dei trent’anni successivi, in Friuli Venezia Giulia, dove la criminalità organizzata non era presente, la crescita del PIL pro capite è stata superiore di circa 20 punti percentuali a quella osservata in una regione controfattuale, mentre in Irpinia, dove la criminalità organizzata era fortemente radicata, la crescita del PIL pro capite è stata inferiore di circa 12 punti percentuali rispetto a quella della regione di controllo (nota 13).
Una maggiore densità criminale fa salire il costo del credito per le imprese, e induce una maggiore richiesta di garanzie da parte delle banche con potenziali effetti negativi su investimenti e crescita (nota 14).
Anche nel mercato assicurativo la presenza della criminalità impone un costo diretto su imprese e cittadini: i dati IVASS mostrano che nel 2013 i premi più elevati sono stati pagati in Campania, Puglia e Calabria, regioni a forte densità criminale.
La criminalità ha un effetto negativo sugli investimenti in generale e quelli diretti dall’estero in particolare. Utilizzando l’indicatore Doing Business, che fornisce una sintesi della qualità dell’ambiente istituzionale, e considerando il grado di penetrazione criminale nel territorio, è stato stimato che, a parità di altre condizioni, se le istituzioni italiane fossero state qualitativamente simili a quelle dell’area dell’euro, tra il 2006 e il 2012 i flussi di investimento esteri in Italia sarebbero
risultati superiori del 15 per cento – quasi 16 miliardi di euro – agli investimenti diretti effettivamente attratti nel periodo (nota 15).
In sintesi, le analisi concordano nell’evidenziare effetti negativi significativi sulle principali variabili che influenzano la crescita di una nazione.

3. Conclusioni

La Banca d’Italia è attivamente impegnata nel contrasto all’illegalità.
Lavora su diversi fronti per migliorare l’efficacia delle azioni; è ovviamente aperta a indicazioni e stimoli.
Presso la UIF è stata rafforzata negli ultimi anni l’attività di analisi dei flussi finanziari, con l’uso di metodi quantitativi applicati alla massa di dati e informazioni, economiche e finanziarie, a disposizione della Unità.
Le analisi consentono di individuare, su base statistica, potenziali anomalie nei flussi finanziari con riferimento a specifiche aree del territorio nazionale, strumenti di pagamento, settori economici, singoli segmenti del comparto finanziario e altri ambiti di interesse.
Un primo esempio di questo filone è rappresentato dallo studio sui bonifici verso i paesi a rischio, frutto della collaborazione tra la UIF e il Dipartimento Economia e Statistica della Banca d’Italia; considerando le determinanti dei flussi finanziari tra l’Italia e il resto del mondo, vengono individuate posizioni potenzialmente “anomale”.
I risultati mostrano che, a parità di altre condizioni, i flussi indirizzati verso i cosiddetti “paradisi fiscali” sono di circa il 36 per cento più elevati di quelli verso gli altri paesi esteri.
L’indice di anomalia costruito nel lavoro risulta positivamente correlato sia con i tassi di criminalità legati ai furti e al traffico di droga nella provincia di origine del bonifico, sia con misure del rischio di riciclaggio e di opacità della legislazione finanziaria nei paesi di destinazione.
Un ulteriore studio in via di completamento è volto a individuare anomalie a livello comunale nell’uso del contante.
UIF e Vigilanza hanno iniziato a elaborare indicatori statistici di esposizione al rischio di riciclaggio, basati sull’operatività finanziaria a livello locale dei singoli intermediari.
I risultati, che hanno fornito un supporto all’Analisi nazionale del rischio di riciclaggio, consentiranno in prospettiva di orientare l’attività dei soggetti che partecipano al sistema antiriciclaggio.
Potranno essere uno strumento per indirizzare l’azione di accertamento ispettiva e di analisi operativa della UIF e della Vigilanza; consentiranno di accrescere la collaborazione attiva degli intermediari; forniranno potenziali stimoli e strumenti per le rispettive attività agli organi di contrasto; assicureranno un supporto alle altre Autorità per i rispettivi fini istituzionali.
La disponibilità di informazioni, la loro condivisione, sono il presupposto per interventi sempre più efficaci.
Permane l’esigenza di ampliare le fonti informative della UIF che, in contrasto con gli standard internazionali, non ha, in particolare, accesso alle informazioni investigative.
Un contributo alla creazione di un contesto più orientato alla legalità può venire da incentivi specifici, come potrebbe diventare il rating di legalità.
Il d.m. 57 del 20 febbraio 2014 del MEF prevede che le banche tengano conto del rating nel concedere prestiti; che la Banca d’Italia vigili sull’osservanza delle disposizioni da parte delle banche; che le banche trasmettano alla Banca 11 d’Italia entro il 30 aprile una relazione relativa ai casi in cui il rating non ha influito sulle modalità di concessione del credito.
Abbiamo incluso l’osservanza delle disposizioni tra gli elementi che devono essere considerati nell’analisi qualitativa del profilo di rischio di credito dell’intermediario.
Analizzeremo le relazioni degli intermediari e ne daremo informazione.
Consapevoli degli oneri che questi obblighi impongono al sistema, cercheremo soluzioni che contemperino le esigenze informative con i costi.
È tuttavia indispensabile che alla presenza di efficaci presidi specifici si accompagni la diffusione nella cultura di cittadini e imprese dei valori della legalità e della correttezza.
L’istruzione svolge sotto questo profilo un ruolo essenziale (nota 24).
Le iniziative di educazione alla legalità e in particolare di quella economica svolte da diverse Istituzioni in collaborazione con il Ministero dell’istruzione sono importanti per sviluppare la percezione del ruolo dei comportamenti individuali nel presidiare il valore della legalità.
Offriamo il nostro contributo a questi percorsi con i progetti di educazione finanziaria nelle scuole primarie e secondarie, nella convinzione che essi contribuiscano ad accrescere la consapevolezza dei singoli nelle scelte economiche, favorendone comportamenti corretti, fornendo strumenti di autotutela (complementari a regolamentazione e controlli) e nello stesso tempo una maggiore capacità di riconoscere e identificare eventuali condotte scorrette od opportunistiche.
Una più elevata alfabetizzazione finanziaria (che nel nostro paese è particolarmente bassa) è essenziale per assicurare anche una maggiore capacità di accesso consapevole al sistema finanziario (di ”inclusione finanziaria”, come viene definita dalle organizzazioni internazionali) di tutti i cittadini.

Note al testo

  • 1 I. Visco, Contrasto all’economia criminale: precondizione per la crescita, Milano, intervento introduttivo al Convegno organizzato da Banca d’Italia e Fondazione CIRGIS, 7 novembre 2014.
  • 2 Istat, L’economia illegale nei conti nazionali, 2014. Audizione del Presidente dell’Istituto nazionale di statistica, Commissione parlamentare d’inchiesta sul fenomeno della mafia e sulle altre associazioni, anche straniere.
  • 3 “Per una moderna politica antimafia”, Rapporto della Commissione per l’elaborazione di proposte in tema di lotta, anche patrimoniale, alla criminalità, 2013.
  •  4 Per un tentativo cfr. Buonanno, Drago, Galbiati, Zanella, “Crime in Europe and the United States: dissecting the ‘reversal of misfortunes’”, Economic Policy, July, 2011.
  • 5 European Commission Report from the Commission to the Council and the European Parliament. EU AntiCorruption Report, Brussels, February, 2014.
  • 6 L. Rizzica e M. Tonello, “Corruption perceptions and media bias: evidence from Italy”, Banca d’Italia, mimeo, 2014.
  • 7 Realizzate secondo le linee del Sistema europeo dei conti nazionali, che includono le transazioni con un “consenso volontario”.
  • 8 Ernesto U. Savona and Michele Riccardi (a cura di), “From illegal markets to legitimate businesses: the portfolio of organised crime in Europe”, Rapporto finale del Progetto OCP (www.ocportfolio.eu). Progetto co-finanziato da Commissione Europea, DG Affari Interni, in corso di pubblicazione.
  • 9 G. Ardizzi, C. Petraglia, M. Piacenza, e G. Turati, “Measuring the underground economy with the currency demand approach: a reinterpretation of the methodology, with an application to Italy”, Banca d’Italia, Temi di Discussione, 864, aprile 2012.
  • 10 La quarta direttiva antiriciclaggio, su cui il Consiglio dell’Unione Europea ha raggiunto un accordo con il Parlamento Europeo lo scorso 16 dicembre, prevederà l’obbligo di condurre esercizi di national risk assesment sia a livello europeo che nazionale.
  • 11 http://www.dt.tesoro.it/export/sites/sitodt/modules/documenti_it/news/ne... obbligati_2_dicembre_2014.pdf.
  • 12 P. Pinotti, “The economic costs of organized crime: evidence from southern Italy”, Banca d’Italia, Temi di Discussione, 868, aprile 2012.
  • 13 F. Decarolis, C. Giorgiantonio e V. Giovanniello, “L’affidamento dei lavori pubblici in Italia: un’analisi dei meccanismi di selezione del contraente privato”, Banca d’Italia, Questioni di Economia e Finanza, 83, dicembre 2010.
  • 14 E. Bonaccorsi di Patti, “Weak institutions and credit availability: the impact of crime on bank loans”, Banca d’Italia, Questioni di Economia e Finanza, 52, luglio 2009.
  • 24 Uno studio recente ha stimato in particolare l’effetto dell’accumulazione di capitale umano sulla delinquenza giovanile: il posticipo dell’obbligo scolastico introdotto con la riforma Berlinguer del 1999, determinando un incremento del tasso di scolarizzazione di circa 7 punti percentuali (da 89,8 a 96,7 nella media nazionale), avrebbe ridotto la delinquenza minorile di oltre il 20 per cento (da 20,5 a 15,9 minori denunciati ogni 1.000 adolescenti del corrispondente gruppo di età). Cfr. Y. Brilli, M. Tonello, “Rethinking the crime reducing effect of education: the role of social capital and organized crime”, Banca d’Italia, mimeo, 2014.

150115-bankit-visco.jpg

Allegato

  • Ignazio Visco, Governatore della Banca d’Italia, “La prevenzione e il contrasto della criminalità organizzata”, audizione  presso la “Commissione Parlamentare d’inchiesta sul fenomeno delle mafie e sulle altre associazioni criminali, anche straniere”, 14 gennaio 2015, ( pdf ,  641 K, 13 pp.)

Il nuovo sito della Banca d’Italia è on line (17 dicembre 2014)

141217-bankit.jpg

Completamente rinnovato nella grafica e nell’organizzazione dei contenuti, il nuovo sito è caratterizzato da una navigazione semplice e intuitiva. Il motore di ricerca, arricchito di nuove funzionalità, consente di raggiungere le informazioni desiderate in modo preciso e tempestivo.
Il nuovo sito conserva tutta la ricchezza informativa del precedente con oltre 35.000 contenuti, 1.300 notizie e 660 foto e video, organizzati in 6 sezioni principali e 443 sotto sezioni.
Dalla home page si accede con un solo click alle sezioni principali, alle notizie, all’agenda degli eventi in programma, alle aree focus e a tante altre informazioni.
Dalle diverse pagine si possono inoltre raggiungere prodotti multimediali, foto e video, integrati nelle librerie Picasa e YouTube; è inoltre possibile condividere i contenuti sulle principali piattaforme social.
Il pubblico può trovare le informazioni di proprio interesse accedendo, direttamente dal menu di navigazione sulla home page, alla sezione Servizi al cittadino. Qui è possibile trovare anche la modulistica di riferimento ed eventuali approfondimenti.
Nella sezione Media, oltre a notizie, comunicati stampa e prodotti multimediali, sono disponibili i kit informativi relativi ai principali eventi.
Il patrimonio statistico della Banca d’Italia, elaborato, controllato e diffuso seguendo i migliori standard internazionali, è facilmente fruibile grazie all’organizzazione in aree tematiche: per ciascun fenomeno osservato sono disponibili sulla stessa pagina web tutte le informazioni e i dati di interesse.
Grazie al motore di ricerca dedicato, consultare le pubblicazioni della Banca, presentate sia in ordine alfabetico che per categoria, sarà più agevole.
Le immagini che identificano le sezioni del sito sono tratte dal patrimonio artistico, culturale e professionale della Banca d’Italia; sono riconoscibili dettagli di banconote, elementi architettonici dei palazzi, particolari di opere d’arte della Banca.
Il sito utilizza una nuova piattaforma tecnologica e funziona su tutti i dispositivi (desktop, tablet, smartphone), adattando in maniera ottimale la pagina ai diversi schermi (approccio responsive).
Per essere sempre aggiornati sulle novità pubblicate è possibile iscriversi ai servizi di Email alert  e RSS.
Buona navigazione!

Segui Banca d’Italia su

 

ComplianceNet: 

Pagine