Autoriciclaggio e 231-01: la circolare ABI (3 gennaio 2016)

160103-francs
L’ABI sulla revisione dei modelli ex DLgs. 231/2001 alla luce dell’introduzione del nuovo delitto di autoriciclaggio (immagine By MadGeographer [Public domain], via Wikimedia Commons)

Il 1° dicembre 2015 l’ABI, l’associazione Bancaria Italiana, ha pubblicato la circolare n. 6/2015 (Serie Legale) (qui in pdf  dal sito aodv231.it  , 723 K, 6 pp.) che analizza i riflessi dell’introduzione del nuovo delitto di autoriciclaggio (art. 648-ter.1 c.p.) sull’attività delle banche e i connessi rischi.
Commentando la Circolare, Carlo Cavallo (web) scrive su BancaFinanza (“Autoriciclaggio: recente circolare ABI”, 18 dicembre 2015) che l’ABi pone la “questione dei limiti dell’autoriciclaggio” nell’ambito delle indicazioni offerte per l’aggiornamento dei modelli organizzativi ai sensi del D. Lgs. 231 del 2007 ricorrendo “anzitutto, ad una fondamentale distinzione relativa all’origine del provento illecito, classificato come esterno alla banca o di formazione interna alla banca stessa”.
Nel primo caso – provento esterno -, per evitare di commettere il reato di autoriciclaggio la Circolare sottolinea la necessità per la banca di attingere alla normativa dettata in tema di antiriciclaggio dal D. Lgs. 231 del 2007 nel quale all’art. 2 si dà una definizione di riciclaggio tale da coprire anche l’ipotesi di autoriciclaggio.
Nel caso – diverso – in cui i proventi illeciti si siano formati all’interno della stessa banca, le procedure e i principi di comportamento, già adottati per prevenire il rischio di commissione degli altri reati inseriti nell’elenco di quelli presupposto della responsabilità degli enti, possono risultare efficaci anche per la prevenzione “a monte” dell’autoriciclaggio dei relativi proventi illeciti.
Scrive ancora Carlo Cavallo: “Poste tali premesse sull’origine del provento, la Circolare osserva che per i casi in cui «la provenienza del denaro sia riconducibile a reati non rientranti nel catalogo di cui agli artt. 24 ss. D. Lgs. n. 231 del 2001 – in primo luogo vengono in considerazione i reati fiscali, la realizzazione di alcune tipologie dei quali determina non tanto la creazione di nuove disponibilità illecite, ma la permanenza nel patrimonio della banca, quale profitto dell’illecito, della somma corrispondente all’ importo delle imposte evase – i presidii devono strutturarsi focalizzando il contenuto del Modello organizzativo non tanto sul controllo circa la provenienza del denaro, quanto sulle modalità di utilizzo dello stesso, in modo da far emergere eventuali anomalie o elementi non ordinari e impedendo il ricorso a tecniche idonee ad ostacolare in concreto l’individuazione della provenienza illecita dei beni.» Insomma: per l’ABI l’autoriciclaggio è ammissibile anche nel caso di reati esclusi dal perimetro del D. Lgs. 231/2001”.
Conclusione assai diversa da quanto sostenuto invece da Confindustria con la Circolare n. 19867 del 12 giugno 2015 (pdf, 222K, 4 pp.) ha sottolineato che «configurare l’autoriciclaggio anche rispetto a fattispecie diverse da quelle contenute nel D. Lgs. 231/2001 avrebbe considerevoli ricadute sul piano pratico, in quanto porterebbe a sovraccaricare eccessivamente il sistema di prevenzione attivato dall’impresa, vanificandone l’efficacia:“sul piano operativo – si legge – ne potrebbe derivare un’attività di aggiornamento del Modello Organizzativo pressoché impraticabile.”
D’altra parte, si aggiunge, “l’interpretazione estensiva sembra violare le fondamentali garanzie di tutela previste dal Decreto 231.”
In sostanza, secondo Confindustria, l’autoriciclaggio dovrebbe rilevare ai fini dell’eventuale responsabilità dell’ente soltanto se il reato-base rientra tra quelli presupposto previsti in via tassativa dal Decreto 231.»
Sullo stesso tema Maurizio Meoli, su Eutekne del 29 dicembre 2015 (“Modelli organizzativi delle banche da aggiornare all’autoriciclaggio”)  riprende e commenta la Circolare ABI sottolineando, in particolare, gli aspetti relativi alle segnalazioni di operazioni sospette:
«Da quest’anno, nel settore dell’antiriciclaggio è stato reso pienamente esecutivo un nuovo sistema basato sull’analisi delle “segnalazioni di operazioni sospette” attraverso tre distinte procedure informatiche complementari, che hanno consentito, dal 1° gennaio di quest’anno, di raggiungere l’obiettivo di analizzare tutte le “segnalazioni sospette” pervenute (70.698) dall’Unità di Informazione Finanziaria (U.I.F.) della Banca d’Italia e di estrapolare, conseguentemente, quelle di interesse investigativo per la D.I.A.
Infatti, delle 70.698 segnalazioni pervenute nel 2015, ne sono state evidenziate alla D.N.A. 11.080, perché potenzialmente attinenti alla criminalità organizzata.
Inoltre, grazie al protocollo d’intesa sottoscritto dal Direttore della D.I.A. e dal Procuratore Nazionale Antimafia ed Antiterrorismo, del 26 maggio scorso, l’analisi delle “segnalazioni sospette” è stato integrato da un supporto informativo in grado di fornire un impulso immediato alle indagini svolte dalle Procure Distrettuali.»

Indice della Circolare ABI “Autoriciclaggio e responsabilità degli enti”

Premessa
1.  L'introduzione  del  delitto   di  autoriciclaggio  e  la  previsione  delle responsabilità dell'ente ex D.Lgs. 231 del 2001.
2. Il delitto di autoriciclaggio: l'area di incriminazione e i rapporti con i delitti di riciclaggio e reimpiego.
3. La struttura oggettiva della fattispecie
4. L'elemento soggettivo.
5. La clausola di non punibilità di cui al quarto comma dell'art. 648  ter 1  c.p.
6. La responsabilità degli enti: l'inserimento del delitto di autoriciclaggio nell'art. 25 octies  del D.Lgs.  231 del 2001.
7. Indicazioni circa l’aggiornamento del Modello Organizzativo

Allegati

  • ABI, Circolare ABI - Serie Legale  n. 6 - 1° dicembre 2015, “Autoriciclaggio e responsabilità degli enti” (qui in pdf  dal sito aodv231.it  , 723 K, 6 pp.)
  • Confindustria, “Circolare N.: 19867 - Il reato di autoriciclaggio e la responsabilità ex Decreto 231”, 12 giugno 2015 (pdf, 222K, 4 pp.)

Rassegna stampa e web

Ultimi articoli su "Antiriciclaggio"

443px-Money-laundering.svg.png

(image from http://commons.wikimedia.org/wiki/File:Money-laundering.svg)

Ultimi articoli su 231-01

Ultimi articoli su ABI

140620-logo-abi-2.png

ComplianceNet: