Agenzia entrate, Rossella Orlandi: Compliance fiscale obiettivo prioritario (4 gennaio 2017)

141121-rossella-orlandi-2.jpg

Fisco, Agenzia entrate cambia gioco. Orlandi: "Guardia e ladri non funziona più"

''Guardie e ladri è un gioco che non funziona più''.
La deterrenza è l'ultimo strumento, dopo aver messo in campo ''tutti gli strumenti a disposizione per costruire un rapporto di fiducia'' con i contribuenti.
Il direttore dell'Agenzia delle entrate, Rossella Orlandi , scrive un editoriale pubblicato nella rivista interna dell'amministrazione 'Pagine on line', per spiegare ai dipendenti che bisogna spostare l'attenzione sulla ''persona'' intesa come ''soggetto, meritevole di ascolto, anziché mero oggetto delle nostre lavorazioni''.
''Solo grazie al vostro contributo si potrà rendere effettivo e concreto il cambiamento che sicuramente tutti auspichiamo'', dice Orlandi.
Compliance sarà la ''parola d'ordine'', ''il cuore'' e ''le fondamenta'' di una ''rinnovata strategia'' che, spiega Orlandi, prevede un ''percorso di ridefinizione dei rapporti con i contribuenti, ancora più improntati ai principi di trasparenza e rispetto reciproco''.
L'Agenzia ''è geneticamente programmata per affrontare i cambiamenti'', dalle modifiche organizzative ai cambiamenti culturali. Oggi, spiega Orlandi, occorre fare ''un ulteriore salto di qualità sia nella strategia sia nella nostra impostazione culturale''.
''Dobbiamo interiorizzare il concetto che il nostro compito non è inseguire le mere violazioni formali per sanzionarle severamente''.
Secondo il direttore bisogna ''abbandonare ogni atteggiamento autoritativo: le persone che abbiamo di fronte sono generalmente in buona fede''.
Il contrasto va indirizzato solo verso quei soggetti ''con volontà di sottrarsi ai propri doveri nei confronti della collettività, dobbiamo impiegare le nostre energie migliori verso i fenomeni significativi di evasione''.
Diversamente, contro gli evasori ''consapevoli e incalliti utilizzeremo giustamente, e in modo vigoroso, gli strume nti a nostra disposizione''. ''Allora sì che il nostro intervento sarà un’azione virtuosa e legittima nell’interesse della comunità''. Solo così, spiega Orlandi, ''potremo ribaltare un’ingiusta percezione negativa del nostro lavoro, che invece da sempre si fonda su principi di integrità morale, correttezza e imparzialità''.

Rassegna stampa web

  • Alessandro Galimberti, "Orlandi: stop alla caccia alle violazioni formali", Il Sole 24 Ore,  4 Gennaio 2017 (pdf, via FiscoOggi.it)

agenzia_entrate.jpg

Altri articoli su Rossella Orlandi

Ultimi articoli su "Cooperative Compliance"

Articoli collegati su Fisco

Rimani in contatto

140709-linkedin2.jpg  facebook facebook

*